User Tag List

Pagina 4 di 5 PrimaPrima 1 2 3 4 5 UltimaUltima
Risultati da 46 a 60 di 61

Discussione: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

  1. #46
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    63
    Ringraziamenti ricevuti
    9
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    Stai tranquillo che sono tantissimi quelli che già oggi giocano su book asiatici (i numeri sono enormi) perché hanno mercati diversi che su book italiani non trovi. Poi aggirare il blocco è talmente ridicolo che su vari forum e siti (e gli stessi book esteri) lo spiegheranno col cucchiaino...ed il blocco della pubblicità in Italia dei books legali aumenterà questo in modo esponenziale, stanne certo.
    Replica con @OdioLeTasse utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  2. #47
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    63
    Ringraziamenti ricevuti
    9
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    In arrivo le linee guida di AGCOM: https://www.agimeg.it/politica/agcom...utera-a-aprile


    Le criticità saranno sull'online penso, qualche modifica ci dovrà essere, vedremo: https://www.agimeg.it/politica/pubbl...oni-successive


    Sembra dalle prime voci che sarà forse ancora consentita solo la Pubblicità Istituzionale: https://www.agimeg.it/pp/pubblicita-...icita-istituzi
    Ultima modifica di OdioLeTasse; 11-04-19 alle 04:14 PM
    Replica con @OdioLeTasse utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  3. The Following 2 Users Say Thank You to OdioLeTasse For This Useful Post:

    gibilisco (21-03-19), web78it (21-03-19)

  4. #48
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    63
    Ringraziamenti ricevuti
    9
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    Ultima modifica di OdioLeTasse; 26-04-19 alle 08:03 PM
    Replica con @OdioLeTasse utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  5. The Following 2 Users Say Thank You to OdioLeTasse For This Useful Post:

    gibilisco (27-04-19), mihi (03-05-19)

  6. #49
    Data Registrazione
    Jan 2005
    Località
    .
    Messaggi
    162
    Ringraziamenti ricevuti
    4
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    3
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    Quindi in pratica gli affiliati ai casino dovranno togliere tutti i link e probabilmente anche i nomi dei casino. Giusto?
    Replica con @gibilisco utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  7. #50
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    , , .
    Messaggi
    566
    Ringraziamenti ricevuti
    54
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    @gibilisco non credo sia proprio così. sono "salve" comunicazioni di scopo informativo e sociale, comparatori di quote, segnalazioni verso siti che applicano il gioco legale. bisognerà sicuramente approfondire i vari punti, ma credo che si possa continuare a lavorare, magari modificando la tipologia di banner, links, comunicazioni, etc

    Su italiaoggi.it si legge:

    Rimangono, tuttavia, una serie di ambiti in cui la pubblicità, in alcune forme, sarà permessa. Infatti, si legge nel documento diffuso dall'Autorità presieduta da Angelo Marcello Cardani, non rientrano nell'ambito di applicazione della norma le comunicazioni di mero carattere informativo fornite dagli operatori di gioco legale, come le informazioni rese disponibili nei siti di gioco o nei punti fisici di gioco, riguardanti le quote, i jackpot, le probabilità di vincita, le puntate minime e gli eventuali bonus. Saranno esclusi dal divieto, come detto, gli spazi dedicati alle «quote», come rubriche ospitate nei programmi tv o web sportivi che indicano le quote offerte dai bookmaker. Ammessa anche la televendita di beni e servizi di gioco a pagamento, a patto che non abbiano finalità prevalentemente promozionali. Consentita anche l'esposizione delle vincite realizzate presso i punti vendita di prodotti di gioco. In merito ai processi di indicizzazione, come si legge nelle linee guida, «esulano dall'ambito di applicazione del divieto i cosiddetti servizi gratuiti di indicizzazione mediante algoritmo forniti direttamente dai motori di ricerca o dai marketplace (come ad esempio Google play) che consentano all'operatore di gioco di avere un posizionamento migliore nei risultati di ricerca dell'utente».
    Ultima modifica di web78it; 28-04-19 alle 11:58 AM
    Giochi Gratis divisi per categorie e recensiti in italiano www.giochi-gratis.eu
    Sito web fai da te, hosting e dominio giusto www.costruzionesitiweb.it
    Replica con @web78it utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  8. #51
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    , , .
    Messaggi
    121
    Ringraziamenti ricevuti
    0
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    In pratica... secondo le linee guida appena approvate dall'AGCOM come ci si dovrà comportare per quanto riguarda chi possiede un sito informativo sui giochi e cioè cosa si potrà inserire su tali siti e cosa no. Qualcuno potrebbe spiegarlo, grazie mille.
    Replica con @Tommy73 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  9. #52
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    567
    Ringraziamenti ricevuti
    40
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    @Tommy73
    Provo ad iniziare una lista di esempi pratici sperando che altri la possano arricchire/correggere:

    COSA NON PUOI FARE SUL TUO SITO
    1. NON PUOI INSERIRE BANNER VS SITI LEGALI (AAMS) E ILLEGALI
    2. NON PUOI PUBBLICARE POSTLINK PROMOZIONALI CON LINK VS SITI LEGALI (AAMS) E ILLEGALI


    COSA PUOI FARE SUL TUO SITO
    1. PUOI PUBBLICARE POSTLINK INFORMATIVI CON LINK VS SITI LEGALI (AAMS)
    Replica con @genny50 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  10. #53
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    , , .
    Messaggi
    566
    Ringraziamenti ricevuti
    54
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    @genny50

    COSA NON PUOI FARE SUL TUO SITO
    1. NON PUOI INSERIRE BANNER VS SITI LEGALI (AAMS) E ILLEGALI
    Questa cosa non è ancora molto chiara. Se si tratta di comunicazioni sociali indirizzati al gioco responsabile le comunicazioni sono ammesse. Almeno cosi pare di capire. Sempre che siano pubblicate su siti attinenti. Es. se il mio sito tratta Notizie di Cronaca non è ammesso. Se tratta recensioni di siti di quote scommesse, è ammesso. Così come sono ammessi i comparatori di quote. Purchè non sia fatta pubblicità in modo troppo esplicito. esempio: gioca ora su pippopluto.it e riceverai un bonus di xxxx €


    2. NON PUOI PUBBLICARE POSTLINK PROMOZIONALI CON LINK VS SITI LEGALI (AAMS) E ILLEGALI
    Da una parte viene scritto che le attività di seo per il posizionanemto sono ammesse. Dall'altra non si capisce come. Secondo me potremo continuare a pubblicare articoli come: "Giocare in modo sicuro e legale, ecco le linee guida AAMS" e all'interno piazzarci un link al sito del bookmaker legale dove è possibile giocare legalmente.
    Non si potrà pubblicare invece articolo cosi "Su pincopallino.it troverai tutti gli ultimi giochi di slot con un bonus di benvenuto di xxxx "

    COSA PUOI FARE SUL TUO SITO
    1. PUOI PUBBLICARE POSTLINK INFORMATIVI CON LINK VS SITI LEGALI (AAMS)
    Esatto

    Chi ne sa di più o voglia aggiungere altre considerazioni, correggere le mie, si unisca alla discussione
    Giochi Gratis divisi per categorie e recensiti in italiano www.giochi-gratis.eu
    Sito web fai da te, hosting e dominio giusto www.costruzionesitiweb.it
    Replica con @web78it utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  11. #54
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    , , .
    Messaggi
    566
    Ringraziamenti ricevuti
    54
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    Su agipronews.it si legge:

    SITI WEB - Nessun divieto per i domini dei siti. Inoltre «esulano dall’ambito di applicazione del divieto i cosiddetti servizi gratuiti di indicizzazione mediante algoritmo forniti direttamente dai motori di ricerca o dai marketplace (es. Apple Store, Google Play) che consentano all’operatore di gioco di avere un posizionamento migliore nei risultati di ricerca dell’utente, una volta che quest’ultimo abbia già inserito la specifica query relativa al gioco a pagamento nel motore di ricerca o nel marketplace.
    Giochi Gratis divisi per categorie e recensiti in italiano www.giochi-gratis.eu
    Sito web fai da te, hosting e dominio giusto www.costruzionesitiweb.it
    Replica con @web78it utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  12. #55
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    63
    Ringraziamenti ricevuti
    9
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    Un'utile intervista ad Antonio Nicita (commissario AGCOM):


    La pubblicità dell’azzardo legale è stata ufficialmente vietata dall’articolo 9 del “Decreto dignità”, approvato l’estate scorsa. Un divieto che dovrebbe diventare pienamente operativo il 14 luglio prossimo, quando scadrà il periodo di transizione previsto dalla norma per i contratti in essere prima dell’approvazione del decreto stesso. Dovrebbe inoltre scadere anche lo spazio di “tolleranza” per le sponsorizzazioni dei brand di scommesse per le squadre di calcio.

    Nel frattempo, Agcom, l’Autorità garante per le comunicazioni a cui la legge ha attribuito la funzione di controllo, ha emanato delle Linee guida. Vita.it ha chiesto in un’intervista ad Antonio Nicita, commissario dell’Autorità, di fare chiarezza.

    Professor Nicita, partiamo dalle Linee guida, che cosa sono?
    “Mi permetta di dire che, al riguardo, ci sono state alcune interpretazioni errate o forzate, in un senso o nell’altro. Dal punto di vista giuridico, generalmente, funziona così: una norma stabilisce dei principi e attribuisce l’enforcement a un’autorità. Poiché la norma è di carattere generale, l’autorità emana un regolamento per disciplinare i sotto casi e l’articolazione del presidio normativo, anche per dare certezza giuridica ai soggetti interessati dalla norma. In questo caso, però, la norma contenuta nel Decreto Dignità è molto netta e definita, nel senso che definisce e copre molti casi (l’insegna, il marchio, le sponsorizzazioni) e li vieta…
    Infatti da subito in Agcom non siamo andati nella direzione di un regolamento, proprio perché la norma è molto chiara e assoluta. Peraltro l’Autorità, anche con apposite occasioni di confronto pubblico alle quali ad esempio abbiamo invitato un esperto come il prof. Luigino Bruni, ha in passato sottolineato la necessità di intervento sulla pubblicità dei giochi d’azzardo in tv. Siamo quindi andati nella direzione delle Linee guida, dopo una lunga e ricca consultazione, che sono più generali, flessibili e adattabili in via evolutiva, anche a seguito dei casi concretamente osservati. A nostro avviso servivano delle linee guida perché le tipologie di giochi sono moltissime e diverse in termini di pubblicità, informazione, luoghi di gioco, soggetti coinvolti (la schedina non è uno skill game, una scommessa non è un Gratta & Vinci). Date queste linee guida, l’enforcement si realizzerà caso per caso, con opportune correzioni di tiro, e si definirà in progress, in base alle segnalazioni che arriveranno all’Agcom e che ci aiuteranno a definire categorie di casi sempre più tipizzate”.


    Ci sono però delle eccezioni contemplate dalle Linee guida?

    “La prima eccezione che è stata valutata è quella della mera insegna. Qui si intende un’insegna che non deve indurre al gioco, che non dovrebbe cioé costituire un elemento di pubblicità al gioco d’azzardo. La seconda eccezione, che voi su Vita avete evidenziato, è la differenza fra pubblicità e informazioni commerciali che però abbiamo caratterizzato come un’esigenza che va poi specificamente definita nei casi concreti, in funzione del tipo di gioco. Occorre evitare due rischi, in qualche modo opposti: evitare che l’informazione sulle modalità e sulla natura del gioco d’azzardo sia una forma occulta di pubblicità, ma anche evitare che eliminando ogni tipo di informazione utile a illustrare il tipo di gioco si finisca per sottrarre elementi informativi essenziali a coloro che intendano comunque giocare. Sappiamo bene quanto questa distinzione dia difficile e per questa ragione abbiamo solo delineato il principio. Vietare la pubblicità non significa vietare il gioco e nemmeno lasciare il giocatore senza informazioni ex-ante. Bisogna evitare quella che gli economisti chiamano selezione avversa, lasciando senza informazioni chi abbia deciso di giocare”.

    Ex post, ex ante. Come distinguere pubblicità e informazioni utili?
    “Le informazioni commerciali sono informazioni su come si gioca, su cosa si rischia, e non solo su cosa si vince, ma anche su cosa si perde. In teoria questo tipo di informazioni dovrebbe essere indirizzato a coloro che già abbiano deciso di giocare. Mi spiego: se un soggetto vuole giocare a un gioco, chiedo informazioni su quel gioco. Naturalmente tra il caso teorico e la pratica c’è una zona grigia difficile da determinare”.

    La questione, dunque, se non capisco male è: come si fa a decidere che gioco giocare se non conosce il gioco?
    “È proprio questo il punto e qui sta la difficoltà. Ed è per questo che bisogna distinguere, in concreto, i vari tipi di gioco e i vari casi. Generalmente, ci si informa andando in luoghi, fisici o online, specifici o attraverso il passaparola. Le informazioni commerciali vengono ex post, ovvero dopo che un soggetto abbia segnalato o rivelato, con le proprie azioni, che intenda giocare o anche che abbia almeno intenzione di informarsi sul gioco. Mentre la pubblicità è una comunicazione sintetica e accattivante che avviene ex ante, si rivolge ad un pubblico indistinto che include soggetti che, in assenza di richiami e segnalazioni, magari non avrebbero scelto di giocare”.

    Cartelloni, insegne, spot. Vede dei problemi in questa impostazione?
    “Nel caso di un gioco online tutto questo è più facile da disciplinare, perché Agcom potrebbe ad esempio agire come nel caso dei servizi premium che vengono offerti dagli operatori di comunicazione per i quali è previsto un doppio click che confermi la volontà dell’utente e dia la possibilità di abbandono senza costo in caso di errore. Online o in giochi digitali è facile avere una tracciabilità del fatto che il soggetto prima ha chiesto e, poi, riceve l’informazione e la proposta di gioco. Le cose si complicano se passiamo a un ambiente fisico, un tabaccaio o un bar. In questo caso è davvero difficile stabilire se l’informazione è arrivata prima o dopo la richiesta del soggetto. La mia risposta potrebbe essere quella di trovare, per ogni tipologia di gioco, una soluzione concreta a questo problema e tipizzarla, avendo in mente i principi stabiliti dalle linee guida”.

    Tutti i cartelloni con le vincite esposti nelle tabaccherie («vinti 1000 euro», etc.) sono informazione o pubblicità secondo Agcom?
    “Si tratta, mi sembra, di iniziative artigianali dei rivenditori che non hanno contenuto informativo, in quanto andrebbe anche detto allora quanti giocatori hanno perso. Si tratta quindi sicuramente di forme di pubblicità, per quanto auto-organizzate e pertanto sono escluse dalle eccezioni delle linee guida. Diverso appare invece il caso delle quote esposte nelle sale scommesse, che sono luoghi deputati a quello. Quindi il contesto è rilevante. Per quello che riguarda i luoghi specifici dedicati al gioco, varcata una soglia, quindi avendo accettato di entrare in quell’ambiente per giocare le informazioni a quel punto appaiono necessarie per il gioco stesso. Questa distinzione fra locali specializzati e generalisti, che oggi è ancora porosa (pensiamo a tabaccai, bar, autogrill), non regge però per quanto riguarda la pubblicità sulle reti televisive dove tutto è generalizzato. La distinzione a mio parere diventa veramente problematica: non ci sono soglie da varcare, tutti sono esposti a tutto e persino un’informazione apparentemente tecnica può diventare un fattore scatenante per cadere o ricadere nella spirale dell’azzardo… Non c’è dubbio che oggi la situazione è molto complessa e variegata, ma sono convinto che proprio la tipizzazione consentirà chiarezza e selezione, man mano che l’Autorità interverrà. Il problema, sui canali tv, si pone a mio avviso per le trasmissioni televisive dedicate a giochi, anche quelle peraltro molto variegate e differenziate, anche tra canali nazionali, sui quali peraltro l’Autorità è già attiva con il proprio monitoraggio, ed emittenti locali. O per le trasmissioni che, al loro interno, hanno spazi dedicati alle scommesse. Ma anche qui il punto è arrivare a una mappa di decisioni che, nel concreto, definisca il territorio del divieto e ci faccia capire quali sono le esatte caratteristiche di una pubblicità e quali quelle di una informazione secca e non persuasiva, magari integrando con un suggerimento che pure è pervenuto sulle informazioni circa i rischi concreti di vincere ma anche di perdere”.

    Pubblicitò o informazione? La questione è aperta
    “È il problema della commistione fra calcio e scommesse, su cui si è arenato, fino all’articolo 9 del Decreto Dignità, ogni tentativo di bloccare completamente la pubblicità. Per far salvo questo binomio (calcio e scommesse) si tentò anche di distinguere fra “reti generaliste” e non, con la conseguenza di creare zone franche, anche rispetto ai limiti orari del divieto precedente quello del luglio scorso… Una possibile soluzione è che nei luoghi fisici “generalisti” non possa essere fatta pubblicità, mentre possa essere fatta informazione (inlcuse d esempio le quote) nei luoghi specializzati. Il caso si complica laddove in luoghi “generalisti” siano previsti spazi specializzati. Anche qui il tema, a normativa vigente, è evitare che il divieto alla pubblicità si traduca in divieto al gioco. Lo stesso deve valere, a mio avviso, per i canali televisivi, dove la comunicazione però deve avere certe caratteristiche altrimenti ricadrebbe nel divieto. Il vero punto discriminante sarà la casistica e la tipizzazione del divieto, che avverrà quando arriveranno le segnalazioni ad Agcom e e decisioni che terranno conto del contesto specifico. Si crea un caso, si decide e si crea il precedente: immagino che ci sarà un tabaccaio o un direttore di rete che, rivolgendosi a Agcom, chiederà “posso mostrare questo cartello? Posso comunicare questa cosa?”, arriveranno segnalazioni e Agcom si pronuncerà”.

    Nel caso del cartello del tabaccaio quale sarà la risposta?
    “A mio avviso nel caso del cartello del tabaccaio, la risposta non potrà che essere negativa se l’informazione si configura come induzione o almeno come informazione parziale. Nel caso della televisione, si dovrà capire meglio il discrimine tra informazione e pubblicità che è molto sottile secondo me, da sempre e non solo per i giochi. In linea generale, però, direi di concentrarci sulle quattro famiglie problematiche che abbiamo affrontato in Agcom: la questione “pubblicità” e luogo fisico del gioco, in particolare sul tema delle insegne. Abbiamo in questo caso trovato ragionevole che un’insegna informativa di un locale di gioco non si configuri come pubblicità, salvo ovviamente i casi contrari; la distinzione fra pubblicità e modalità di gioco e fra informazione date ex posted ex ante. Ci rendiamo conto sia una distinzione problematica, ma andava fatta: potremmo pensare che nessuna informazione possa essere data ex ante, ma solo su richiesta del soggetto. Nella nostra intenzione l’informazione viene data sempre a chi abbia deciso di informarsi o di giocare, ma dobbiamo stabilire una casistica; le informazioni specifiche sulle scommesse, sia nei luoghi “generalisti” sia nelle trasmissioni “generaliste” devono essere monitorate e vanno capite e definite le specifiche condizioni all’interno delle quali queste informazioni possono essere date senza diventare tutt’altro, ovvero promozione e pubblicità del gioco a un pubblico indistinto; le televendite. A parte la mia personale contrarietà al concetto di televendita come chiaramente separato dalla pubblicità, il problema è che in Italia questa categoria si è configurata, anche nei casi storici affrontati da Agcom, come qualcosa di diverso rispetto alla pubblicità e cioè come esecuzione di un contratto di compravendita. Nel caso dle gioco il discrimine è poroso e personalmente su questo discrimine nutro personalmente dei dubbi, perché vedendo un tizio che vince si può generare induzione al gioco. E’ una mia valutazione personale, ma è un tema sul quale immagino si dovrà ragionare sui casi specifici. Queste sono le aree più problematiche”.

    Web e oltre. Sul tema dell’indicizzazione sul web cosa possiamo dire?
    “Una cosa molto semplice e chiara nella formulazione delle linee guida: sui social e sui motori di ricerca, se ricerco il sito della società di gioco come risultato dell’algoritmo e non come risultato della sponsorizzazione non siamo nell’ambito del divieto. Il sito sponsorizzato è vietato, ma l’indicizzazione normale che non sia il risultato di finanziamento dello sponsor non rientra in questo caso”.

    In sintesi come possiamo definire l’approccio al divieto di pubblicità da parte delle Linee guida?
    “Essendo delle linee guida possono evolvere caso per caso. L’approccio è stato comunque quello di non aprire varchi nel divieto, ma operare in chiave analitica tutti gli aspetti evitando che divieto alla pubblicità significhi divieto o impossibilità di gioco da un lato o divieto a fornire informazioni a giocatori intenzionali potenziali dall’altro e poi lavorare caso per caso, creando una serie di precedenti concreti e tipizzati che permettano a tutti di orientarci meglio. La legge ha dato a Agcom il potere di controllo, ma – a meno di casi particolari – data la vastità del territorio nazionale e delle modalità di gioco non si potrà che agire su segnalazione, in particolare coinvolgendo la Guardia di Finanza. È evidente che facendo le prime decisioni su casi tipizzati, chiariremo i casi specifici e questo chiarimento detterà la linea operativa per tutti, anche sui territori. Il contributo di tutti i soggetti interessati a vario titolo, dalle società alle associazioni, sarà per noi prezioso”.
    Ultima modifica di OdioLeTasse; 24-05-19 alle 02:28 PM
    Replica con @OdioLeTasse utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  13. #56
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    63
    Ringraziamenti ricevuti
    9
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    Un'utile intervista ad un avvocato:

    Gli affiliati dovranno implementare cambiamenti considerevoli per adattare la loro offerta ai limiti significativi stabiliti dalle linee guida sul divieto di pubblicità sul gioco d’azzardo messe a punto da AGCOM. Questa la premessa dell’avvocato Giulio Coraggio, esperto di gaming e di gambling, Partner responsabile del Sector Technology in Italia e Global Co-Chair del gruppo Internet of Things dello studio DLA Piper.

    "Le linee guida pubblicitarie sul gioco d’azzardo italiano dell’AgCom hanno deluso gli operatori, ponendo limiti stringenti alla pubblicità del gioco d’azzardo. Ci sono alcune eccezioni al divieto che devono tuttavia essere comprese, come parte delle linee guida che in alcune parti risultano contraddittorie.

    L’ambiguità di alcune disposizioni può dare l’impressione che alcune attività (ad es. le comunicazioni informative senza invito all’azione) siano possibili senza restrizioni, mentre una revisione più attenta dell’intero documento lascia intuire che ci potrebbero essere limiti anche per tale attività.
    L’ambiguità più rilevante delle linee guida riguarda le implicazioni per gli affiliati di gioco d’azzardo. La maggior parte di loro, con la pubblicazione delle linee guida, ha tirato un sospiro di sollievo supponendo che potessero continuare a operare, ma la mia preoccupazione è che ci sia stata un’interpretazione errata di alcune disposizioni poiché:

    La visualizzazione e la consegna di comunicazioni informative possono avvenire senza restrizioni solo in alcuni casi.
    L’uso di claims relativi a quote e offerte commerciali può essere fatto, solo con un “elemento di confronto
    dei diversi competitors" che lascia l’incertezza su ciò che è in realtà.
    La pubblicazione di loghi e nomi di dominio può essere visualizzata solo in circostanze specifiche.
    Le comunicazioni CRM sono vietate, ma potrebbero esserci alcune eccezioni.
    L’advertorial è vietato, ma dipende dalle modalità di esecuzione ed è vietato anche il marketing degli influencer, che richiede anche di cambiare il modello di business".
    Ultima modifica di OdioLeTasse; 24-05-19 alle 02:44 PM
    Replica con @OdioLeTasse utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  14. #57
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    , , .
    Messaggi
    566
    Ringraziamenti ricevuti
    54
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    come sempre non è chiaro nulla ed ogni singolo aspetto può essere interpetrato in modo differente..
    luglio si avvicina e chi ha network di siti incentrati sul gioco online legale, e parlo di gente che ha investito tanti soldi, non saprà come muoversi rischiando di beccarsi anche salatissime multe
    Giochi Gratis divisi per categorie e recensiti in italiano www.giochi-gratis.eu
    Sito web fai da te, hosting e dominio giusto www.costruzionesitiweb.it
    Replica con @web78it utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  15. #58
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    63
    Ringraziamenti ricevuti
    9
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    Purtroppo quando un governo incompetente fa una legge da incompetenti del settore questo è il risultato, le multe saranno valutate caso per caso...senza nessuna certezza....mah, neanche AGCOM e gli avvocati sanno come interpretare questo decreto, roba da dilettanti.


    Beh visto il risultato del voto delle Europee che è stato una mazzata, il caro Di Maio (ideatore del decreto) probabilmente andrà a casa molto presto. E se cambia il governo, probabilmente, cambieranno in parte anche questo decreto fatto con i piedi....soprattutto in riferimento all'online.
    Ultima modifica di OdioLeTasse; 29-05-19 alle 10:08 AM
    Replica con @OdioLeTasse utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  16. #59
    Data Registrazione
    Jan 2005
    Località
    .
    Messaggi
    162
    Ringraziamenti ricevuti
    4
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    3
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    Mi sembra che il decreto dignità sia stato completamente aggirato: si possono tenere i link di affiliazione e anche i banner. Questi ultimi vanno rifatti dai vari casinò, ma si potranno mettere nel sito. Naturalmente, ci sono delle accortezze su quello che si scrive e sul fatto che bisogna comunque comparare i casino, però se si mantengono link e banner ...

    Che ne pensate voi?
    Replica con @gibilisco utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  17. #60
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    , , .
    Messaggi
    566
    Ringraziamenti ricevuti
    54
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Decreto Dignità: Stop Pubblicità Scommesse, con le affiliazioni che succede?

    in effetti cosi sembra... è vieta scrivere "gioca ora" ma andrà scritto "per maggiori informazioni clicca qui" etc... è cambiata la comunicazione che da tono enfatizzato e magari imperativo (deposita ora!!) diventa tono informativo
    Giochi Gratis divisi per categorie e recensiti in italiano www.giochi-gratis.eu
    Sito web fai da te, hosting e dominio giusto www.costruzionesitiweb.it
    Replica con @web78it utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

Pagina 4 di 5 PrimaPrima 1 2 3 4 5 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •