User Tag List

Risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazioni

  1. #1
    Data Registrazione
    Aug 2000
    Località
    .
    Messaggi
    5,795
    Ringraziamenti ricevuti
    662
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    26
    Uploads
    6

    Predefinito Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazioni

    Come promesso, eccoci col mio secondo post sul Deny Rate. Questa volta, dopo aver esposto il problema e i miei dati statistici, vorrei provare ad analizzare la cosa in dettaglio e provare a t... Continua...
    Replica con @paolo.moro utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  2. #2
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    177
    Ringraziamenti ricevuti
    113
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    2
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Bravo Indiana,

    Encomiabile sforzo per migliorare il sistema.

    Ci sarebbero tanti aspetti e circostanze diverse (rispetto alla tua esperienza) da discutere, ma per il momento io mi astengo.

    Sarei poco obiettivo attualmente vista la disonestà di alcuni merchande, che si sono divertiti sul mio lavoro.

    Mi consola che queste mele marce sono una piccola parte del totale.

    Spero che la discussione cresca con commenti costruttivi e sarebbe piacevole che anche i responsabili delle piattaforme di affiliazione contribuissero. In fondo se migliora il prodotto, migliorerà il sistema nel suo complesso.
    Replica con @Luc Sfolgarante utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  3. #3
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Località
    .
    Messaggi
    171
    Ringraziamenti ricevuti
    12
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    5
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Ciao Indiana,
    bellissimo post, complimenti per la trattazione.
    Concordo con Luc che sarebbe bello che i merchant intervenissero sull'argomento...

    Per quella che è la mia esperienza, la piattaforma di CJ (commission junction forse la più grossa piattaforma per affiliati, ma rivolta per il mercato USA) contiene numerose funzioni da te auspicate: rating del merchant nel network, media di guadagno affiliato per ogni sale PPS, andamento negli ultimi 3 mesi del merchant, % di vendite reverse,... tutti fattori che possono guidare l'affiliato a trovare il merchant idoneo da promuovere.
    L'amore guarda non con gli occhi ma con l'anima (W. Shakespeare).
    Replica con @nicbos utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  4. #4
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    .
    Messaggi
    1,522
    Ringraziamenti ricevuti
    329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Citazione Originariamente Scritto da nicbos Visualizza Messaggio
    Per quella che è la mia esperienza, la piattaforma di CJ (commission junction forse la più grossa piattaforma per affiliati, ma rivolta per il mercato USA) contiene numerose funzioni da te auspicate: rating del merchant nel network, media di guadagno affiliato per ogni sale PPS, andamento negli ultimi 3 mesi del merchant, % di vendite reverse,... tutti fattori che possono guidare l'affiliato a trovare il merchant idoneo da promuovere.
    Non conoscevo questi aspetti di CJ, piattaforma che non uso a causa del mio carattere poco poliglotta ;-). Ma il fatto che qualcosa ci sia già fa ben sperare! Significa che sono aspetti considerati importanti anche dalle piattaforme, oltre che da noi affiliati.

    PS: posso dirti che molte delle piattaforme leggono questo forum e sicuramente avranno letto, o leggeranno, questo post. Sicuramente un loro intervento sarebbe interessante. Io ho avuto il privilegio di parlare con loro della questione, in modo informale e confidenziale per cui non riporto nulla.
    tradedoublericon per esempio aveva cominciato segnalando il dr per un merchant... un piccolo esperimento ma molto "riformista". Speriamo proseguino su questa strada!
    Replica con @indiana2 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  5. #5
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    .
    Messaggi
    1,522
    Ringraziamenti ricevuti
    329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Citazione Originariamente Scritto da Luc Sfolgarante Visualizza Messaggio
    Ci sarebbero tanti aspetti e circostanze diverse (rispetto alla tua esperienza) da discutere, ma per il momento io mi astengo. Sarei poco obiettivo attualmente vista la disonestà di alcuni merchande, che si sono divertiti sul mio lavoro.
    Potresti comunque provare a portare la tua esperienza. Come dici bene, la mia copre solo alcuni aspetti... magari ho proprio saltato tutta una parte ugualmente importante.
    Non ti dico di postare % e merchant se non te la senti, ma magari accennare a qualche aspetto che non ho trattato, in modo generale o con qualche esempio.

    E' sicuramente utile!!

    ciao
    Replica con @indiana2 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  6. #6
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Località
    .
    Messaggi
    171
    Ringraziamenti ricevuti
    12
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    5
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Citazione Originariamente Scritto da indiana2 Visualizza Messaggio
    Non conoscevo questi aspetti di CJ, piattaforma che non uso a causa del mio carattere poco poliglotta ;-). Ma il fatto che qualcosa ci sia già fa ben sperare! Significa che sono aspetti considerati importanti anche dalle piattaforme, oltre che da noi affiliati.
    Ciao indiana,
    riporto un breve estratto dal pannello di CJ, per capire quali sono le features principali:

    Merchant Name
    SomeCompany.com
    (seguono tutte le creatività)

    7-Day EPC (Estimated Per Cent)
    Rappresenta l'importo medio percepito da ogni singolo affiliato del network, per ogni 100 visite inviate alle landing/pagine affiliazione, su un periodo di 7 giorni

    Esempio: 7-Day EPC 200 Euro, significa che negli ultimi 7 giorni, per ogni 100 visite che dal sito affiliato partono verso il sito merchant, l'affiliato percepisce in media 200 Euro

    3-Month EPC (Estimated Per Cent)
    Come sopra, ma su un orizzonte temporale di 3 mesi, che aiuta a capire se il merchant è costante nel tempo

    Network Earnings
    E' un parametro di valutazione da 1 a 5 stelle che compone una media dell'andamento del merchant nell'intero network.

    Questi (e altri) parametri secondo me sono oro colato per gli affiliati, per almeno due motivi:

    1) essendo calcolati in automatico dal sistema di tracciamento, si presume che non siano manipolabili dai merchant, per cui un affiliato ha una visione reale di quello che può percepire promuovendo il merchant scelto

    2) i merchant sono "spronati" a tenere alta la qualità, sia dei prodotti promossi, sia nel rapporto con gli affiliati, altrimenti... nessun affiliato li promuoverebbe (è un sistema automatico di meritocrazia a mio avviso molto democratico)

    p.s. la piattaforma di ShareASale.com mostra anche la Reversal Rates, la Average Sale, e la Average Commission, altri parametri utilissimi per gli affiliati...

    Che ne pensate?
    L'amore guarda non con gli occhi ma con l'anima (W. Shakespeare).
    Replica con @nicbos utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  7. #7
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    3
    Ringraziamenti ricevuti
    5
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Buongiorno a tutti,

    mi chiamo Francesco Astolfi e lavoro per TUI.it, l'agenzia di viaggi online del gruppo TUI Travel. Volevo prima di tutto ringraziare indiana2 per il post molto interessante e questo forum per gli ottimi contenuti riguardanti l'affiliation marketing.

    Volevo anche puntualizzare alcuni aspetti riguardanti i punti sollevati nel post. Premesso che la trasparenza è alla base di un programma di affiliazione di successo, credo che occorra fare un passo avanti da parte di tutti, proprio in questa direzione: i merchant devono essere più chiari sullo stato degli ordini ed i tracciamenti, gli affiliati su come promuovono i merchant ed i programmi di affiliazione devono vigilare attivamente.

    Nel caso specifico di TUI, l'elevato tasso di cancellazione è dovuto solo in piccola parte alla disdetta da parte dei clienti e per la maggior parte da duplicazioni con altri canali marketing. Il nostro sistema di tracking in media calcola 17 accessi da campagne spesso diverse, prima di un acquisto (e senza calcolare accessi da SEO e diretti). Il primo problema sul talvolo è quindi l'estrema debolezza del modello last cookie wins, che premia i canali che si concentrano sulla parte finale del buying cycle, penalizzando quelli che lavorano sulla parte iniziale. Auspichiamo pertanto un altro modello, quello a touch points, che vada a premiare con equità affiliati e varie altre campagne marketing a seconda dei numero di contatti utili procurati che hanno contribuito ad una vendita. Purtroppo i programmi di affiliazione non sono ancora pronti a gestire un modello del genere, che ha comunque come conseguenza l'aumento esponenziale di dati e la parcellizzazione delle commissioni

    Altro problema è il sistema di tracciamento interno dei vari merchant che sono spesso molto diversi da loro. Alcuni hanno una deduplica automatica che consente di avere bassissimi tassi di cancellazione (o nulli) a fronte però di bassi tassi di conversione: praticamente tutte le vendite sono confermate perchè il sistema interno di tracciamento richiama il tracking del programma di affiliazione solo quando è l'ultimo canale di marketing. Nel caso di TUI.it questo non accade e pertanto la duplicazione è molto elevata. Conosco invece altri merchant che dopo aver determinato un tassi di cancellazione medio, addirittura cancellano "vendite a caso" rimanendo sempre su quel tasso. Tutto questo per dire che valutare un merchant sul tasso di cancellazione può essere molto fuorviante.

    Altro problema, questa volta riguardande gli affiliati, è quello della qualità degli stessi, su cui spesso i vari programmi hanno scarsissime informazioni da fornire ai merchant. Alcuni di questi infatti non lavorano in maniera pulita o promuovono in maniera proibita (adware e spyware, cookie dropping, acquisto di keyword brand su Google di notte e nei weekend ecc..). Tanti affiliati sono per brevi tempi "parassiti dei merchant" e poi cambiano nome dopo sei mesi per "colpire" altri merchant. Questo va a detrimento della qualità del programma stesso e può minare la fiducia e la trasparenza. Ritengo che siano i vari account che gesticono i programmi che debbano farsi carico della verifica della qualità degli affiliati, in modo da tutelare coloro che lavorano in maniera onesta.

    Spero di aver dato un contributo alla discussione.
    Grazie per l'attenzione
    Francesco
    Replica con @TUI utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  8. The Following 5 Users Say Thank You to TUI For This Useful Post:

    DonClaudissimo (21-01-10), indiana2 (21-01-10), Luc Sfolgarante (21-01-10), nicbos (21-01-10), paolo.moro (21-01-10)

  9. #8
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    .
    Messaggi
    1,522
    Ringraziamenti ricevuti
    329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti,
    mi chiamo Francesco Astolfi e lavoro per TUI.it
    Ovviamente prima di tutto la ringrazio la sua presenza come rappresentante di Tui Travel sul forum. Già il fatto che il post sia capace di sensibilizzare qualche merchant sulla questione è un ottimo risultato.

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Il primo problema sul talvolo è quindi l'estrema debolezza del modello last cookie wins, che premia i canali che si concentrano sulla parte finale del buying cycle, penalizzando quelli che lavorano sulla parte iniziale.
    Questo è in effetti un problema, ma diverso. Non incide sulle cancellazioni visto che il LCW (per come implementato) è una pratica all'interno della medesima affiliazione e non tra diverse affiliazioni. Questo problema si riscuote sugli affiliati in modo invisibile, perché se io promuovo il programma per un mese e poi un altro affiliato assegna l'ultimo cookie all'utente, io perdo la vendita... ma non lo vedo. Va però detto che chi riesce a far portare a termine una vendita è più bravo di me e merita la conversione (sempre che non lo faccia in modo truffaldino).

    Se vogliamo passare ad un modello più meritocratico, ci sono parecchi modi, come prevedere il PPC e il PPL ben pagato affiancato al PPS, oppure l'assegnazione (lato merchant) di un cliente all'affiliato che l'ha portato per molto tempo, 6 mesi o 1 anno. Senza che il LCW influisca.

    Certo, sono tutte pratiche che incidono sul budget del merchant e, non me ne voglia, è per questo che raramente si vedono. Ad ogni modo noi affiliati conosciamo il LCW e ormai siamo "abituati" a considerarlo.

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Auspichiamo pertanto un altro modello, quello a touch points, che vada a premiare con equità affiliati e varie altre campagne marketing a seconda dei numero di contatti utili procurati che hanno contribuito ad una vendita.
    Se ho capito il sistema, ritengo sia impraticabile. E direi pericoloso visto che mi basterebbe poco per "partecipare" alla spartizione della torta, senza molta meritocrazia. E qui si che sarebbe difficile capire chi è poco etico e chi no. Toglierebbe poi molti stimoli agli affiliati che si sforzano ogni giorno per promuovere un brand, a mio avviso.

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Altro problema è il sistema di tracciamento interno dei vari merchant che sono spesso molto diversi da loro. Alcuni hanno una deduplica automatica che consente di avere bassissimi tassi di cancellazione (o nulli) a fronte però di bassi tassi di conversione: praticamente tutte le vendite sono confermate perchè il sistema interno di tracciamento richiama il tracking del programma di affiliazione solo quando è l'ultimo canale di marketing. Nel caso di TUI.it questo non accade e pertanto la duplicazione è molto elevata.
    Non capisco... lungi da me fare polemica ma, secondo tale ragionamento, non viene implementato un sistema di deduplicazione perché altrimenti i tassi di conversione sarebbero minori? Sicuramente, ma sarebbero *reali* ;-). Se si considerano anche i doppioni sono sicuro che i tassi sono più alti, perché la differenza sta proprio nel considerarci dentro anche il DR (non pubblicato separatamente). Onestamente non credo che all'interno di un'azienda si considerino i tassi di conversioni contenenti gli ordini annullati o doppioni. Quindi anche nel frontend dovrebbero essere pubblicizzati tassi reali.

    Francamente poi non vedo una grande difficoltà nell'implementare un sistema che eviti duplicazioni di conversioni tra diverse affiliazioni. Le affiliazioni forniscono uno script che dovrebbe essere posizionato alla conferma dell'ordine (o del pagamento). Se ci mettiamo tutti gli script di tutte le affiliazioni, è ovvio che verranno duplicate commissioni su un singolo ordine. Basterebbe imporre al sistema di inserire solo lo script del cookies vincente in modo dinamico. L'ecommerce non può leggere il cookies dell'affilaizione, ma può scriverne di suoi all'arrivo di un utente da un link tracciante. E rendere tutto dinamico. E credo che questo risparmi parecchie ore di lavoro manuale per cancellare i doppioni (e molte seccature dal punti di vista della cattiva pubblicità da parte degli affiliati).
    Riporto, visto che si parla di travel, il caso Expedia che a quanto pare ha un DR del 0% e un sistema per evitare la duplicazione che funziona egregiamente.

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Conosco invece altri merchant che dopo aver determinato un tassi di cancellazione medio, addirittura cancellano "vendite a caso" rimanendo sempre su quel tasso. Tutto questo per dire che valutare un merchant sul tasso di cancellazione può essere molto fuorviante.
    Beh, questa è truffa. Se partiamo dal presupposto che siamo tutti onesti e che è il sistema che deve essere migliorato, questo modo di fare è da denuncia a mio avviso. Altrimenti anche voi dovreste prevedere un risarcimento "una tantum" mensile agli affiliati per eventuali errori e truffe da parte vostra (parlo di merchant in generale, non di Tui ovviamente).

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Altro problema, questa volta riguardande gli affiliati, è quello della qualità degli stessi, su cui spesso i vari programmi hanno scarsissime informazioni da fornire ai merchant. Alcuni di questi infatti non lavorano in maniera pulita o promuovono in maniera proibita (adware e spyware, cookie dropping, acquisto di keyword brand su Google di notte e nei weekend ecc..).
    Certo d'accordissimo. Ma, c'è un grosso *ma*. Stiamo parlando di PPS (e marginalmente di ppl). La conversione è l'obiettivo. E, anche qui non me ne voglia, in molti casi al mechant interessa quello e poco gli interessa come viene ottenuto. Anche perché, ricoridamolo, un cliente acquistito è un cliente praticamente per la vita. E vale molto di più del 1% i 2% della vendita.

    Il problema degli adware, spyware e altre amenità si risolve facilmente. Per primo con una chiara policy. Come avviene per il keyword marketing. Dire chiarmanente cosa è ammesso e cosa no. Poi con un controllo su *chi* viene accettato come partner (controllo che fa sia l'affilaizione e il merchant), *prima* e *durante* la promozione. E ovviamente con la decurtazione totale delle commissioni per chi viola. Chi fa molti soldi in modo poco pulito o proibito si vede subito, e chi ne fa pochi è difficile che, una vota bannato, si crei un'identità diversa, un conto corrente diverso e un sito diverso per ricominciare a prendere 100€ al mese.

    Forse è ingiusto, ma da parte nostra è lecito pensare che al merchant faccia comodo chiunque gli porti clienti pps e in qualunque modo, almeno al principio.
    Anzi, ho avuto una personale esperienza con un merchant molto famoso a cui col pps procuravo notevoli vendite. Ma appena ha visto che i nuovi clienti che gli portavo erano meno (e poi si dice di lavorare sulla "fidelizzazione"), mi ha eliminato l'affiliazione, senza peraltro avvertire. In pratica, voleva solo lead (gratis) e sperava di non pagare il pps. Troppo comodo.

    Però, anche questa osservazione (interessante e da sviluppare) è fuori tema. Non influisce sul problema delle cancellazioni degli affiliati onesti.

    Mi scuso se questa mia reply abbia un po' i toni accesi, ma se vogliamo chiarezza e trasparenza, occorre centrare il problema e trovarne una soluzione, tutti assieme.

    Ultimissima cosa:
    Da quello che dice mi pare di capire che le vendite vengono cancellate non solo se vengono assegnate ad un altra affiliazione, ma anche se provengono da altri sistemi di marketing, come adwords et similia.
    Ovvero, se io mando un cliente su Tui e prima di comprare clicca su un adwords Tui, la vendita mi viene stronata. E' così?
    Replica con @indiana2 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  10. #9
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    3
    Ringraziamenti ricevuti
    5
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Salve Indiana2,

    grazie per la risposta. Il tono diretto va benissimo, anzi lo preferisco anche io.

    Provo a replicare sulle sue puntualizzazioni.

    1. Il last cookie wins c'entra eccome in quanto determina non solo le duplicazioni tra affiliati dello stesso programma, ma anche tra programmi diversi e tra le altre campagne marketing. Questa è la metodologia messa in atto da tutti o quasi i merchant per l'attribuzione di una vendita ad un solo canale ed un solo affiliato. Il modello misto con PPC può aiutare, ma anche qui talvolta ci sono delle distorsioni: spesso il fine dell'affiliato diventa quello di generare click, non conversioni. Anche i lead ovviamente possono essere generati in maniera artificiosa.
    2. Il modello a touch points invece risolverebbe il problema e determinerebbe una ripartizione equa dei compensi, in maniera più meritocratica, stimolando al contrario gli affiliati a promuovere un brand. Non a caso negli US sta diventando lo standard per tutti i merchant, perchè consente di valutare meglio il reale rendimento di ciascuna campagna.
    3. Il sistema di eliminazione delle dedupliche dei merchant è strettamente connesso alla conversione: un affiliato potrebbe contribuire alla conversione di migliaia di conversioni senza saperne mai nulla..
    4. Il problema degli affiliati scorretti c'è e ci sarà sempre, come lo spam nelle caselle email. E spesso nemmeno le aziende che gestiscono i programmi ne sono al corrente, purtroppo.
    5. E' vero ci sono merchant scorretti, che talvolta non sanno nemmeno loro di esserlo. Sembra paradossale ma è così: non tutti sanno distinguere gli affiliati di valore da quelli che generano grossi volumi senza sapere come.
    6. Adwords. Le campagne su google sovrascrivono parte delle vendite degli affiliati. Questa policy è comune a tutti i merchant, almeno nel travel. Per questo serve un modello a touch points.


    Mi piacerebbe che altri merchant intervenissero su questi punti con le loro osservazioni.
    Grazie per l'attenzione
    Francesco
    Replica con @TUI utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  11. #10
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    .
    Messaggi
    1,522
    Ringraziamenti ricevuti
    329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Il last cookie wins c'entra eccome in quanto determina non solo le duplicazioni tra affiliati dello stesso programma, ma anche tra programmi diversi e tra le altre campagne marketing. Questa è la metodologia messa in atto da tutti o quasi i merchant per l'attribuzione di una vendita ad un solo canale ed un solo affiliato.
    Ha ragione, in parte. Non mi sono dilungato sulla questione ma possiamo precisarla meglio: La tecnica del LCW, per come è implementato ora, serve per determinare qual'è stata l'ultimo click effettuato prima della vendita, ovviamente *anche* tra affiliazioni diverse visto che (spero!) il clock-time sia sincronizzato tra tutte queste (dubbio atroce ora che ci penso...). Ma la cosa ha un senso solo in modo indiretto e, soprattutto, postumo. Questo perché ogni affiliazione mette i suoi cookies e, come già detto, solo loro possono leggerli. Quindi è una info che al momento non serve a evitare doppioni, ma solamente a individuarli una volta che sono stati già tutti tracciati. Ergo ---> 10 conversioni tracciate, 1 valida, 9 Denied. problema risolto per il merchant, non per l'affiliato.
    Per questo dico che l'LCW funziona solo su una affiliazione, perché quasi nesuno confronta i dati tra cookies di diverse affiliazioni, se non in un momento successivo, quando la frittata è fatta.
    Se invece esistesse un'implementazione lato merchant che riconosce subito quale affiliazione ha diritto alla conversione (ovvero l'affiliazione dell'ultimo click), il gioco è fatto: 1 conversione tracciata, 1 valida, 0 Denied.

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Il modello misto con PPC può aiutare, ma anche qui talvolta ci sono delle distorsioni: spesso il fine dell'affiliato diventa quello di generare click, non conversioni. Anche i lead ovviamente possono essere generati in maniera artificiosa.
    Il punto da me trattato in precedenza è proprio questo. Il PPS è l'unica forma che tutela al 100% (anzi direi al 200%) il merchant e al minimo livello i publisher. Richiede grosso sforzo promozionale del publisher e molto meno controllo del merchant. Insomma, è un sistema sbilanciato. Ma non lo rifiutiamo e, anzi, o personalmente l'ho sempre difeso. Però avreste il dovere di farlo funzionare ottimamente e renderlo trasparente e funzionale. Pay per action e pay per performance sono presente e futuro a mio modo di vedere. Ma devono essere equilibrati.
    Comuqnue, sui click e i lead non validi ci sono moltissimi modi per tutelare i merchant. E infatti sono implementati. I click fraud sono davvero facili da intercettare, adsenseicon ne è un esempio.
    [/QUOTE]


    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Il modello a touch points invece risolverebbe il problema e determinerebbe una ripartizione equa dei compensi, in maniera più meritocratica, stimolando al contrario gli affiliati a promuovere un brand.
    A mio modo di vederla sarebbe arduo implementarlo, ma lascio aperta questa possibilità, anche se mi viene un dubbio: francamente si fa fatica a star dietro ad un sistema semplice come LCW, mi immagino i problemi che una ripartizione su più variabili come tempo, click, idaffiliato, affiliazione, ecc... potrebbe dare. E soprattutto i tempi che richiederebbe (anche solo alcune ore di elaborazione per un ordine tracciato sarebbero scomode).

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Il sistema di eliminazione delle dedupliche dei merchant è strettamente connesso alla conversione: un affiliato potrebbe contribuire alla conversione di migliaia di conversioni senza saperne mai nulla..
    Qui non la seguo... Al momento il LCW semplifica la cosa: posto che ci sia una duplicazione, vince il cookie più recente. Al contrario, nel caso di una spartizione, allora si che ci sarebbe da fare un bell'algoritmo di scorporazione tra tutti i cookies di decine di affiliati che hanno contribuito al singolo ordine. Forse non ho ben inteso cosa voleva dire.


    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Il problema degli affiliati scorretti c'è e ci sarà sempre, come lo spam nelle caselle email. E spesso nemmeno le aziende che gestiscono i programmi ne sono al corrente, purtroppo.
    E' vero ci sono merchant scorretti, che talvolta non sanno nemmeno loro di esserlo. Sembra paradossale ma è così: non tutti sanno distinguere gli affiliati di valore da quelli che generano grossi volumi senza sapere come.
    Però, non me ne voglia, mi sembra un po' ingenuo da parte vostra ("vostra" sempre come merchant generici). Stiamo parlando di chi fa business sul web e non di ragazzini che cercano di fregare 10 lead al mese. Se io le procuro 200 lead e 50.000€ di prenotazioni al mese nessuno verrà mai a controllare come li procuro? Personalmente ho rapporti diretti sia con le affiliazioni che con molti merchant e loro mi contattano per volumi anche di molto inferiori. I miei volumi (come di molti altri utenti che ci leggono qui) sono sicuramente interessanti, non credo che passiamo tutti inosservati. Certo, se mi dice che sul pps ci vuole più controllo, come sul ppl e ppc, ben venga! Sono il primo a volerlo. Ma mi pare davvero impossibile che ci siano siti truffa che fatturano così tanto da creare un danno e, soprattutto, riescono ad attendere i *mesi* necessari per essere pagati prima di essere scovati o di scomparire.
    Possiamo avere almeno il sospetto che sul pps i controlli sono al minimo perché, come già detto, l'obiettivo del lead/ordine viene raggiunto comunque?

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Adwords. Le campagne su google sovrascrivono parte delle vendite degli affiliati. Questa policy è comune a tutti i merchant, almeno nel travel. Per questo serve un modello a touch points.
    Se posso essere franco, questa cosa è davvero poco corretta. Ma davvero.
    Poi ci stupiamo delle cancellazioni. Il problema a sto punto non sta tanto tra gli affiliati e le affiliazioni, ma tra il tracciamento pps e le campagne di marketing secondarie, di ogni genere.

    Mi viene in mente un esempio che, Dio non voglia, potrebbe essere reale. Prendo 100 lead, ho quindi 100 cookies assegnati guadagnati con sforzo e sudore. Il merchant manda la sua bella nl settimanale e mi spazza tutti i cookies.
    La prego, mi dica che non è così. E se malauguratamente fosse così, mi spiega come lo giustificate alle affiliazioni?

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Mi piacerebbe che altri merchant intervenissero su questi punti con le loro osservazioni.
    Su questo mi trova d'accordo al 100% (anzi al 200%) ;-)
    Replica con @indiana2 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  12. #11
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    3
    Ringraziamenti ricevuti
    5
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Citazione Originariamente Scritto da indiana2 Visualizza Messaggio
    Il punto da me trattato in precedenza è proprio questo. Il PPS è l'unica forma che tutela al 100% (anzi direi al 200%) il merchant e al minimo livello i publisher. Richiede grosso sforzo promozionale del publisher e molto meno controllo del merchant. Insomma, è un sistema sbilanciato. Ma non lo rifiutiamo e, anzi, o personalmente l'ho sempre difeso. Però avreste il dovere di farlo funzionare ottimamente e renderlo trasparente e funzionale. Pay per action e pay per performance sono presente e futuro a mio modo di vedere. Ma devono essere equilibrati.
    Comuqnue, sui click e i lead non validi ci sono moltissimi modi per tutelare i merchant. E infatti sono implementati. I click fraud sono davvero facili da intercettare, adsenseicon ne è un esempio.
    Sono completamente d'accordo sulla necessità di maggiore trasparenza. Sono anche d'accordo che i merchant sono molto più tutelati rispetto agli affiliati (non a caso i merchant presenti sul mercato sono tantissimi!). Tuttavia anche gli affiliati hanno il loro "potere contrattuale": possono tradire un merchant in qualsiasi momento e lavorare con il concorrente, magari per una commissione leggermente più alta o per simpatia; possono "sfruttare" il marchio di un merchant, magari costruito in anni di lavoro e investimenti.
    Per quanto riguarda il click fraud non sono molto sicuro che sia così facile, dato che lo stesso google ha ammesso che circa il 7% dei click sono fraudolenti, anche se molti analisti stimano che siano molti di più.



    Citazione Originariamente Scritto da indiana2 Visualizza Messaggio
    Qui non la seguo... Al momento il LCW semplifica la cosa: posto che ci sia una duplicazione, vince il cookie più recente. Al contrario, nel caso di una spartizione, allora si che ci sarebbe da fare un bell'algoritmo di scorporazione tra tutti i cookies di decine di affiliati che hanno contribuito al singolo ordine. Forse non ho ben inteso cosa voleva dire.
    Citazione Originariamente Scritto da indiana2 Visualizza Messaggio
    Mi viene in mente un esempio che, Dio non voglia, potrebbe essere reale. Prendo 100 lead, ho quindi 100 cookies assegnati guadagnati con sforzo e sudore. Il merchant manda la sua bella nl settimanale e mi spazza tutti i cookies.
    La prego, mi dica che non è così. E se malauguratamente fosse così, mi spiega come lo giustificate alle affiliazioni?
    Per quanto riguarda la newsletter dipende da cosa intende per lead. Tuttavia vorrei fare un esempio per spiegare meglio la posizione di un merchant: supponiamo che io sia un merchant che ha attive campagne su più affiliazioni, ppc, email marketing, banner, kelkoo e programmi di partnership. Per ciascuna vendita ho un margine netto di €50. Facciamo l'ipotesi che agli affiliati delle varie affiliazioni pago €30, che una vendita facendo campagne ppc mi costi €30, che una vendita da banner mi costi €30 e così via. Se il mio sistema di tracciamento mi rileva che un utente, prima di effettuare la conversione sia passato da 5 voltre da un affiliato di una affiliazione e 3 da un altro affiliato di un'altra affiliazione, 4 volte da ppc, 1 da newsletter e 1 da banner ed infine da un accesso SEO prima di effettuare una conversione, a chi sarebbe giusto attribuire veramente la vendita?

    Al SEO è difficile tracciarlo, poichè non c'è sovrascrizione di cookie. Al banner che ha generato solo un accesso? Anche se è stato l'ultimo canale tracciato, non sarebbe equo rispetto agli altri passaggi. E per calcolare il ROI di ciascuna campagna mi ritroverei ad attribuire a tante fonti il valore di una singola vendita. Per rimanere in attivo devo per forza attribuire la vendita ad un solo canale e ad un solo affiliato.

    Per questo un modello di retribuzione a contatto ridistribuisce equamente il valore di una vendita in tutto il buying funnel, risolve il problema delle cancellazioni e consente una maggiore trasparenza del sistema, mantenendo la validità del modello pay per sale.

    Per tornare ai merchant che hanno zero come tasso di cancellazione sugli affiliati, la vendita in quel caso sarebbe attribuita alla campagna banner e se per ipotesi lei fosse l'affiliato che ha generato i 5 primi accessi non saprebbe nemmeno di aver contribuito a quella vendita: non la vede nemmeno sulla piattaforma di affiliazione (per dirla a suo modo: 0 conversioni tracciate, 0 valide, 0 Denied -> 0 tasso di cancellazione). Per questo parlavo dei problemi enormi del modello last cookie e di come valutare un merchant dal tasso di cancellazione possa essere fuorviante.

    Una curiosità, se posso: se non sono troppo indiscreto, qual è la sua attività come affiliato?
    Grazie Mille
    francesco
    Replica con @TUI utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  13. #12
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    177
    Ringraziamenti ricevuti
    113
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    2
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Grazie Francesco,

    il suo contributo è davvero prezioso e sta facendo crescere la nostra esperienza con le affiliazioni, illumiandoci su degli aspetti e delle dinamiche che spesso il publisher ignora.

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Per questo un modello di retribuzione a contatto ridistribuisce equamente il valore di una vendita in tutto il buying funnel, risolve il problema delle cancellazioni e consente una maggiore trasparenza del sistema, mantenendo la validità del modello pay per sale.
    Al contrario di Indiana, penso che il touch points possa essere un sistema più equo, se effettivamente riesce a premiare tutta la filiera che ha contribuito alla vendita. Questo vale soprattutto nei viaggi, che non sono di certo vendite di impulso.

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Tuttavia anche gli affiliati hanno il loro "potere contrattuale": possono tradire un merchant in qualsiasi momento e lavorare con il concorrente, magari per una commissione leggermente più alta o per simpatia;
    Questa è la nostra arma sicuramente, che purtroppo pochi gestiscono efficientemente. Si dovrebbe essere più rigorosi al riguardo, proprio perché il costo in termini di traffico per ogni singola vendita ricade sulle nostre spalle. Ad esempio mi sono ritrovato a mandare ad un merchande suo concorrente in un sito del nostro network sui voli aerei, qualche migliaio di ricerche sul box ricerca voli senza ottenere nessuna vendita. In quel sito i navigatori entrano dai motori di ricerca proprio perché devono acquistare un volo. I metodi di tracciamento che il merchande attua a me sono ignoti, ma un risultato di certo è stato ottenuto, e cioè l'allontanamento dai nostri siti. (A proposito a voi vi abbiamo scartato perché avete un solo formato di ricerca voli e non si adattava alle nostre esigenze).

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Per questo parlavo dei problemi enormi del modello last cookie e di come valutare un merchant dal tasso di cancellazione possa essere fuorviante.
    Certo solo il valore del Dany Rate può risultare fuorviante. Nel conto generale bisogna anche tenere conto del CR e di altri fattori. Ma vedere vendite annullate oltre una determinata soglia è molto irritante per il publisher e si ha una netta sensazione di essere svalutati nel proprio lavoro, oltre che nel proprio tornaconto economico.

    Grazie ancora per il suo contributo.
    Replica con @Luc Sfolgarante utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  14. #13
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    .
    Messaggi
    1,522
    Ringraziamenti ricevuti
    329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Come risolvere il problema delle conversioni annullate dalle affiliazion

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Tuttavia anche gli affiliati hanno il loro "potere contrattuale": possono tradire un merchant in qualsiasi momento e lavorare con il concorrente, magari per una commissione leggermente più alta o per simpatia; possono "sfruttare" il marchio di un merchant, magari costruito in anni di lavoro e investimenti.
    Va però detto che il "tradire" è molto sbilanciato poiché il merchant non pagando nessun fisso una tantum all'affiliato e non perde nulla, se non una delle tante vetrine, mentre l'affiliato si può vedere decurtate commissioni, click o lead senza poterci vedere chiaro. Inoltre la possibilità di "tradimento" è biunivoco visto che potrei investire tempoe risorse su un brand che ad un certo punto decide di cambiare le commissioni, il mio profilo tariffario o addirittura estromettermi dall'affiliazione. Sicuramente il potere del publisher è quello di scrivere su forum come questi i suoi dubbi e confrontarsi con i colleghi sulle performance dei merchant.
    Inoltre il merchant è tutelato dalle leggi poiché chi utilizza impropriamente il suo marchio o chi ne abusa è percorribile per legge. Mentre l'affiliato non ha strumenti per verificare la lealtà e la trasparenza del merchant, se non la fiducia.

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Per quanto riguarda il click fraud non sono molto sicuro che sia così facile, dato che lo stesso google ha ammesso che circa il 7% dei click sono fraudolenti, anche se molti analisti stimano che siano molti di più.
    Già il fatto che Google abbia una stima dei click forud significa che ha modo di verificarli. Ovviamente per questioni politico/commerciali non può promuovere una cifra certa.


    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Se il mio sistema di tracciamento mi rileva che un utente, prima di effettuare la conversione sia passato da 5 voltre da un affiliato di una affiliazione e 3 da un altro affiliato di un'altra affiliazione, 4 volte da ppc, 1 da newsletter e 1 da banner ed infine da un accesso SEO prima di effettuare una conversione, a chi sarebbe giusto attribuire veramente la vendita?
    Il problema non è il giusto o sbagliato, ma la chiarezza di come avviene *ora*. Usate il LCW. Bene, sono disposto (da anni ormai) ad accettare che l'ultimo click sia il vincente. *Ma* un click da affiliazione, ovvero da publisher che usano i miei stessi strumenti e su cui ho margini di concorrenza. "Posso combattere il nemico se so chi è". Se nel LCW cominciamo a metterci email, dem, sem e campagne con altri sistemi di remunerazione e tutto il resto, è ovvio che il sistema si sbilancia a tal punto che il gioco non vale più la candela.
    Un esempio? Vietate il keyword marketing agli affiliati, e mi sta bene, però contemporaneamente lo fate voi in proprio e lo inserite nella competizione LCW delle affiliazioni.
    Un altro esempio? Vietate il cookie dropping ma chi mi dice che un'altra vostra campagna non lo ammetta? E potrei anche essere malizioso e pensare che lo faccia il merchant stesso.
    E' una cosa terribile! Cio ho pensato tutt'oggi. Davvero!

    E sa cosa ho fatto? Un esperimento: Sono andato a vedere le conversioni tracciate e cancellate come "assigned to other source" e sa cosa ho scoperto ? Che alcune di esse sono CONVERSIONI AVVENUTE IN SESSIONE. Voul dire che non ci sono stati altri click dopo il mio e che non è stato chiuso il browser. L'ordine è stato effettuato direttamente e il mio cookie era sicuramente vincente! Eppure l'ordine è stato cancellato perché assegnato ad un altro affiliato/campagna. Strano, molto strano...
    A onor di cronaca, non si tratta di ordini di Tui.

    A parte questo, non ritengo corretto dover competere con strumenti impari e in alcuni casi strumenti a cui non posso accedere per policy. A mio avviso dovreste stanziare un budget per ciascun tipo di campagna, soprattutto se è portata avanti da Terzi. E applicare l' LCW solo sui player relativi. Almeno finché non verrà implementato un nuovo sistema.


    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    ... Al banner che ha generato solo un accesso? Anche se è stato l'ultimo canale tracciato, non sarebbe equo rispetto agli altri passaggi. E per calcolare il ROI di ciascuna campagna mi ritroverei ad attribuire a tante fonti il valore di una singola vendita. Per rimanere in attivo devo per forza attribuire la vendita ad un solo canale e ad un solo affiliato.
    Per questo un modello di retribuzione a contatto ridistribuisce equamente il valore di una vendita in tutto il buying funnel, risolve il problema delle cancellazioni e consente una maggiore trasparenza del sistema, mantenendo la validità del modello pay per sale.
    Attenzione, qui non si sta discutendo se sia meglio LCW o un altro sistema. Qui il problema è come è stato implementato l' LCW! Per quanto ne sappiamo noi affiliati, il click che porta la vendita è il click vincente. Punto. Lo sappiamo da anni e lo accettiamo da anni. Ci sono pro e contro e potremmo discuterne per giorni. Ma il problema centrale è che questo LCW non viene applicato come dovrebbe, cioè orizzontalmente tra affiliati dei programmi di affiliazione, ma tra tutte le vostre campagne di ogni genere, specie, tipo e remunerazione. E, ribadisco, lo ritengo molto scorretto.

    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Per tornare ai merchant che hanno zero come tasso di cancellazione sugli affiliati, la vendita in quel caso sarebbe attribuita alla campagna banner e se per ipotesi lei fosse l'affiliato che ha generato i 5 primi accessi non saprebbe nemmeno di aver contribuito a quella vendita:
    Questo può vederlo come un problema. Ma non lo è. Noi editor abbiamo le nostre statistiche, click, impressions, CTR, CR, ecc... e facciamo i conti ormai da anni sul modello LCW. Vogliamo cambiarlo? Si può fare, ma non dovremmo essere spinti a farlo perché i merchant lo usano in modo improprio perche fa loro comodo. Dovete fare i conti con ROI diversi dal passato e campagne multiple (come noi del resto)? Bene, esponete il problema e cambiamo il sistema. Ma lo facciamo assieme. Mi pare troppo facile cambiare il modo di intendere le campagne e la sparzionione di molti nuovi cookies mentre ancora c'è il vecchio LCW. Senza per'altro che gli affiliati sappiano cosa succede.

    Con LCW sappiamo che altri affiliati ci possono "rubare" vendite con un click e sappiamo che possiamo rubarle noi a loro. Ed ora, purtroppo, sappiamo anche che dobbiamo fronteggiare campagne di tutt'altro genere, gestite magari dal merchant stesso. Molto poco equilibrato se me lo consente...


    Citazione Originariamente Scritto da TUI Visualizza Messaggio
    Una curiosità, se posso: se non sono troppo indiscreto, qual è la sua attività come affiliato?
    Non ne abbia a male ma prefrisco non rispondere, per motivi che vanno oltre questo thread. Ma le dico qualcosa di me: non mi definisco un esperto ma lavoro con le affiliazioni da anni e ne ho fatto il mio lavoro, per cui è un settore di cui conosco, lato affiliato, molti aspetti. Posso garantirle che sono una persona corretta e, nonostante alcune mie esternazioni sanguigne, non mi piace polemizzare inutilmente. Preferisco il dialogo e lo scambio di idee.
    Replica con @indiana2 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

Discussioni Simili

  1. Aiuto devo risolvere un problema di connessione
    Di nkl_89 nel forum DISCUSSIONI OFF TOPIC
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 04-06-10, 05:49 PM
  2. Il problema della cancellazione delle conversioni (deny rate)
    Di paolo.moro nel forum COME GUADAGNARE CON IL PROPRIO SITO WEB
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 20-01-10, 02:06 PM
  3. Affiliazioni del Settore Viaggi: conversioni fino al 3%, guadagni medi fino a 42 euro...
    Di paolo.moro nel forum COME GUADAGNARE CON IL PROPRIO SITO WEB
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-03-08, 06:50 PM
  4. Problema portatile difficile da risolvere.
    Di frateralph nel forum DISCUSSIONI OFF TOPIC
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 03-11-05, 11:44 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •