Ecco perché Google Plus sostituirà Facebook come fonte di visite

il | Promuovere online | 15 commenti

Se non si era capito, ormai Google Plus è un Social Network sempre più importante per veicolare il vostro messaggio o i vostri prodotti, permettendo di aumentare costantemente il numero di visite (soprattutto ora che le visite da Facebook sono drasticamente calate).

Anche Skande recentemente ha fatto una scelta chiara: ha sostituito i commenti Facebook sul suo sito con i commenti Google Plus. Un fatto che dimostra chiaramente come, almeno dal punto di vista “utilitaristico” e pratico, possa essere una scelta vincente. Google Plus si candida veramente a sostituire Facebook come referral principale di visite “Social”.

Perché Google Plus, dunque? I motivi sono molteplici. Vediamoli…

  1. Ormai quasi ogni persona possiede una Gmail con cui accede a diversi servizi; connessi a questa Gmail si trovano uno o più account Google Plus personali.
     
  2. La Gmail diventa una chiave d’accesso: per YouTube, per Google Wallet, per il proprio dispositivo Android, per commentare su siti e blog. A proposito di Android: è il sistema operativo per smartphone più utilizzato al mondo…
     
  3. Commenti Google Plus: chi posta un commento pubblico tramite i commenti Google Plus, lo condivide automaticamente nel proprio profilo.
     
  4. Commenti Google Plus – 2: il vostro articolo verrà mostrato con più facilità nelle pagine dei risultati di ricerca su Google dei collegamenti di chi ha commentato.
     
  5. Commenti Google Plus – 3: l’alto numero di commenti con Google Plus sono di fatto delle condivisioni su questo stesso Social Network. Gli effetti? Beh, link building e miglioramento della visibilità dei propri siti web in SERP.
     
  6. Remind: i link su Google Plus sono “dofollow”…
     
  7. I post su Google Plus vengono indicizzati istantaneamente, comparendo conseguentemente nei risultati delle ricerche coerenti.
     
  8. I GoogleBots identificano fino a 2500 parole in un post su Google Plus, contro le 275 parole di un post su Facebook (fonte: Foodforbots.com)
     
  9. Google Plus è ottimizzato per il “Knowledge Graph” in ottica ricerca semantica.
     
  10. Torniamo ai numeri: a fine 2013, Google Plus ha ottenuto 1 miliardo e 13 milioni di utenti negli ultimi 2 anni; con ben 59 milioni di utenti attivi al mese (fonte: Techeconomy.it).
     
  11. Google Plus sta già accogliendo la possibilità di integrare la pubblicità (in beta): il post di Google Plus può essere sponsorizzato attraverso la rete di ricerca Display (ricorda molto un post sponsorizzato Facebook, però diffuso su siti web worldwide). Ci sono investimenti ed utenti, l’attenzione è tutta qui (come funziona? Ecco un video con la case history di Toyota…)

httpv://www.youtube.com/watch?v=4yCUgx7H2zo

Che dite, sono motivi sufficienti per cominciare ad utilizzare seriamente Google Plus?

Commenti

  1. Io ero molto scettico rispetto a Google +, però ultimamente non dico che mi sto ricredendo, ma vedo diversi marketer stranieri che lo utilizzano costantemente..quindi sono curioso dell'utilizzo che se ne farà in futuro.
    Ma stiamo parlando di Google + che ha obbligato le persone a registrarsi per poter continuare ad utilizzare Google?

    Una ciofeca tanto che il suo creatore si è dovuto dimettere.
    Blogger e Youtube sono due progetti collegati a G+ che per quanto possa fare schifo quest'ultimo lo faranno campare di rendita :)
    Per me Google+ e' troppo personale e poco (o niente) aziendale.

    In ogni caso ho letto che Google si e' un po' pentita a crearlo (anzi, avrebbe proprio dichiarato di aver fallito nel tentativo di contrastare Facebook) e ora cerca di imporlo come porta di accesso a diversi suoi servizi.

    Certo, c'e' Google dietro e puo' inventarsi di tutto. Speriamo solo (anche se credo poco probabile) che non lo faranno morire "improvvisamente" come alcuni servizi passati.
    indicizzare no altrimenti sarebbe svantaggioso condividere le cose perché sarebbe contenuto copiato, almeno per ora trovi le cose condivise solo se sei tra le cerchie, se non lo sei non vedi nulla, ancora non è di facile comprensione...

    Secondo me su Google + conta di più il nome dell'autore o dell'azienda più che il contenuto.

    io ho il dubbio se usare solo il profilo per condividere oppure usare la pagina come avviene per facebook.
    Io su google piu per esempio(vendendo protesi) metto la foto di un cliente con scritto, faccio un esempio: marco con la nuova protesi in lace ...ho notato seppure meno di facebbok un buon riscontro facendo cosi' e credo se non sono fessi che google col tempo indicizzera' quello che c'e' su google piu'...credo, io sono un venditore di protesi, non un webmaster.
    io quello che francamente non capisco è cosa fare, al di là di mettere il bottone google + sul sito.

    voglio dire facebook è intuitivo: apri una fanpage o un gruppo e comincia a raccogliere utenti, poi condividi i tuoi pezzi e loro ci cliccano sopra e fai contatti.

    google + invece?
    Io lavorerei su entrambi...facebook al momento con il mio sito sta andando alla grande facendomi avere ordini importanti...google piu' no, ma concordo che e' li' il futuro dato che google sicuramente lo spingera' molto.
    colpevoilmente ho sempre trascurato google + a favore di fb e twitter, ma sto cambiando idea.

    avete qualche consiglio da darmi su come iniziare ad usarlo (proprio da zero?) o qualche guida da linkarmi?
    certo si può fare, però un conto è utilizzarli per la condivisione automatica dei post pubblicati di recente sul blog un conto è investirci soldi... in questo caso bisogna riflettere su quello che in prospettiva futura è meno peggio :P

    ps: personalmente non investirei mai soldi e nemmeno troppo tempo sui social, decidono troppe cose loro
    con poche centinaia di persone aggiunte alle cerchie della mia pagina Google+ riesco ad avere un rapporto più diretto rispetto ai 4000 fans di Facebook che sembrano morti, zombie, ignoranti... magari sono le stesse persone ma su Google+ invece di dire stupidaggini rispondono con argomenti seri; probabilmente su Faceboook si sentono "più coperti" e dicono quello che pensano apertamente in maniera giocosa ed anche offensiva mentre su "Google", già il nome fa paura sentendosi controllati rispondono in maniera più discreta e 'circoncisa' come direbbe qualcuno.
    Un altro pesce d'Aprile? :D Scherzo, insieme a YouTube costituisce una coppia molto potente, che sfrutto da tempo. Però è forse ancora presto per abbandonare del tutto Facebook