Big Data e Social Media per innovare il Content Marketing

il | Articoli, Promuovere online | 0 commenti

big data social media content marketing

Il content marketing in questi ultimi anni si è evoluto. Fino a qualche anno fa si associava il termine content marketing soltanto alla produzione editoriale sotto forma di testi, veicolata da un’azienda o da un blog.

La realtà è molto cambiata perché il content marketing è qualcosa di molto più grande e complesso. E soprattutto, non è una “bacchetta magica” che risolve ogni male.

Per qualunque business, infatti, bisogna sempre partire da obiettivi, target… in una parola: “Strategia“. Dice giustamente Matteuzzi di StudioSamo:

Ciò che è fondamentale capire è che il contenuto DA SOLO non riempirà le tue tasche, anche se è di ottima qualità, e – cosa ben più importante – è IL COME si utilizza il Content Marketing NELL’AMBITO di una strategia di marketing di successo che porta ad acquisire nuovi clienti e fidelizzare quelli attuali.

Il vero nodo della questione è che il Content Marketing permette di vendere indirettamente (ripeto: indirettamente) se si riesce a indirizzarlo verso un unico, grande obiettivo: attirare gli utenti poiché interessati a un argomento.

Già, gli utenti. Sempre più scaltri e abituati a schivare i soliti contenuti, le solite offerte, le classiche comunicazioni…

SemRush, in un articolo recente, li descrive come…

Letteralmente subissati di offerte, i potenziali clienti accordano la propria attenzione esclusivamente alle proposte in grado di mirare al cuore di bisogni specifici – o talmente ben calibrate da crearne di nuovi, fornendo al contempo la chiave unica in grado di soddisfarli.

Quindi il grande pericolo è annoiare gli utenti, ottenendo in cambio da loro solo una cosa: indifferenza. Che per un progetto web significa morte certa.

Ma come si sta evolvendo, quindi, questo content marketing? Come fare la differenza rispetto alla concorrenza? Potrebbe essere sufficiente osservare i recenti mutamenti effettivi: dal contenuto testuale si è presto arrivati a quello multimediale, come video, mini-video (quelli per Vine, Instagram, ecc.) infografiche, infografiche animate, ricerche settoriale, ebook, ecc. La produzione editoriale relativa al content marketing è in costante evoluzione. Ma ancora non basta…

E se il tuo Content Marketing si auto-generasse?

Uno degli ultimi trend del Content Marketing riguarda la capacità di distribuire big data ed informazioni agli utenti e permettere agli stessi di navigare ed interagire con i dati.

Si è sempre detto che i migliori contenuti sono quelli evergreen (che restano sempre attuali) e che si aggiornano dinamicamente fornendo valore all’utente e ci siamo chiesti quali potessero rappresentarne degli esempi.

Uno di questi è SportBuzz, un sito che mostra in tempo reale il buzz degli utenti per dieci sport diversi (calcio, basket, tennis, motoGP, Formula1, rugby, Nfl, ciclismo, pugilato e golf). Il sito si aggiorna dinamicamente in funzione del buzz nei social network e la grandezza delle bolle è correlata al quantitativo di buzz presente su quell’argomento (il buzz è estratto da Twitter).

L’app non si limita però soltanto a questo: ogni bolla cliccata permette all’utente di approfondire il topic mostrando i 3 articoli collegati a quel topic che hanno ottenuto il maggior numero di condivisioni nei social media, fornendo quindi risultati più rilevanti all’argomento.

Sicuramente un esempio di contenuto che aggrega big data e social buzz dalla rete per fornire all’utente appassionato di sport o al giornalista sportivo un tool per scoprire i trending topic in real time del proprio sport preferito e avere l’accesso alle notizie di riferimento.

Non sarà sempre facile per qualunque realtà “creare” contenuti di questo tipo, ma di sicuro fa capire che il trend è quello di innovare profondamente il modo in cui attirare gli utenti, ancor più di ciò che dite.

Quali sforzi fate, voi, per attirare in maniera sempre nuova il vostro target? Come innovate i contenuti?

Tags: