Come scrivere un annuncio AdWords ad alto CTR in modo quasi automatico

il | Senza categoria | 13 commenti

Chiunque abbia un’attività sul web, con la quale desidera guadagnare online, deve risolvere un problema primario: portare traffico targettizzato alle proprie offerte online. I metodi per portare traffico su pagine web specifiche sono svariati, tuttavia io ne ho sempre preferito uno rispetto a tutti gli altri: Google AdWords.

Perché proprio AdWords? Per il semplice motivo che ti permette di portare traffico targettizzato alle tue offerte su internet in pochissimo tempo, e poi non richiede chissà quali competenze tecniche per poterlo gestire efficacemente.

In questo articolo voglio darti un metodo pratico che ho testato in decine di campagne AdWords, per preparare un annuncio ad alto CTR (ClickThrough Rate- rapporto tra il numero di click e il numero di visualizzazione della pubblicità). Il vantaggio secondario è che si tratta di un metodo semplice, meccanico e che ti permette di realizzare molte varianti di annunci per testarle e capire cosa funziona meglio per te.

Praticamente questo è il metodo che uso quasi sempre quando faccio campagne AdWords su Google Search, ovvero gli annunci che si vedono nelle serp di Google, non quindi per il network Display (anche conosciuto con il suo vecchio nome “network AdSense”, che ha regole diverse).

Iniziamo? Attento che è prorio una formula semplicissima da replicare e non c’è niente di particolarmente “creativo”.

Un annuncio Adwords è composto da questi elementi:

  • Headline (max 25 caratteri)
  • URL (max 35 caratteri)
  • Prima riga (max 35 caratteri)
  • Seconda riga (max 35 caratteri)

Ogni elemento sarà trattato in modo da contribuire al CTR. 

– Headline

Nella Headline devi mettere la KEYWORD per cui stai scrivendo l’annuncio. Questo per un motivo molto semplice: la keyword viene sempre messa in grassetto da Google.

Quindi se una persona cerca “hosting web” e il tuo annuncio ha nella headline “hosting web”, poiché il navigatore ha in mente proprio questa keyword e la vede in grassetto, allora è probabile che la noterà subito e sarà più orientato a cliccare sull’annuncio.

Pertanto, se la keyword è “hosting web”, allora la headline sarà:

  • hosting web
Oppure:
  • Hosting Web

Cosi sembra un po’ sfigato? Ok, allora aggiungi un semplice punto di domanda “?”:

  • Hosting Web?

Già così non è male e con le keyword lunghe è, più o meno, tutto quello che puoi fare.

Perché il punto di domanda? Perché vai a reiterare ciò che è già nella mente della persona che cerca. Uno va su Google per sapere qualcosa di KEYWORD. Se tu scrivi su AdWords KEYWORD + ? ecco che, con il titolo del tuo annuncio AdWords strutturato in questo modo, entri con più facilità nella mente di chi cerca.

…Quasi a dire “Stai cercando KEYWORD?” – “Sì, sì, hai informazioni per me?” => CLICK! :-)

Quindi, come variante basica della headline, consiglio molto spesso di usare KEYWORD + ?.

Poi, se ti avanzano caratteri, potresti aggiungere anche “Cerchi” all’inizio e quindi la tua headline potrà essere:

  • Cerchi Hosting Web?

E questa è sicuramente una ottima headline ad alto CTR!

Se invece stai facendo campagne locali, per esempio per Padova, potrai inserire, se hai spazio, la località nella headline. E quindi:

  • Hosting Web a Padova?

– URL

Della URL ciò di cui ci occupiamo è la “subdirectory” dopo il dominio, ovvero quello che viene dopo lo “/” che scrivi alla fine del dominio. In pratica:

  • Cerchi Hosting Web?
    www.superhostitalia.it/2mesigratis
Oppure:
  • Cerchi Hosting Web?
    www.superhostitalia.it/HostingWeb
O anche:
  • Cerchi Hosting Web?
    www.superhostitalia.it/offerta

Come puoi vedere, nella parte della subdirectory puoi rimettere la KEYWORD, oppure l’invito all’azione o anche un’altra parola che secondo te potrebbe funzionare.

Ti faccio notare che, rimettendo la KEYWORD nella subdirectory del dominio, essa verrà grassettata e pertanto potrebbe contribuire ad attirare l’attenzione del navigatore.

Inoltre, si dice che scrivere la URL con le maiuscole aiuti il CTR. Non ho evidenze ma, come sempre, metto anche questa variante e vedo come funziona. Quindi:

  • Cerchi Hosting Web?
    www.SuperHostItalia.it/2mesigratis

Personalmente credo che la gente preferisca i domini con le minuscole, perché è abituata a vedere gli indirizzi dei siti con le minuscole, ma testa e vedi come funziona per te.

 

– Prima e seconda riga

 

Le tratto insieme perché una cosa che faccio sempre è creare almeno due varianti per ogni annuncio, dove poi inverto l’ordine della prima e della seconda riga.

In generale, nella prima riga metto:
  1. La KEYWORD se possibile
  2. Un’informazione che sostiene la domanda fatta nella Headline
  3. Se funziona, spezzo la frase e la finisco nella seconda riga
Esempio pratico:
  • Cerchi Hosting Web?
    www.superhostitalia.it/2mesigratis
    Scegli hosting web che usano

Perché metto la KEYWORD? Perché, di nuovo, viene messa in grassetto da Google, aumentando così la rilevanza visiva del mio annuncio AdWords.

Per quanto riguarda la frase spezzata, non è una regola che seguo sempre, ma almeno una variante con la prima riga che si interrompe, per completarsi nella seconda riga, io la metto.

Potrei invece scrivere:
  • Cerchi Hosting Web?
    www.superhostitalia.it/2mesigratis
    L’hosting web che usano i pro

Che è completa e non richiede di leggere la riga sotto. E’ certamente una variante che considero.

Nella seconda riga invece metto:
  1. Invito all’azione (alla fine della riga)
  2. Eventuale completamento della frase iniziata nella Prima riga
E quindi:
  • Cerchi Hosting Web?
    www.superhostitalia.it/2mesigratis
    Scegli l’hosting web che usano
    i professionsti – 2 mesi gratis!
Oppure:
  • Cerchi Hosting Web?
    www.superhostitalia.it/2mesigratis
    hosting web che usano i pro
    Offerta lancio – 2 mesi gratis!

Come vedi cerco di tenere l’invito all’azione alla fine della riga perché, in questo modo, si vede meglio rispetto a:

  • Cerchi Hosting Web?
    www.superhostitalia.it/2mesigratis
    L’hosting web che usano i pro
    2 mesi gratis – Offerta lancio!

…che comunque posso, certamente, testare come alternativa.

In genere io ho decine e, molto spesso, anche centinaia di varianti di annunci che testo per vedere quelli che funzionano meglio. Uno o due annunci soltanto non sono una cosa seria e, probabilmente, stai buttando via soldi.

Ovvio che non puoi perdere secoli a fare 100 varianti di annunci a mano: Google Adwords Editor è il software che deve usare chiunque faccia campagne AdWords, perché ti consente di fare “copia e incolla e cerca e sostituisci” sui tuoi annunci AdWords, riducendo del 99% il tempo che impiegheresti se usassi solo l’interfaccia online.

Ovviamente ci sono tantissime altre cose che puoi fare ma, come hai visto, questo metodo è veramente alla portata di tutti (e questo vale anche se non sei portato per il copywriting!).

Inoltre, il CTR non è tutto: se poi le persone arrivano sulla tua landing page e rimbalzano subito e non ti lasciano l’email o non comprano, allora il tuo annuncio AdWords sarà solo una spesa inutile.

Una regola fondamentale è fare in modo di rassicurare chi clicca sui tuoi annunci, facendogli comprendere subito che è arrivato sulla pagina giusta.

Quindi se hai l’annuncio:
  • Cerchi Hosting Web?
    www.superhostitalia.it/2mesigratis
    L’hosting web che usano i pro
    Offerta lancio – 2 mesi gratis!

La headline nella landing page, collegata a questo annuncio, dovrà essere…

Ipotesi 1:

Vuoi pubblicare su Internet il tuo sito?
Ecco il servizio che usano i professionisti.

E non paghi niente per 60 giorni!
Ipotesi 2:

Ecco l’hosting web che usano i professionisti.
E 2 mesi sono gratis.

Scopri tutti i dettagli in questa lettera.

Quale delle due headline è quella raccomandata? Ovviamente la seconda perché utilizza le stesse parole che l’utente ha trovato nell’annuncio…così è rassicurato che non ha sbagliato qualcosa, che non c’è un tranello e proseguirà, si spera, a fare quello che gli dirai nella tua landing page.

Siamo giunti alla fine di questo articolo. E così ora sai come “domare la bestia di AdWords” e fare, anche tu, annunci ad alto CTR in maniera quasi automatica.

Questo articolo è stato scritto dalla redazione del sito “Guadagnare Online Italia”, dove trovi tantissime informazioni pratiche e testate sui metodi per guadagnare online in Italia. Se vuoi saperne di più clicca qui!

Vuoi provare subito i suggerimenti descritti in questo articolo?

Richiedi  un buono da 30 euro da utilizzare su Google AdWords

Commenti

  1. :cool:

    Salve, vorrei sottoscrivere quanto detto nell'articolo, ma rimango convinto del fatto che scrivere annunci in modo automatico non conviene soprattutto quando si ha a che fare molti gruppi di annunci con altrettanti annunci.

    ciao, se hai fatto un campagna del genere perderai solo i soldi. Più i tuoi annunci sono scadenti e più ti costano-
    Ho creato un annuncio.

    Ancora non ho dato il via a nessuna campagna, era solo per vedere com'era.

    Ma ho messo come budget giornaliero 10euro, poi ho messo due parole chiave, e le ho messe che avevano 2euro (cpc max) e ogni volta che aggiorno aumentano.

    Secondo voi perchè?

    Ora le parole chiave sono arrivate a quasi 3 euro, come posso impostare io il budget?
    Gran bell'articolo, i miei complimenti Marco. E' uno di quegli articoli che

    mi piace salvare e suggerire a chi ha difficoltà in questa tematica per

    leggere qualcosa di gratuito di valore

    un saluto affettuoso
    Marco, sei mitico! ^_^

    Come al solito grande qualità in ogni tua manifestazione online!

    Ora questo articolo lo faccio leggere ad Oliver!

    ;-)

    1abbraccio a tutti!

    Josè
    @ marcodeveglia

    Ciao, infatti io mi sentirei di dire che in linea di massima sono d'accordo con te, ma forse proprio per il fatto che "tendiamo al modello americano" ho notato che spesso è sufficiente "capitalizzare" le parole per avere un CTR più alto.

    p.s. già il termine "capitalizzare" è un derivato di "capitalize" dall'inglese :o

    Forse dipende dal fatto che un annuncio sponsorizzato non è un testo poetico, ma deve fungere da "catalizzatore" dell'attenzione, ed io ho notato che spesso (non sempre, ma spesso) avere le lettere maiuscole "aiuta".
    Il discorso della capitalizzazione delle iniziali e' controverso a mio avviso. Ovvero in Italiano NON si capitalizzano le iniziali della prima parola, come invece si fa in inglese. Tuttavia molti internet marketer mutuano questa abitudine dagli americani, ma - parere personale - credo che visivamente possano disturbare un utente italiano che, appunto, non e' abituato a questo modo di scrivere. Io uso lo stile italiano e non uso le maiuscole, se non per i nomi propri o di prodotto. Non ho pero' fatto test sull'argomento.
    Bravo! Bellissimo articolo e dritte utilissime.

    Riprendo i post di marcodeveglia e agileontheweb per aggiungere che se utilizziamo l'operatore KeyWord (scritto con la K e la W maiuscole):

    Acquista {KeyWord:cioccolato}

    verranno messe in maiuscolo le parole chiave digitate dall'utente.

    In questo modo l'effetto finale potrebbe (dico "potrebbe") essere ulteriormente migliorato, ad esempio:

    Cerchi {KeyWord:cioccolato}?

    Se l'utente cerca "cioccolato fondente" il risultato finale sarà:

    Cerchi Cioccolato Fondente? (con la key in grassetto)

    Per mia esperienza il CTR sale ancora :)

    Grazie a tutti per le dritte condivise.
    Grazie, infatti da quando mi hai detto del segreto del editor l'ho installato subito sul mac e voglio provarlo, grazie di tutto, cmq adesso voglio indagare sulla storia dei coupon..

    ciao
    Io non uso le graffe perche' faccio un gruppo di annunci per ogni keyword.

    E in questo modo gestisco meglio la keyword.

    Notare che per esempio che queste sono keyword diverse per cui faccio gruppi di annunci diversi:

    sedie per ufficio

    sedia per ufficio

    sedie per uffici

    volendo si potrebbero raddoppiare i gruppi di annunci con le keyword

    sedie ufficio

    sedia ufficio

    sedie uffici

    tanto per ottimizzare ancora di piu' gli annunci. Il segreto e' usare Adwords Editor altrimenti e' impossibile. Ma avere centinaia di annunci con piccole varianti per una piccola campagna e' abbastanza normale.

    Riguardo alla faccenda dei coupon, penso che gestiscano diversamente i vari paesi. Sinceramente non sono pratico, uso Adwords dal 2005 e non c'erano i coupon allora.
    Bello l'articolo.

    ma tu lo usi nella headline la parola chiave con le graffe? tipo:

    Acquista {parolachiave:cioccolato}

    Dolciumi artigianali marchigiani

    Spedizione gratis per ordini +€ 10

    nomesito.it

    Posso fare un'altra domanda sarà stupida ma io ancora non capisco perchè succede.

    allora se io ordino il mio coupon di adwords attaraverso questo link

    https://www.google.com/appserve/fb/forms/auonline/

    non mi arriva

    mentre se ordino il coupon da

    Coupon gratuito per iniziare la tua campagna | Google AdWords

    arriva.

    Notare come il primo sia in inglese e il secondo in italiano ma sopratutto uno e da 75 e l'altro da 30! lo fanno apposta secondo voi? o sono io che non ci salto?

    grazie

    ciao

Tags: