In questa pagina abbiamo raccolto i migliori POS Mobile acquistabili online. Abbiamo prestato particolare attenzione ai POS Mobile con scontrino, a quelli senza commissioni e più in generale a quei lettori di carte di credito che consentono di accettare pagamenti con la maggior parte delle carte credito, di debito o carte prepagate. Ci auguriamo che in questa pagina tu possa trovare il POS più economico adatto alle tue esigenze di business.

Sumup: funzionamento e opinioni sul famoso lettore di carte di credito

Sumup è un Pos portatile senza canone che prevede un pagamento solo quando viene utilizzato. Si tratta di una soluzione che è concepita per assecondare le esigenze dei professionisti, dei negozi e delle imprese che accettano pagamenti con carta di volumi ridotti.


Axerve PosAxerve: POS GPRS senza commissioni

Axerve è il nuovo POS Mobile di Banca Sella, o più precisamente un pos GPRS grazie al quale è possibile accettare sia i pagamenti con carta di credito online che offline, il tutto con un unico hub. Il marchio propone un’offerta interessante per l’accettazione dei pagamenti elettronici, con un servizio POS senza commissioni che viene messo a disposizione tramite un abbonamento mensile.


Izettle: opinioni e costi del POS portatile con APP

Izettle si presenta come una soluzione per l’elaborazione dei pagamenti( POS) concepita per le imprese che hanno bisogno di accettare transazioni eseguite con carta di credito dappertutto. Si tratta del più importante servizio europeo in questo ambito. [Continua]


MyPos: il POS mobile senza canone mensile – opinioni e info

MyPos è un terminale pos con incluso un conto e-money che mette a disposizione di chi lo utilizza la possibilità di accettare pagamenti con carta di credito. Il servizio include un terminale, una carta aziendale e una Sim dati con traffico illimitato. [Continua]


Il POS mobile è la soluzione più pratica e più conveniente dal punto di vista economico quando si ha la necessità di accettare pagamenti con carta di credito in negozio ma anche in mobilità. Il lettore carte di credito associato allo smartphone è un device che sta diventando sempre più popolare, soprattutto tra lavoratori autonomi, liberi professionisti e piccole imprese. Le banche tradizionali al momento propongono ancora commissioni POS troppo elevate, o comunque condizioni economiche poco vantaggiose soprattutto per chi gestisce un piccolo business.

Con i pagamenti tramite POS, il mondo del mobile payment si evolve sempre di più, come dimostra il proliferare di offerte in questo ambito. Con un device apposito – un POS portatile, appunto – è possibile accettare le più diverse carte di pagamento, proprio come un POS Bancomat tradizionale. Con la possibilità aggiuntiva di gestire gli accrediti e gli estratti conto da apposite app per smartphone. Diverse realtà propongono il POS senza canone: questo vuol dire che si ha a disposizione un POS gratuito per mezzo del quale è facile e veloce accettare pagamenti in mobilità con carte. Gli assicuratori, i venditori ambulanti, ma anche i postini, gli elettricisti, gli idraulici, i tassisti: sono numerosi i professionisti che possono approfittare della praticità di un sistema più economico e più comodo di quelli previsti finora.

Come detto sopra in questa pagina cerchiamo di essere d’aiuto nel trovare un pos economico alle migliori condizioni.

Pagamento POS: tipologie e modalità

Il pagamento tramite POS è una modalità di pagamento tra le più sicure, che permette di pagare beni e servizi attraverso l’utilizzo di carte di credito, carte di debito e bancomat. Il pagamento tramite POS può essere accettato sia da terminale fisso che da terminale mobile, con l’utilizzo di carte tradizionali o contactless.

L’obbligo per i commercianti di avere un POS e quindi di accettare questa tipologia di pagamento è stata introdotta dal 2012 e, dal 30 settembre 2017, sono state introdotte delle sanzioni specifiche.

Obbligo  di accettare pagamenti con POS

Dal 2012 esiste in Italia un decreto legge (dl 179/2012) che ha introdotto l’obbligo per i commercianti, i liberi professionisti e le imprese di dotarsi di POS per i pagamenti elettronici, in alternativa al pagamento in contanti.

La norma sull’obbligo del POS è stata in seguito riproposta nella legge di stabilità del 2016, ma è stata poco applicata a seguito della mancanza di sanzioni in merito al suo non rispetto.

La svolta è avvenuta dal 30 settembre 2017 quando è stata introdotta la possibilità di sanzionare il commerciante che non accetta pagamenti tramite POS per un importo da 5 a 30 euro a transazione non accettata.

Teoricamente se l’esercente, nonostante l’obbligo, non dispone del terminale POS , il consumatore potrebbe ottenere gratuitamente il bene o il servizio; nella realtà quotidiana il cliente solitamente si reca ad un ATM per prelevare contanti o chiede di poter pagare in un secondo momento. Attenendosi però alla legge l’esercente sprovvisto di POS non potrebbe reclamare il pagamento, in quanto sarebbe obbligato ad accettare il pagamento tramite POS.

La regolamentazione del POS obbligatorio ha come obiettivo proprio quello di risolvere in maniera definitiva la problematica che si potrebbe presentare e che potrebbe arrecare disagio al cliente.

Il funzionamento del POS

Il POS è un terminale elettronico che risulta essere collegato, tramite linea telefonica, al centro di elaborazione dati della banca che gestisce il servizio.

Quando viene inserita, strisciata o appoggiata la carta o il bancomat al POS il terminale trasmette i dati alla banca che autorizza o rifiuta l’addebito sul conto corrente del cliente e il contestuale accredito sul conto del commerciante.

Tipologia di carte e modalità di pagamento

L’esercente, a seconda del servizio che vuole offrire al proprio cliente, può decidere quali circuiti di pagamento abilitare; in questo modo potrà decidere di accettare pagamenti con carte di credito e carte di debito facenti parti del circuito Visa, Mastercard, America Express, JCB, Diners e EDC Maestro. In merito al pagamento con carta bancomat solitamente la scelta può ricadere sul solo circuito italiano PagoBancomat o sui circuiti internazionali, ad esempio Maestro.

Il pagamento attraverso POS può avvenire con le più tradizionali modalità, quali l’inserimento o la strisciata della carta oppure con la modalità più recente ed innovativa del contactless.

Mediante l’utilizzo di un tecnologia NFC il terminale POS abilitato ad accettare pagamenti con contactless accetta la transazione semplicemente attraverso l’avvicinamento della carta di credito o dello smartphone al terminale.

Se si utilizza una carta di credito/debito sarà sufficiente avvicinarla al POS abilitato; se si utilizza uno smartphone sarà necessario anche scaricare un’apposita applicazione per il pagamento con il telefono cellulare.

I vantaggi del pagamento tramite POS

Accettare pagamenti tramite POS offre diversi vantaggi agli esercenti come ai clienti finali.

Dal punto di vista degli esercenti, con l’introduzione del POS, viene offerto al cliente una modalità alternativa di pagamento, ampliando le opportunità di vendita e quindi il proprio business; un altro vantaggio a favore del venditore di beni o servizi è l’aumento della soddisfazione dei clienti, che possono pagare velocemente, riducendo i tempi di attesa.

Accettare pagamenti tramite POS, specialmente in alcune particolari categorie come nel settore alberghiero e della ristorazione, permette una migliore gestione finanziaria, accelerando e semplificando la gestione dei flussi economici-finanziari dell’azienda poiché l’importo di ogni vendita viene immediatamente ed automaticamente digitalizzato all’interno dell’estratto conto bancario.

Dal punto di vista del cliente il poter pagare tramite POS consente maggiore velocità di pagamento e permette, quando necessario, di poter pagare in valuta diversa dalla propria; si tratta di un vantaggio anche per gli esercenti da non sottovalutare specialmente nelle città turistiche. Il cliente può pagare senza problemi legati al cambio e l’esercente può ricevere con facilità e sicurezza i pagamenti.

Tipi di POS

Per l’esercente il POS può avere costi e funzionalità differenti; è necessario quindi conoscere le 5 principali categorie di POS tra cui poter scegliere.

–          POS fisso: il lettore viene collegato alla linea telefonica fissa. È la tipologia più tradizionale, solitamente utilizzati dove c’è una sola postazione fissa di ricezione dei pagamenti.

–          POS cordless: il lettore funziona attraverso la linea telefonica wireless. Questo terminale può essere spostato da un posto ad un altro, sempre nei limiti della zona di attivazione del wireless.

–          POS GSM/GPRS: il lettore funziona tramite una SIM card. Può quindi essere spostato ovunque, in quanto non legato al wireless.

–          Mobile POS: si tratta di un POS portatile che, attraverso un’applicazione, scaricata sul proprio smartphone o tablet, permette di accettare pagamenti attraverso il proprio POS che viene collegato al dispositivo tramite bluetooth. Con questa modalità la ricevuta di pagamento può essere inviata in formato elettronico tramite sms o email.

–          POS virtuale: utilizzata dagli e-commerce, permette di elaborare transazioni via internet in modo semplice e sicuro. I clienti possono acquistare online un bene o un servizio, pagare direttamente tramite il sito dell’esercente e ricevere in modo automatico la ricevuta di pagamento.