Confronto, studio e alternative: la ricetta di Adriano De Arcangelis per l'affiliate marketing

il | Articoli, Guadagnare online | 0 commenti

adriano de arcangelis affiliate marketing

Riprendiamo la nostra buona abitudine a fare qualche domanda ai migliori affiliate marketer italiani. Dopo aver intervistato Davide Bellomi, che ha martellato molto sul tema dell’errore e della sperimentazione, oggi è la volta di Adriano De Arcangelis, affiliate marketer ed esperto SEO di lungo corso, oggi super-noto nell’ambiente poiché – tra le sue molteplici attività sul web – si occupa anche dell’organizzazione dell’Affiliate EXPO.

Lasciamo la parola ad Adriano!

 

  1. Come hai conosciuto il mondo Affiliate e dove ti sei formato? Il forum di AlVerde ti ha aiutato? ;-)

 

Ciao Luca e grazie per avermi proposto questa “chiacchierata digitale” su uno dei siti a me più cari in assoluto.

La tua domanda calza davvero a pennello perché Alverde per me, per i primi anni della mia attività da affiliate marketers, è stata una seconda casa.

Tutto inizio tra il 2001 e il 2002, era un po’ di tempo che mi ero interessato alla possibilità di guadagnare con internet e avevo già diversi siti a tema umoristico ultrafarciti di banner che sembravano il sito di Homer Simpson :D Ma all’epoca era così che si faceva.

Avevo preso le prime fregature con mirabolanti programmi di affiliazione che promettevano di pagare 200 lire a click (si c’erano le lire signori :D) ma poi o alzavano gradualmente il payout fino a portarlo a 500.000 lire oppure chiudevano tutto e sparivano, del resto era l’era della grande bolla e delle DOT com…

Incontrare AlVerde a quel punto si rivelò importantissimo. Quello che si incontrava era questo: <3

alverde-archive

Ma la risorsa principale, quella che poteva farti fare la differenza (e che l’ha fatto) era il forum di AlVerde.

Eccolo come era la primissima volta che l’ho navigato:

alverde-archive forum

C’erano 4 gatti, ma erano persone che potevano darmi feedback su programmi di affiliazione o consigliarne di nuovi.

Ragazzi doverosa parentesi: immaginate all’epoca, senza Facebook e social, senza Youtube, con Google che ti dava pochissime info…

Uno strumento come il forum era essenziale. Ero utente assiduo sul forum di Html.it ma non era sufficientemente verticale sul tema guadagno online e affiliazioni.

Tutto questo Paolo lo sa, gli dico sempre “sono grato”, a lui e ad Alverde, per quello che mi hanno dato nei primi 8-9 anni della mia carriera.

 

  1. Ci racconti le tue prime esperienze? Gli errori che hai fatto, quando hai iniziato a guadagnare qualcosa, quando hai capito che poteva diventare il tuo primo lavoro.

La parola esperienze associata a me e al web insieme significa tanta roba :D

Sono quasi 19 anni ormai che “sperimento cose per guadagnare online” e come puoi immaginare sono le primissime esperienze a formarti e a farti credere o no in qualcosa.

Devo dire che questa cosa dell’affiliate non so da dove mi sia nata esattamente ma so che è stata un’esplosione, un po’ come se degli alieni mi avessero rapito e mi avessero impiantato un chip per l’affiliate.

Ero un ragazzino e non c’erano “esempi da seguire”; ora la fate facile con tutti i guru in circolazione, tra piscine Rolex e Lamborghini l’affiliato novizio di oggi ha degli esempi, strampalati o meno, a cui ispirarsi.

Io all’epoca invece avevo intuito qualcosa ma non c’era una vera e propria “validazione del mercato” quel tempo lo paragono sempre a quello della corsa all’oro negli USA: ti mettevi li, creavi il tuo sitarello e con le fonti di traffico limitate dell’epoca e i pochi utenti in circolazione facevi le tue attività di affiliato.

Elencarti gli errori rischieremmo di scrivere almeno 50 pagine perché ne ho fatti tanti ma come amo dire “l’esperienza è la somma dei nostri errori” quindi mi limito a dire che come in tutte le cose vige la regola delle 10.000 ore. Fai qualcosa per così tanto tempo e diventerai un fenomeno.

E devo direi che le mie soddisfazioni poi me le sono tolte :)

 

  1. Che consigli daresti a una persona che vuole cominciare con l’Affiliate Marketing?

Beh, per quanto possa sembrare controcorrente inizierei con il dire “Sii grato”, “Sii grato che sei nato nell’unico periodo storico nella storia dell’umanità in cui è possibile lavorare con una libertà mai vista prima di oggi. Oggi con l’affiliate marketing puoi essere un uomo davvero libero e per questo prima di tutto sii grato”

Oltre a questo ovviamente il mio consiglio è sperimentare, sperimentare e ancora sperimentare. Segui i consigli dei formatori ma allo stesso tempo sii dubbioso e testa sempre soluzioni alternative. Il problema dell’affiliate di oggi è che la maggior parte degli affiliati in realtà sanno fare pochissime cose, hanno imparato quelle 4 cose necessarie per fare una campagna su Facebook. Il mio consiglio è di sviluppare bene le proprie skill perché avere un solo tipo di fonte di traffico è pericolosissimo e bisogna sapere fare molto di più che una campagna per sopravvivere nei prossimi anni.

Come nel mercato della SEO ho visto succedersi molte ere e di conseguenza molte estinzioni di massa. Per cavalcare le prossime onde bisogna diventare dei super affiliati :)

 

  1. SEO, Pay Per Click Google, PPC Social, Social Media, E-mail Marketing, etc… Com’è composta la tua cassetta degli attrezzi per l’affiliate e con quali pesi percentuali? (Es. 20% SEO, 10% G.Ads, 20% PPC Social, etc…)

Amo pensare alle fonti di traffico come una sinergia di strumenti musicali in grado di produrre ottima musica, ma il bello è che una volta settati bene e impostati i giusti meccanismi delegati ai collaboratori possono diventare strumenti “automatici”.

La prima e più importante fonte per me rimane cmq intoccabile il caro e vecchio Google.

Quindi dandoti una %, ma anche un ordine di successione temporale all’interno di una strategia ti direi:

20% G.Ads – 30% SEO – 25% Email marketing – 20% Facebook Ads – 5% Il resto

 

  1. L’Affiliate Marketing di oggi e di domani: come sta evolvendo il settore rispetto al passato e quali prospettive dobbiamo attenderci?

L’Affiliate Marketing si evolve sempre più velocemente ed è una professione che richiede sempre maggiori skill. Se tanti anni fa era sufficiente prendere un link affiliato e promuoverlo con Google Ads o Facebook, con il tempo le cose sono molto cambiate e oggi un affiliato deve trasformarsi in super affiliato e avere molte delle caratteristiche di un imprenditore digitale.

Come in tutti gli ambiti di business chi non cresce e rimane fermo, si estingue. Il domani? Sarà una figata! Perché ogni giorno si affacciano nuove aziende nel mondo dell’affiliate marketing. Sempre più prodotti e servizi diventano rivendibili da un affiliato e le commissioni offerte all’aumento della concorrenza dovranno migliorare e diventare più allettanti per gli Affiliate Marketers. In sintesi prevedo molti soldi per noi :)

 

  1. Organizzerai anche quest’anno l’Affiliate Expo?

Sì e non vediamo davvero l’ora! Dopo il successo delle prime 2 edizioni stiamo organizzando l’Affiliate Expo 2020 di cui abbiamo appena comunicato le date e la location. Per chi non lo conoscesse, l’Affiliate Expo è divenuto l’evento di riferimento del mondo Affiliate negli ultimi anni e ha come missione far crescere il mercato Italiano e i suoi protagonisti. Una 3 giorni di full immersion tra divertimento, networking e formazione che raduna affiliate marketers dall’Italia e dall’estero per parlare delle ultime novità del settore affiliate marketing. Spero ci vedremo li!

 

Tags: