User Tag List

Pagina 2 di 6 PrimaPrima 1 2 3 4 5 6 UltimaUltima
Risultati da 16 a 30 di 78

Discussione: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

  1. #16
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    .
    Messaggi
    1,522
    Ringraziamenti ricevuti
    329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Citazione Originariamente Scritto da John24 Visualizza Messaggio
    Nel post iniziale infatti ipotizzi che i network cerchino di proteggere il merchant che fa il furbo, ma questo equivarrebbe al fatto che il proprietario di una casa copra il ladro che ruba in casa sua... la cosa logicamente non regge.
    La cosa regge se il proprietario della casa ha un'assicurazione che pagherà gli oggetti mancanti. Mentre gli originali li spartisce col ladro.

    In sostanza, c'è un interesse di tradedoublericon a tenere lastminuteclick attivo (pur sapendo che è a discapito del publisher essendo il programma un colabrodo), anche dopo la "scoperta" che cancela il 90%. Quale? Possono essere molti:

    - TD viene pagata a click: quindi fino a che è attivo prende soldi
    - TD deve garantire, sempre per contratto, un certo numero di click o di impressions mensile. Se scende sotto viene pagata meno. Quindi più publisher usano il programma meglio è (soprattutto nei mesi estivi)
    - TD ha un contratto con un fisso: magari ha pure un vincolo di tempo che deve rispettare. Prende comunque soldi
    - TD è in attesa di sostanziosi pagamenti ritardatari da lastminuteclick. Quindi per non indispettire il cliente che potrebbe non pagare, gli lascia fare quello che vuole. Dopo mesi e mesi si rende conto che non pagherà e decide di chiudere (ovviamente senza specificare il perchè ai publisher).

    e almeno altri 10 scenari.

    La cosa certa è che TD non lavora (solo) a parformance su lastminuteclick, un ritorno di altro tipo ce l'ha di sicuro, non v'è dubbio alcuno.
    Replica con @indiana2 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  2. The Following 2 Users Say Thank You to indiana2 For This Useful Post:

    gianly (01-09-12), Gilgalad (31-08-12)

  3. #17
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    3,770
    Ringraziamenti ricevuti
    630
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    2
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Ottima l'analisi di indiana2!
    Forex broker italiani http://www.forexbroker-it.com opinioni e recensioni, broker opzioni binarie di fiducia
    Replica con @Gilgalad utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  4. #18
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    5,644
    Ringraziamenti ricevuti
    1049
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    5
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Esatto l'interesse è da entrambe le parti altrimenti queste cose non si verificherebbero.
    Putroppo l'interesse di entrambi (network e merchant) danneggia gli interessi del publisher.
    Il problema, secondo me, è che questo modo di fare è assolutamente miope, nel senso che danneggiano chi porta loro le vendite, ma finchè non ci sono alternative credibili, hanno gioco facile...
    Ciao
    John24
    Replica con @John24 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  5. #19
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    , , .
    Messaggi
    550
    Ringraziamenti ricevuti
    229
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    1
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Sottoscrivo in pieno le parole di indiana2! Santo subito!

    E' veramente uno schifo...io non credo più nelle affiliazioni in Italia (e specifico in ITALIA! perchè all'estero le cose non vanno sicuramente così e parlo anche per esperienza diretta).
    Replica con @Phate utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  6. #20
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    .
    Messaggi
    1,522
    Ringraziamenti ricevuti
    329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Citazione Originariamente Scritto da Phate Visualizza Messaggio
    Sottoscrivo in pieno le parole di indiana2! Santo subito!
    ahahah :-)

    Citazione Originariamente Scritto da Phate Visualizza Messaggio
    E' veramente uno schifo...io non credo più nelle affiliazioni in Italia.
    io invece tendenzialmente vorrei essere ottimista o meglio... positivo. Sicuramente ci sono problemi, grossi anche. Ma l'affiliazione a perfomence, idealmente, è un ottimo strumento. Premia il più meritevole e lo stimola a fare meglio, porta sicuri risultati a tutti gli anelli della catene e tendenzialmente dovrebbe spurgare sempre di più il settore da agenziucole e sedicenti esperti che generano solo un anello in più, confusionario, costoso e spesso assolutamente inutile. E il più delle volte ingannevolmente rappresentato come necessario al merchant.

    La piattaforma di affiliaizone dovrebbe esser eun marketplace democratico e imparziale, che bilancia domanda e offerta. Non come ora un vincolo clientelare governato dal merchant, subito dalla piattaforma e percepito in modo passivo dai publisher.

    L'approccio da publisher è il più difficile. Se non sei un big perlomeno non hai mai il coltello dalla parte del manico e anche in casi come lastminuteclick in cui la ragione pende solo da una parte, non è facile farsi sentire.
    Mettiamo per assurdo che esista un'associazione dei publisher... una specie di sindacato (ma non mi piace chiamarl ocosì) in grado di parlare, dialogare, trattare e magari puntare i piedi su cose ragionevolmente modificabili. Se tale "anello" esistesse, probabilmente ci sarebbe più equilibrio perché un merchant potrebbe cambiare affiliazione, ma al di là troverebbe lo stesso identico interlocutore: il "Publishers Rights Bureau" :-)

    Fantasie a parte, il nocciolo stà lì. Il merchant si dovrebbe veder costretto ad accettare alcuni paletti comportamentali per il semplice motivo che non può fare altro se vuole entrare nel sistema. Ora, invece, oggetto di incentivo e di scambio per accaparrarsi un merchant è qualsiasi cosa: ritardi nei pagamenti, tot numero di click garantiti, favoritismi di ogni genere.

    Una macchina a performance, che funziona e converte come una piattaforma di affiliazione, dovrebbe trovarsi nella situazione di titolare che cerca una segretaria: una fila di 1000 merchant alla porta che vogliono entrare nel giro.

    Invece ora sono le affiliazioni che corrono dietro ai clienti e si calano le braghe (o meglio, calano le nostre braghe) per non farli andare dal concorrente.

    Soluzione: io ormai sono anni che lo dico: tavola rotonda tra le affiliazioni e creazione di un manifesto di poche e semplici regole trasversali (per merchant e publisher) che tutti sottoscrivono e seguono.
    I merchant le troveranno appese ad ogni ufficio delle affiliazioni, qualunque essi scelgano di usare.
    Replica con @indiana2 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  7. #21
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    , , .
    Messaggi
    550
    Ringraziamenti ricevuti
    229
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    1
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Io sono meno ottimista purtroppo...ormai la cultura dominante in questo paese è "come posso fregare qualcuno e guadagnare?".

    E' ormai insita nel DNA di moltissimi italiani (non tutti per fortuna e devo dire che fra gli imprenditori sul web noto che spesso c'è un gran senso civico e che valori come onestà e lealtà sono molto importanti) e si manifesta in diversi modi: quello che frega lo Stato e non paga le tasse (e viceversa: lo Stato che fa i controlli GdF a caso ma che "qualcosa dobbiamo trovare" o manda cartelle esattoriali ad catzum per rastrellare ancora un po' di soldi), quelli che fanno le truffe (basta guardare Le Iene per scoprire che il più grande talento degli italiani è la creatività nelle truffe), ecc...

    Quindi è "normale" in Italia che anche un'azienda, scoperto un nuovo canale di vendita come le affiliazioni online, si ponga la fatidica domanda: "ma possiamo fregare qualcuno e guadagnare di più?". E la risposta è: ma certo che possiamo! Chi ci controlla? La piattaforma di affiliazione? Ma quando mai, un panettone a natale e una colomba a pasqua e sono a posto...

    Tanto l'orizzonte temporale della maggior parte delle aziende italiane sono i mesi, manco gli anni: siamo qui per restare? No, siamo qui per magnare il più possibile! E prima che il Titanic affondi, scappiamo...possibilmente lasciando più debiti possibili e più gente fregata possibile (oh, stranamente se deve fallire una compagnia aerea o un tour operator quando fallisce? Ad agosto, dopo aver fatto il pieno di prenotazioni!).

    Quanti esempi si potrebbero fare di aziende che hanno "dato il giro" e che fino ad un secondo prima erano osannate...ricordate la famosa Tucker? Pubblicità in TV, televendite...sponsor della Nazionale! Un prodotto che non funzionava!

    Vabbè, sto divagando...il succo è che per quanto mi riguarda se le cose non cambiano (e non cambieranno...) userò sempre meno le affiliazioni italiane e lavorerò sempre di più con le affiliazioni dirette con aziende straniere (Apple, Nike, Expedia...)
    Replica con @Phate utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  8. The Following 3 Users Say Thank You to Phate For This Useful Post:

    alfredkk (31-08-12), Gilgalad (31-08-12)

  9. #22
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    5,644
    Ringraziamenti ricevuti
    1049
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    5
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Citazione Originariamente Scritto da indiana2 Visualizza Messaggio
    In sostanza, c'è un interesse di tradedoublericon a tenere lastminuteclick attivo (pur sapendo che è a discapito del publisher essendo il programma un colabrodo), anche dopo la "scoperta" che cancela il 90%. Quale? Possono essere molti:

    - TD viene pagata a click: quindi fino a che è attivo prende soldi
    - TD deve garantire, sempre per contratto, un certo numero di click o di impressions mensile. Se scende sotto viene pagata meno. Quindi più publisher usano il programma meglio è (soprattutto nei mesi estivi)
    - TD ha un contratto con un fisso: magari ha pure un vincolo di tempo che deve rispettare. Prende comunque soldi
    - TD è in attesa di sostanziosi pagamenti ritardatari da lastminuteclick. Quindi per non indispettire il cliente che potrebbe non pagare, gli lascia fare quello che vuole. Dopo mesi e mesi si rende conto che non pagherà e decide di chiudere (ovviamente senza specificare il perchè ai publisher).

    e almeno altri 10 scenari.

    La cosa certa è che TD non lavora (solo) a parformance su lastminuteclick, un ritorno di altro tipo ce l'ha di sicuro, non v'è dubbio alcuno.
    Esattamente, il punto non è il merchant che è impazzito e distrugge un suo canale di vendita penalizzando i publisher (questo vale non solo per le cancellazioni, ma anche per le dedupliche, mancati tracciamenti ecc.), ma la politica del network che fa in modo che il merchant sia in un certo senso "costretto" a comportarsi in quel modo.

    Con politica intendo la politica commerciale, gli accordi "segreti" sconosciuti ai publisher, vi siete mai chiesti perché i contratti dei publisher sono pubblici su tutti i network mentre quelli dei merchant no?

    Il problema è che il network per un interesse nel breve periodo, danneggia forse irreparabilmente molti publisher.

    Non voglio certo giustificare i merchant, anche loro hanno evidentemente interesse nel gestire le cose in questo modo, ma credo che la responsabilità maggiore sia da addebitare ai network, che arrivano a proporre contratti dove più il merchant cancella più loro guadagnano a parità di costo per il merchant.

    Se uno guadagna (il network), l'altro esce in pareggio (il merchant) alla fine chi ci perde?

    Il problema non è l'affiliazione in se' stessa, quando funziona correttamente non c'è sistema che renda di più ad un publisher, il problema è come viene gestita da certi network è il modello di funzionamento che secondo me genera queste situazioni, un modello che io non ritengo adatto per la realtà italiana fatta principalmente da piccole e medie imprese e dove anche le grandi non hanno spesso competenze per gestire e verificare campagne web.

    Sinceramente non vedo motivo per cui le cose dovrebbero cambiare, non certo perché i publisher lo chiedono, se il problema è di "modello di funzionamento", l'unica soluzione è trovare un modello di funzionamento alternativo.

    Ciao
    John24
    Replica con @John24 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  10. I seguenti utenti hanno ringraziato John24 per questo utile post:

    indiana2 (01-09-12)

  11. #23
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    177
    Ringraziamenti ricevuti
    113
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    2
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Scusate se sono un po' brusco, duro e cinico, ma a mio giudizio la colpa non è del network di affiliazione, né del merchande furbo.

    La colpa è esclusivamente del publisher. Capisco che mi prenderete per pazzo: come lastminuteclick ci frega e la colpa è nostra?

    Vi faccio un esempio con l'Italia.
    I nostri governanti sono inetti, ladri, farabutti... (mette voi il resto uno in più o in meno cambia poco). Gli italiani tutti ci lamentiamo.
    Poi chiedi: Ma di chi è la colpa?
    E subito ti senti dire: dei politici!!!!
    Io resto interdetto a sentire questo. La colpa non è dei politici ma degli italiani.
    Mica siamo in Cina i nostri politici vengono tutti eletti dal popolo. Quindi la colpa è del popolo. Se un politico è corrotto, lestofante, mafioso, viene eletto così come fosse puro. Glielo mandano i cittadini.

    Così è con le affiliazioni. Chi sceglie le affiliazioni? I Publisher. Quindi la colpa è dei publisher.
    Qualcuno obietterà, si ma io non lo sapevo prima di provarlo, la piattaforma di affiliazione non mi ha avvertito. Vero.
    Però io ad esempio alla terza vendita annullata su tre di Lastminuteclick l'ho immediatamente eliminato.

    Se tutti facessimo così, lo spazio per i merchande furbi sarebbe molto limitato e ristretto.
    Invece vuoi vedere che ci sono publisher che si tirano dietro programmi come lastminuteclick per mesi, se non anni. Ed ogni mese stanno a lamentarsi perché cancella le vendite?

    Vi siete mai chiesti perché un ministro inglese è costretto a dimettersi per un contibuto di 30 sterline perché non gli toccava?
    Perché il popolo inglese si indigna e se quello non si dimette il partito perderebbe di credibilità ed alle prossime elezioni prenderebbe una grossa batosta.

    Ecco, il popolo inglese è decisamente più evoluto politicamente parlando.

    Così se i publisher fossero attenti con chi hanno a che fare, simili programmi avrebbero vita breve.

    Se a me tradedoublericon mi propone un nuovo inserzionista io gli dico ok, aspetta che lo provo in una sezione minore. Così se è un truffatore o non converte una cippa non fa danni. Lo testo per bene, se ne vale la pena si promuove a spazi di visibilità maggiore. Altrimenti via da dove è venuto.

    Dobbiamo essere noi in primis ad educare i partner commerciali. Io ho numerose sponsorizzazioni dirette con aziende straniere che operano da noi, nessuna con l'Italia.
    Quelle straniere pagano o in anticipo o a 30 giorni, ma non si sgarra. Ho avuto un'offerta da un agenzia italiana.
    Il primo accordo era pagamento immediato. Dopo hanno parlato di 30 giorni. Scaduti i 30 giorni sono partite diverse mail di sollecito. Morale della favola? Appena pagano li mando a Ramengo.

    Che poi le piattaforme di affiliazione siano molto carenti è fuor di dubbio.
    Io i migliori spazi li affido sempre ad adsenseicon.
    Se quelli di td mi chiedono mi dai quello slot? Gli dico no. Perché?
    Risponditi da solo.
    Replica con @Luc Sfolgarante utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  12. The Following 3 Users Say Thank You to Luc Sfolgarante For This Useful Post:

    belisma (06-09-12), John24 (02-09-12)

  13. #24
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    .
    Messaggi
    1,522
    Ringraziamenti ricevuti
    329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Citazione Originariamente Scritto da Luc Sfolgarante Visualizza Messaggio
    Scusate se sono un po' brusco, duro e cinico, ma a mio giudizio la colpa non è del network di affiliazione, né del merchande furbo.

    La colpa è esclusivamente del publisher. Capisco che mi prenderete per pazzo: come lastminuteclick ci frega e la colpa è nostra?

    Capisco ciò che intendi e sostanzialmente concordo.
    Ma dovresti leggere la cosa in modo diverso. Lavoro con le affiliazioni da oltre 10 anni e so bene che sono i publisher a decretare successo o no di un programma, perché possono non usarlo (anche se, a dirla tutta, anche se in un solo mese di test converto migliaia di euro che poi vengono cancellati, comunque ho diritto a lamentarmi e a esigere chiarimenti). So anche che la lamentele fine a se stesse non servono.

    Ma la questione è differente: non si tratta di lamentarsi in modo sterile, si tratta come dici giustamente, di educare.
    Un post come questo resta. Se ce ne fossero altri 10 sparsi per il web il brand e l'affiliazione non solo non potrebbero snobbarli, ma dovrebbero in qualche modo farne fronte. Perché è chiaro che del merchant viene colpita l'immagine e dell'affiliazione l'affidabilità. E più di una volta lo stesso merchant è intervenuto sul forum per dare spiegazioni o scusarsi dell'accaduto.

    Ieri Spartoo, Tui, ePrice ed altri, oggi lastminuteclick, domani altri. E' uno strumento questo che ci conviene usare. Per i deny rate, per i ritardi e per parlare di brand, nel bene e nel male. Anche, perché no, per mettere alla gogna un merchant che lo merita.

    Io la vedo così. E funziona, perché più di una volta tdicon e company mi hanno riportato "lamentele" del merchant su un post su Alverde. A quel punto basta rispondere: "se il merchant ha qualcosa da dire che lo faccia in prima persona tramite il forum".

    Forse non ci credete, ma un post negativo su un merchant può mettere in difficoltà l'affiliazione, perché viene bombardato dal merchant incazzato. E quindi si prende coscienza della cosa. E' un modo indiretto di comunicare con affiliazione e merchant, pubblicamente.

    Personalmente penso che semplicmenete non usare un merchant o un'affiliazione senza denunciare i suoi comportamenti sia poco utile. Sappiamo che molti lavorano a click o impression, e quelli li prenderanno sempre... se molla uno a pps, ce ne sono altri 10 più piccoli magari che incrmeenteranno click e impressions semplicmenete mettendo su un banner.

    Più scriviamo di quello che non va, più gente sarà prevenuta su quel merchant o quell'affiliazione.
    Replica con @indiana2 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  14. The Following 3 Users Say Thank You to indiana2 For This Useful Post:

    alfredkk (02-09-12), belisma (06-09-12), John24 (02-09-12)

  15. #25
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    21
    Ringraziamenti ricevuti
    4
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Dire che la colpa è esclusivamente del publisher mi sembra una affermazione un pò forte (secondo me anche sbagliata).

    E' come dire a uno che gli hanno rubato qualcosa che la colpa è sua perché si deve fare più furbo e non farsi fregare...

    Le tue conclusioni relative al fatto che spetta anche ai publishers cercare di emarginare i merchant che non rispettano i patti sono invece molto più condivisibili a parer mio.

    Bisogna anche pensare poi che molti di noi non hanno un peso specifico molto importante. Chiaro che se si hanno siti importanti in termini di traffico, che possono muoversi come tu descrivi allora sicuramente quello che dici è più plausibile.

    Nel mio caso, io sostanzialmente ho iniziato a maggio, ho messo su questa cosa, ho iniziato ad avere delle vendite a luglio (ci ho un po' creduto), poi dopo circa una ventina di giorni sono iniziate le prime cancellazioni.
    Allora mi sono informato e appena ho potuto ho sostituito il merchant. Ora devo stare qui a guardare mentre le vendite vengono cancellate una ad una (motivazione "Order Cancelled"). E come ulteriore beffa in questi giorni mi si registrano ancora vendite delle persone che hanno fatto il primo contatto ai primi di agosto e che ora stanno acquistando.

    PS: Ma a qualcuno è sembrato che comunque con Lastminuteclick si vende parecchio?
    Replica con @Sibolo utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  16. I seguenti utenti hanno ringraziato Sibolo per questo utile post:

    John24 (02-09-12)

  17. #26
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    5,644
    Ringraziamenti ricevuti
    1049
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    5
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    @Luc Sfolgarante
    vedi quello che hai scritto è esattamente quello che mi ha risposto il responsabile di un network a seguito di mie segnalazioni, il quale mi ha detto che loro mettono i programmi a disposizione, sono poi i publisher a decretarne o meno il successo, se un merchant non converte, o cancella, o non traccia o paga con molto ritardo i publisher se ne andranno.

    Io stesso se ho programmi che non rendono dopo un certo numero di impressions/click li tolgo dai miei siti, e comunque concordo con Indiana2 che comunque vada segnalata la cosa e che la segnalazione può risolvere alcun problemi.

    Il punto è però un altro, e cioé che la risposta che hai dato va bene se a darla sono i publisher, non va invece bene se a darla sono i network.

    Dato che parliamo di network che hanno sostanzialmente solo programmi in PPS/PPL (almeno lato publisher) SE il loro obiettivo fosse quello di guadagnare esclusivamente su sale e lead, secondo te che senso ha lasciare attivo un programma che ha tassi di cancellazione così elevati? anche ammesso che sia tutto regolare, non vedi questa cosa come uno spreco di impressions e click, sia lato publisher sia (soprattutto) lato network?

    In altre parole, il network non avrebbe alcuna ragione per lasciare attivo un programma che non rende o rende molto meno dei concorrenti; il network ha statistiche a livello globale vede cosa succede su tutti i publisher e può quindi capire se per lui ha senso indirizzare i suoi publisher verso uno o l'altro programma.

    Per come la vedo io, un network dovrebbe indirizzare le scelte dei suoi publisher semplicemente eliminando i programmi che non rendono a sufficienza (o hanno problemi con i pagamenti) tra quelli disponibili.
    Basterebbe questa semplice regola per rivoluzionare il mondo delle affiliazioni.

    Il problema è chiedersi perché questo non avviene, quale sia l'interesse del network a lasciare attivo un programma che ha evidenti problemi di performanca? perché le cancellazioni avvengono con settimane di ritardo rispetto al tracciamento (come segnalato da Sibolo)? Perché il tasso di cancellazione viene scritto nella scheda del programma senza inviare alcuna comunicazione ai publisher?

    Lato publisher, come detto concordo, e credo che il compito di questo forum sia anche quello di dare evidenza ai problemi. Sono però meno fiducioso di Indiana2 sul fatto che questo modo di fare possa risolvere alla radice il problema, credo che qualche volta verremo ascoltati e nella maggior parte dei casi succede poco.
    Il problema è che certe cose "vanno contro gli interessi del network" (riporto una frase che mi è stata detta in merito alle proposte che abbiamo presentato in questa sezione) ed è quindi difficile che cambieranno radicalmente a meno di stravolgimenti del mercato e di nuovi attori che applichino logiche diverse, più attente alla valorizzazione dei propri publisher.

    Ciao
    John24
    Replica con @John24 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  18. #27
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    , , .
    Messaggi
    80
    Ringraziamenti ricevuti
    10
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Andando più sul pratico, mi chiedo se l'EPC nella scheda delle "performance del programma" di zanoxicon consideri oppure no i dati dei deny... cioè quei numeri nella scheda sono attendibili anche nel lungo periodo, quando dopo settimane o mesi arrivano le cancellazioni, oppure sono al lordo delle cancellazioni?

    Sul discorso "di chi è la colpa", sicuramente i Network ne hanno una bella fetta e continuano a vivere sulle spalle dell'ignoranza, sia dei merchant che dei publisher.
    Per scoprire tutti i settaggi, le cose non scritte nel contratto, gli accordi che ci sono sotto... bisogna estorcerli con domande dirette richiedendo spiegazioni precise, meglio se scritte.

    Solo che a tendere la cosa non può durare, le skill aumentano da entrambe le parti... senza contare forum come questo che comunque qualche tarlo lo fanno entrare in testa a molti.
    Replica con @prometeo utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  19. I seguenti utenti hanno ringraziato prometeo per questo utile post:

    John24 (06-09-12)

  20. #28
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    .
    Messaggi
    1,522
    Ringraziamenti ricevuti
    329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    4
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Le affiliazioni non si sono mai preparate a gestiore publisher di alto livello, come volumi intendo. Hanno giocato tradizionalmente con la quantità... tanti piccoli publisher che fanno qualche decina di migliaia di euro di volume di vendita al mese. Se saliamo di livello e parliamo di volumi dai 5 ML ai 10 ML di euro all'anno, si rivela tutta l'incapacità la superficialità (e qualche volta l'incompetenza) di gestione.
    E mi pare impossibile che il ricatto di spostare i volumi su altre piattaforme sia l'unica soluzone per risolvere problemi (e dico, risolvere problemi... non guadagnare di più o avere migliori condizioni).

    mah
    Replica con @indiana2 utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  21. I seguenti utenti hanno ringraziato indiana2 per questo utile post:

    John24 (06-09-12)

  22. #29
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    21
    Ringraziamenti ricevuti
    4
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Continua la sofferenza...
    Replica con @Sibolo utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

  23. #30
    Data Registrazione
    Feb 2010
    Messaggi
    378
    Ringraziamenti ricevuti
    22
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: lastminuteclick e Tradedoubler: la vergogna delle affiliazioni

    Che simpatia.....il tutto con il benestare di tdicon.....complimenti vivissimi!
    Replica con @alfredkk utilizzando il bottone "Rispondi alla Discussione"

Pagina 2 di 6 PrimaPrima 1 2 3 4 5 6 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •