E' lecito guadagnare con AdSense nei siti di video streaming?

il | Guadagnare online | 51 commenti

Esistono un’infinità di siti Web che permettono di vedere serie Tv, film, partite in streaming sfruttando emittenti televisive straniere e siti di video sharing. I siti che diffondono materiale in streaming riescono in poco tempo ad avere un enorme numero di visitatori e spesso il principale metodo per monetizzare questo traffico è Google AdSense. Secondo me tante persone stanno rischiando molto, ecco perchè…

Vorrei dare per scontato che un sito che permette di vedere in Italia del materiale protetto da copyright è illegale, ma molti sostengono il contrario perchè tale materiale è di qualità degradata e viene normalmente fornito da un sito straniero, quindi le eventuali colpe sono sue. E’ un po’ come dire non posso spacciare droga, ma posso dirti chi la spaccia e ti accompagno da lui (tramite un link). Ma da qualche parte lo spaccio (violazione del copyright) è legale? Boh.

Vado oltre… Spero che tutti siano d’accordo se dico che un film è protetto da copyright e che il proprietario del sito che mostra tale film non ha acquistato il diritto di sfruttare commercialmente tale opera. Dopo questa premessa riporto un paragrafo del regolamento di AdSense che dice testualmente:

Materiale protetto da copyright

I publisher di siti web non sono autorizzati a inserire annunci Google su pagine web con contenuti protetti dalle leggi sul copyright a meno che non dispongano dei necessari diritti di legge per visualizzare tali contenuti.

In sostanza tutti i siti di video streaming che mostrano materiale protetto preso da siti di video sharing e si vantano di fare un sacco di soldi con AdSense stanno palesemente violando il regolamento e potrebbero essere bannati da AdSense. Giusto?

Aggiungo un’ultima cosa: secondo me la legge può anche chiudere un occhio per chi viola le norme sul diritto d’autore per vedere un film, ma non può tollelare chi lo fa a scopo di lucro. Sarebbe così ingiusto se un sito che si è arricchito sfruttando il lavoro, l’opera d’ingegno, i soldi spesi da altri, oltre ad essere chiuso fosse anche costretto a rimborsare i danni?

Commenti

  1. Se veramente esistessero affiliazioni che pagano 60 euro ogni 1000 unici saremmo tutti ricchi. Ma anche solo 6 euro guarda
    Non sono tanto i guadagni adsense, ma ci sono molte altre affiliazioni che pagano se il sito è messo bene, anche 60-70€ al mese ogni 1k visitatori unici giornalieri, quindi fai calcolo che se ne hai almeno 10mila giornalieri sei messo bene, ma questi siti, non hanno solo 10mila giornalieri ma in pochi mesi raggiungono i 30-50mila giornalieri e li si che diventano soldi.. Adsense è piccola come cosa e se guardate i siti di streaming film e telefilm nessuno tiene adsense.
    Vorrei aggiungere la mia.La risposta è no!Dovrebbero escluderti e quindi bannarti,stesso discorso per la stragrande maggioranza di società di banner o hosting gratis di siti web ma nella realtà dei fatti se il tuo sito di streaming,porno,pirateria o altro è molto remunerativo per chi ti fa mettere i banners o il sito allora chiudono un occhio tanto,in caso di segnalazioni "sceme" di violazioni termini basta ignorare le segnalazioni,in acso di segnalazioni "serie" allora e solo allora ti "chiudono tutto" tanto poi alal fine una scusa si trova del tipo "la società è garnde e nononstante al nostra buona volontà controllare tutti è impossibile...grazie per la seganlazione"...come si suol dire in situazioni simili...la legge volendo la si aggira (è pultrooppo una verità),basta vedere i vari siti di streming,porno e pirateria pieni di banners,poi andare sulle pagine iniziali di chi offre i banners e...ecco i termini del regolamento che dicono:" è vietato utilizzare etc etc"

    Ciao

    Alex
    Salve ragazzi. Sebbene qualche volta vado al cinema, non nego che di tanto in tanto anche io uso qualche sito di streaming per vedermi qualche film.

    Ma ciò che vorrei chiedervi è un altra cosa.

    Spesso mi capita di vedere siti che traducono film che ancora non sono arrivati in Italia, in pratica ci aggiungono i sottotitoli in italiano con l'audio in lingua originale, lo distribuiscono, e successivamente, se quel film viene licenziato in Italia, rimuovono il loro lavoro.

    Ovviamente sono pieni di pubblicità (ma nessuna di google).

    Tralasciando il discorso google adsense che penso non faccia distinzioni, ma la legge cosa dice per questo tipo di "lavoro"?
    Io ho un sito di streaming, ho tenuto i banner di adsense per un po di tempo, 2-3 settimane, dopo queste 2-3 settimane mi hanno segnalato quelli di adsense con un messaggio che i banner su quel sito sono stati bloccati, ma lo stato dell'account è ancora attivo. Questo perché avevo link che portavano a materiale protetto da copyright.

    Comunque ci sono molte altre affiliazioni che permettono di guadagnare con questi siti, e si arriva a guadagnare parecchio se si ha molta utenza.
    Io la vedo così..... io lavoro come PROGRAMMATRICE tu no

    Se scoppiazzi quello che produco con grande fatica mi rovini, alla faccia della libertà e della mancanza di confini.....

    Se il mio prodotto lo puoi avere gratis..... col cavolo che poi mi fai un bonifico solo perchè nè giudichi ottima la qualità

    Proteggere i miei prodotti mi costa, insieme al danno prodotto dalla pirateria, circa il 60% delle normali entrate.

    Questo significa che io continuo a fare la fame e i miei clienti pagano il software il 60% in più solo perchè ci sono persone che ritengono che su internet tutto sia dovuto.

    Il cinese che copia il jeans armani lo deve saper fare.... e la differenza si nota! Chi copia un software normalmente fa due click su emule ed ha un prodotto identico all'originale.

    Per essere chiari Office Adobe e i vari compilatori li compro con licenza
    In effetti... è proprio così.

    Vale sempre il detto americano:

    "Se licenziano il mio vicino è crisi, se licenziano me è recessione..."

    Tutti possono copiare tutto, Internet libera... certo. Poi quando a 'sti bravi ragazzi copiano il loro sitarello subito ad urlare nei forum...

    Finchè capita agli altri si può fare, ma quando vengono toccati i propri interessi... guai. Allora non si può più.

    :rolleyes::rolleyes::rolleyes:
    Forse dovresti provare a subire un torto in questo senso per capire cosa significa. :)

    Se domani vedessi il traffico del tuo blog azzerato perchè un altro te l'ha copiato pari pari su un altro dominio, saresti sempre così favorevole all'assenza di leggi sul web? O peggio ancora: tu impieghi un anno per creare un ebook, lo vendi online, uno lo compra e lo distribuisce a tutti gratuitamente. O ancora tu paghi uno staff di persone per creare dei contenuti e gli altri siti te li copiano (gratis) e li sfruttano per guadagnare. Secondo me, non è possibile pensare un web in cui queste cose siano tollerate. Nessuno avrebbe interesse ad investire seriamente dei soldi per creare contenuti di qualità.
    io la vedo cosi, internet deve essere libero e senza confini nazionali di leggi o burocrazie.

    Se un sito copia i contenuti di un'azienda che li produce e li vende, è come se il cinese imita il jeans di Armani.

    La soluzione può solo essere di non dargli un posto n cui vendere la roba contraffatta.

    Su internet si dovrebbe dire a Google, che se ne strafrega, di eliminarli dai suoi elenchi e si creerebbe inevitabilmente una censura e tante proteste per chiarire il confine del legale e del non legale, basta guardare le opinioni di questo post per capire quanto sia irrealistica una opzine del genere.

    Semmai a questo punto sposterei la discussione su un altro fattore, Google è di fatto ormai il quarto potere del mondo? come hanno potuto lasciare a unaaziendprivata il totale controllo della rete e dell'informazione?
    Ogni opinione per me è rispettabilissima, anche la tua lo è anche se per diversi aspetti non la condivido. Nel post non dico che i siti dovrebbero essere bannati da AdSense, bensì faccio notare che AdSense dice che li potrebbe bannare perchè violano il regolamento. Questa non è nè la mia opinione, nè un mio augurio. E' scritto nel sito di AdSense. Che poi Google faccia quello che gli è più economicamente conveniente (ban o non ban) è risaputo ed è anche ragionevole dato che non si tratta di ente no profit.

    Inoltre, non può esserci invidia nei confronti di chi ha un sito che mostra i film in streaming, perchè si realizza in un'ora. Uno potrebbe invidiare, invece, un sito con contenuti unici cioè difficile da replicare senza fare un grosso lavoro.

    Il post era stato scritto in un periodo in cui diverse persone stavano creando a raffica siti con i film in streaming. Il successo era ovvio... elevato numero di visitatori, buoni guadagni con AdSense et voilà il sito finiva in vendita a decine di migliaia di euro. Mi sembrava il minimo aprire un dibattito su questo business e sulle relative implicazioni: possibile ban da AdSense e compravendita di siti con una vita potenzialmente molto breve.

    Io non dico assolutamente questo. Il concetto che volevo esprire è diverso: se un'attività illegale viene svolta all'estero, è lecito sfruttarla in Italia scaricando la colpa su chi sta all'estero? Ed ho aggiunto: esistono luoghi in cui tale attività non è illegale?

    Il discorso della droga era un'analogia per citare una possibile attività illegale. Avrei potuto dire: in Italia non è lecito vendere sottocosto software craccati, allora metto in una pagina web 100 link a 100 software scaricabili da un sito in Russia. Sto facendo una cosa legale in Italia? Ma in Russia è legale craccare i software? Forse così l'esempio è più chiaro.
    Allora, non sono affatto d'accordo con questo post e sinceramente vedo molta ipocrisia o invidia in chi dice che i siti con i film o con le partite dovrebber essere bannati da adsense.

    Prima di tutto svolgono un servizio pubblico, alzi la mano chi non ha ai scaricato un film illegale, e dove le avete trovate le informazioni su come trovarli se non su blog o forum?

    Se su internet si parlasse solo di contenuti politicamente corretti dovremmo chiudere la metà dei siti presenti e sarebbe censura peggio della Cina.

    Se la forza di internet è la condivisione e ci sono persone che condividono contenuti protetti offrendoli gratis, devo essere io a denunciarli?

    Ovvio poi che probabilmente saranno oscurati,presto o tardi, ma solo se sono denunciati dalla azienda proprietaria dei contenuti.

    Tanto poi uno ne chiudi e 10 ne aprono quindi la battaglia è persa.

    Prendete Rojadirecta, simile a myp2p per le partite, pensate che sia illegale? bene sbagliate visto ce sta ionline da anni ed ha ricevuto almeno 5/6 denunce importanti uscendone sempre illeso (e se ne vanta pure).

    VeohTV sta in causa con la Universal e sta vincendo, pensate che Megavideo tema qualche ritorsione giuridica? quelli ridono qado sentono parlare di "copyright"...

    A Adsense cosa può interessare se uno che pubblica sul suo sito contenuti del tutto innocenti, abbia o meno contenuti registrati?

    e perchè uno che vende film dovrebbe vietare che i suoi annunci vadano ai siti che fanno vedere film? sarebbe proprio controproducente sia per Google sia per l'advertiser.

    Scusa Paolo, hai un bellissimo sito che continuerò a leggere ma questo post non lo ho proprio digerito, come puoi dire che mettere un link a Emule sia come portare uno dallo spacciatore ad uccidersi con la Droga???
    Ciao andornot, probabilemente hai letto male quello che ho scritto o non mi sono spiegato bene io.

    Ho rimosso tutti i link e tutte le info necessarie a visualizzare film in streaming, proprio per le motivazioni che tu hai esposto.

    Dopo consulto con il mio avvocato ho preso questa decisione, ma tengo a precisare che secondo l'attuale normativa i contenuti che linkavo (e che non erano presenti sui miei server) risultavano di scarsa qualità.

    Saluti
    Ciao Yurj e ciao a tutti!

    Sono nuovo del forum ma visto che è stato linkato il mio blog in merito a una discussione molto interessante, volevo dire la mia.

    Dunque, la questione adsense è labile, poichè la maggioranza dei siti di film in streaming espone link a materiale presente su altri siti, quindi il problema con adsense è molto relativo e personalmente non ho mai avuto problemi.

    Per la questione NonDireMaiVideo, purtroppo abbiamo ricevuto una mail dalla FAPAV che ci intimava la cancellazione dei contenuti protetti a loro modo di vedere da copyright. Noi per prevenire problematiche legali (cui secondo l'attuale legislazione potevamo vincere) abbiamo preferito lasciare perdere ed eliminare i contenuti.