Altroconsumo e Fundstore.it hanno siglato un accordo che avrà la durata di altri cinque anni. L’associazione italiana dei consumatori ha prolungato la propria partnership con il marketplace di Banca Ifigest. In sostanza, i soci di Altroconsumo – che in totale sono più di 370mila – avranno la possibilità di usufruire di uno sconto sull’imposta di bollo nel momento in cui opereranno su Fundstore e sottoscriveranno investimenti in sicav e fondi per un controvalore di non meno di 10mila euro di giacenza media annua. Lo stesso beneficio sarà a disposizione degli abbonati di Altroconsumo Finanza, e lo sconto sarà valido per i mesi di detenzione del controvalore effettivi.

Una nota diffusa da Fundstore ha fatto sapere che l’accordo è arrivato in seguito alla constatazione del notevole successo dell’iniziativa, che nel corso degli ultimi cinque anni fa fatto in modo che un gran numero di associati entrasse in contatto con il mondo dei fondi online e li conoscesse più da vicino. Insomma, per i soci che scelgono di ricorrere a Fundstore nella prospettiva di eseguire investimenti redditizi, i vantaggi sono molteplici.

Fundstore è una società di servizi che propone una piattaforma tecnologica attraverso la quale Banca Ifigest, che agisce in qualità di intermediario autorizzato al collocamento di titoli, viene messo in contatto con varie società di gestione, che sfruttano tale vetrina per far conoscere i propri sicav e i propri fondi di investimento. Il sito ha una storia decisamente lunga alle spalle, essendo stato fondato nel 2000, e rappresenta il primo canale di distribuzione di fondi online attraverso cui gli investitori individuali hanno l’opportunità di operare tramite il conto corrente.

Il livello di sicurezza di Fundstore è testimoniato dal fatto che sul sito non si verifica alcun passaggio di denaro: sono gli stessi utenti, infatti, che autorizzano il proprio istituto di credito di volta in volta a trasferire la quantità di soldi che sono interessati a investire. Il conto corrente di ogni cliente, di conseguenza, non può essere addebitato da terzi, dal momento che il solo mezzo di pagamento che si ha a disposizione è il bonifico bancario. Aprire un rapporto Fundstore non prevede costi né l’applicazione di commissioni: tutto è gratuito, e non ci sono commissioni neppure per il rimborso dei prodotti. Le sole spese a cui si deve far fronte sono quelle bancarie, che corrispondono alle commissioni di intervento delle banche corrispondenti, un diritto fisso che funge da compenso per i servizi che vengono offerti.