Dicitura della ritenuta d'acconto, quando serve?

User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Dicitura della ritenuta d'acconto, quando serve?

  1. #1
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    26
    Ringraziamenti ricevuti
    0
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Dicitura della ritenuta d'acconto, quando serve?

    Salve a tutti, vorrei chiedere una conferma agli esperti fiscali di questo forum, in quanto ho fatto delle ricerche qua sul forum e in altre pagine, ma ho trovato un po' di confusione a riguardo. Sono una ditta individualeicon nel regime dei vecchi minimi (superminimi 2013) che fattura per servizi di affiliazione. Vorrei avere una conferma sulla dicitura da utilizzare e da NON utilizzare. In particolare non sto più usando la dicitura dei vecchi minimi per tutte le fatture verso la UE, in quanto da agosto, per i servizi, dobbiamo fare l'intrastat e avvalerci della norma dell'inversione contabile. Per cui la mia dicitura attuale è la seguente:

    inversione contabile / reverse charge "Operazione Fuori Campo IVA ex art. 7-ter D.P.R. 633/1972".

    Ho eliminato la dicitura creata dal mio commercialista sulla norma del regime di vantaggio che esclude l'applicazione dell'IVA, che uso solamente nel caso in cui debba fatturare in Italia. Nel mio caso sto usando la seguente:
    Prestazione svolta in regime fiscale di vantaggio ex art. 1, comma 96-117, legge 244/2007come modificato dall art. 27, D.L ,98/2011 convertito con modificazioni dalla legge 111/2011
    e pertanto non soggetta ad IVA (provv.Direttoriali n. 185820/2011 e 185825/2011).

    Ho notato però che in molti fac-simili di fattura (anche di ditte individuali) molti inseriscono anche la dicitura di esclusione dalla ritenuta d'acconto. Avendo così due diciture separate.
    Addirittura anche nella dicitura per fatture in Italia, citando l'esclusione per il regime agevolato inseriscono l'appunto "non soggetta nè ad iva nè a ritenuta d'acconto". La ritenuta d'acconto è una cosa prettamente legata alla fatturazione dei liberi professionisti giusto? Quindi se non erro, una ditta individuale non dovrà mai citare eventuali esclusioni di ritenuta, poiché non ne sarebbe mai comunque soggetto anche al di fuori del regime di vantaggio giusto?

    Quindi la mia domanda finale è questa: per noi ditte individuali commercianti, l'unica dicitura da utilizzare sempre per i servizi esteri di affiliazione o servizi verso la UE è quella che ho inserito precedentemente giusto? Mentre per l'Italia va applicata la vecchia dicitura del regime di vantaggio senza però nominare la ritenuta, in quanto non siamo liberi professionisti. Confermate? Grazie mille

  2. #2
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    , , .
    Messaggi
    2,883
    Ringraziamenti ricevuti
    255
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Downloads
    3
    Uploads
    0

    Predefinito Re: Dicitura della ritenuta d'acconto, quando serve?

    Buongiorno @fabry5005

    Si è parlato di questo argomento in questo post e ci sono tutte le risposte.

    http://www.alverde.net/forum/fisco-t...tml#post810947

    Saluti

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •