Italiani all'estero che raccontano la loro storia. Intervista a Nicoletta Consumi #sapessiinsvezia

il | Articoli, Promuovere online | 0 commenti

Questo ciclo di interviste mi piace particolarmente, perché mi permette di “saltare di palo in frasca”, spaziando da progetti in ambito sportivo a esperti di web marketing, da portali di informazioni tecniche a… italiani all’estero!

L’intervista di oggi corre fino a Göteborg, in Svezia, dove attualmente vive Nicoletta Consumi, 36 anni, giornalista e mamma di una bambina di un anno e mezzo. Nata e cresciuta a Firenze, da alcuni anni ha abbandonato la “comfort zone” (parole sue) insieme al marito, italo-svedese, per “crescere professionalmente” altrove.

Dopo aver conseguito la laurea in una facoltà umanistica, Nicoletta ha scelto di inseguire il proprio sogno e diventare giornalista. Ha lavorato per diversi anni per quotidiani nazionali come Il Giornale e La Nazione fino a specializzarsi nel settore della comunicazione e divenire consulente.

www.tusapessiinsvezia.blogspot.it è un blog che si occupa di consigli in pillole, itinerari in pillole, curiosità in pillole sul
Paese che ha dato i natali ai Vichinghi, a Pippi Calzelunghe e agli Abba. Uno spazio on line nato per caso e un po’ per necessità – nel maggio 2015 – per rimanere in contatto con parenti e amici rimasti in Italia e raccontar loro della vita di Nicoletta al freddo Nord.

Sentiamo che ci racconta Nicoletta di se’…

Mi ritengo una blogger per hobby, non di professione, il mio lavoro è un altro. Inizialmente il blog doveva essere solo un modo per dare spazio alla mia voglia di scrivere – essendo una giornalista e scrittrice – ma in breve tempo il numero di contatti e di pagine lette è aumentato in modo esponenziale grazie al passaparola, ai contributi e ai social network.

Questo ha permesso al blog di fargli assumere un carattere più specialistico, un vero e proprio strumento di informazione sulla Svezia. #TuSapessiInSvezia ha instaurato un genuino contatto con i suoi lettori che interagiscono in vario modo: attraverso il blog con commenti, e-mail, il mio profilo Facebook, Twitter ed Instagram.

E’ una grande community di amici che ha raggiunto il suo primo anno di età. Ne sono molto orgogliosa.

Raccontare la propria esperienza come chiave per la visibilità online: intervista a Nicoletta Consumi

1) Cosa serve attivare per rendere efficace e visibile un progetto online che parte da zero? Cosa ci deve essere per forza? Nel tuo caso, quali obiettivi ti poni pubblicando online?

Per rendere efficace e visibile un progetto online che parte da zero è necessario avere argomenti (alle volte anche frivoli come l’amore spassionato degli svedesi nei confronti delle persone dai capelli castani considerate “esotiche”) e saperli raccontare ogni volta in modo diverso, ironico, accattivante a seconda del mezzo che abbiamo davanti: che sia un blog o un social network. Quando pubblico online il mio obiettivo è divertire il lettore con pezzi utili, originali e di interesse. Ecco perché spesso scrivo delle mie esperienze sul campo prendendomi in giro. Il lettore sorride e tornerà sicuramente tra le mie pagine anche solo per vedere “cosa diavolo combina quella grulla in Svezia”. Lo so che pensano questo. (ride)

 

2) Se hai un sito online, devi per forza fare qualcosa per farlo vedere a più persone (a target) possibili: quali sono i passi indispensabili per scalare i motori di ricerca?

Per scalare i motori di ricerca è necessario “masticare” un po’ di SEO e scrivere frequentemente. Cosa che al momento – essendo mamma di una peste di un anno e mezzo – è una impresa titanica. Ma sui social non faccio mai mancare un dispaccio dal profondo Nord, che sia un post sulla mia pagina, sul mio profilo privato, o una foto su instagram o un tweet.

 

3) Non esiste però solo Google, dato che sempre più visite arrivano dai Social Network. Qual è la ricetta giusta per prendersi visibilità e utenti anche dai Social, secondo te?

La ricetta per avere visibilità sui social è l’interazione e – mi permetto di dire anche – la scelta “giusta” dell’utente. Un utente che devi cercare in primis tu che scrivi e coccolarlo. Farci amicizia, dall’amicizia si passa alla stima reciproca. Io oggi vengo seguita dalle persone migliori che ci siano in circolazione in Italia. Vedere per credere. E non potrei più fare a meno di loro.

 

4) Quali sono gli strumenti (tool online, software, ecc.) di cui non si può fare a meno per un progetto di web marketing serio?

Gli strumenti indispensabili per un progetto online serio li troviamo direttamente su Google. Google Alert per esempio per monitorare i risultati di ricerca, google analytics per l’analisi etc… Per quanto riguarda i software: consiglio hootsuite e tweetdeck che ti permette di inviare più tweet al giorno impostando l’orario.

 

5) Visto che parliamo di visibilità online, sia sui Social che sui motori di ricerca, quali sono le tue fonti di informazioni preferite? Hai qualche sito o qualche libro da consigliare ai lettori di alVerde? O ti basi più che altro sulla tua esperienza?

Il mio blog, ma soprattutto i miei profili social sono un angolo di benessere e relax che condivido con amici vecchi e nuovi.

 

6) Infine, parlaci del tuo sito: quali sono stati i passi fondamentali nella riuscita del tuo progetto? Cosa hai intenzione di fare per continuare ad alimentare l’interesse dei lettori e la tua visibilità?

La storia ha sempre il suo fascino. E facendo parte di un vero e proprio clan vichingo (oltre 2mila parenti tra Finlandia e Svezia tra i quali la prima Miss Universo della storia, un Presidente della Repubblica finlandese ETC…) è stato naturale postare foto e storie della saga familiare nel corso del tempo. Nella nostra stuga (tipica casa svedese) ho ritrovato centinaia di foto degli antenati di mio marito, sino ad arrivare ai suoi quadrisavoli e gli zii mi hanno
raccontato le loro storie. I miei lettori hanno apprezzato questi salti nel passato, in un luogo da fiaba, lontano dall’Italia. Soprattutto poter vedere quei volti dei primi del ‘900.

Ho in mente altri progetti che esulano da #TuSapessiInSvezia ma sono ancora top secret. Posso dire che sto pensando di scrivere in lingua inglese su un altro argomento. Amo le sfide ma devo trovare il tempo.

Grazie Nicoletta!

Tags: