[2011] Quanto guadagni con Google AdSense?

il | Guadagnare online | 81 commenti

Nel 2007, incuriosito da alcuni risultati pubblicati oltreoceano, avevo proposto un sondaggio per scoprire quanto guadagnano in un mese con Google AdSense gli utenti italiani. Questi sono i risultati:

Risultati del sondaggio "Quanto guadagni con AdSense" del 2007

Il dato più curioso che si ricava dal sondaggio è che quasi un utente su due non riesce (o non riusciva) a guadagnare più di 100$ al mese.

Cos’è cambiato negli ultimi 4 anni?

Non avendo a disposizione una cronistoria precisa delle funzionalità introdotte di volta in volta da Google AdSense, riporto alcune delle differenze più rilevanti che mi vengono mente:

  • Nel 2007 gli account erano in dollari, ora sono in euro
  • Nel 2007 non c’era la contestualizzazione basata sulla navigazione degli utenti (retargeting)
  • Nel 2007 il pannello delle statistiche era molto più spartano rispetto ad oggi
  • Nel 2007 AdSense privilegiava gli annunci testuali, ora spinge molto sui banner e sui video
  • Nel 2007 gli annunci testuali erano meno personalizzabili (font, formati, ecc.)
  • Ti vengono in mente altre cose? (scrivile nei commenti)

Sicuramente dal 2007 ad oggi sono cambiate molte cose online e allora perchè non riproporre il sondaggio per vedere qual è la situazione aggiornata al 2011? Ecco la domanda a cui ti invito a rispondere in modo anonimo tramite un sondaggio:

Quanto hai guadagnato mensilmente con Google AdSense nei primi 6 mesi del 2011?

Dopo aver risposto potrai vedere i risultati parziali del sondaggio…

Commenti

  1. Beh insomma, è vero mica tanto, dipende da innumerevoli fattori. I nuovi siti, tanto per fare un esempio, spesso vengono popolati automaticamente da google con ads tutt'altro che pertinenti. E questo può accadere anche per molto tempo.

    Poi dipende dalla gestione delle key, a volte tutt'altro che limpida. Ci si trova spesso con contenuti che magari sì, sono coerenti, ma sono talmente generici da rappresentare di fatto una presa per i fondelli di chi ha cliccato. Ad esempio, un portale informatico apre una campagna ppc sulle key "software", "giochi pc", "hardware" e "sistemi operativi", che sono solo argomenti di nicchia del sito, e che possono generare un bounce rate stellare in quanto il lettore arriva sul sito e si trova un portale talmente vasto e generico da farlo desistere dalle sue ricerche.

    Ma a parte questo, ormai per certe key è diventato impossibile investire su adwords, almeno per i piccoli. Key sui giochi online, oppure sui viaggi, sull'economia, etc, se non le paghi un occhio della testa a click puoi aspettare anni senza ricevere uno straccio di visita (ok, non spendi nulla, ma nemmeno ottieni qualche beneficio).

    Dal canto loro, i motori di ricerca cambiano continuamente algoritmo, ti sbattono da una parte all'altra delle serp senza manco farti capire perché, lasciando tra i primi risultati siti che non vengono aggiornati dal paleolitico, e via dicendo.

    Per non parlare dell'uso truffaldino di Google, utilizzato persino per distruggere la credibilità di un concorrente (il famoso caso "nome-azienda truffa" che può apparire quando si digita il nome di un'azienda nel form di ricerca di Google.

    Questo è il motivo per cui i social network hanno avuto un grande successo. Perché attraverso il semplice passaparola, ovvero quello che accade anche nella vita di tutti i giorni, posso condividere un contenuto interessante e farlo arrivare a tante persone senza spendere un euro o eventualmente investendo nel marketing annesso.

    Insomma se volessimo fare una sfida tra motori di ricerca e social network, ce ne sarebbero da dire tante di cose, e personalmente sto perdendo completamente fiducia nei confronti di Google e di Adsense/Adwords, che reputo, tra le altre cose, i principali responsabili della perdita di valore degli spazi web.
    Concordo sul discorso del motore, anche se "nulla è per sempre" :p

    Quello che però secondo me non si considera è il fatto che Google come società non vive del motore di ricerca (che è fornito gratuitamente) ma della pubblicità che è oltre il 90% del suo fatturato.

    E' quello il terreno dove Google verrà sfidata nei prossimi anni, cioé nel trovare sistemi di pubblicità più efficienti (per le aziende, ma anche per i publisher) rispetto al PPC di Adwords/AdSense.

    E' vero questo è il vantaggio che ha Google, rispetto a FB.

    Ciao

    John24
    Falso cosa??? mica ho detto che adwords è migliorato nel cpc??? Io ho detto che è ancora il miglior strumento per fare pubblicità ed avere una conversione.

    Con il mio "solo social network" non volevo dire che non arriverà mai da nessuna parte visto che è già arrivato a qualcosa, io parlo solo del fatto di poter creare un proprio motore di ricerca per battere google.

    Io ho fatto solo un paragone di strumenti che hanno le due società perchè cambiate le mie parole??? :confused:

    Offrono due servizi diversi e quelli di google non li batti da un giorno all'altro visto che ci sono società che da anni provano a battere google come motore di ricerca e adwords ma senza successo, quindi non credo che facebook possa rubare il mercato in così poco tempo senza avere esperienze e competenze in questo campo.

    Anche se facebook adv ti permette di trovare il tuo target di clientela senza problemi con adwords trovi proprio il cliente che vuole in quel determinato momento il servizio che tu offri... quindi secondo voi chi farà più conversione???
    FB è principalmente una moda. Già negli States iniziano a diminuire (per la prima volta) gli utenti attivi. La crescita continua è data dai paesi latinoamericani etc. in cui FB si sta espandendo..

    Basta parlare con i propri amici, gli utenti normali, per capire che anche da noi il "mood" verso FB sta mutando. Anche perchè il core business di Google, ovvero le ricerche, sono qualcosa di cui gli utenti di tutto il mondo avranno sempre bisogno mentre i servizi offerti da FB sono più o meno sempre gli stessi e dopo qualche anno passato ad aggiornare lo stato del profilo, taggare foto ed iscriversi a gruppi inutili l'utente medio sente venir meno la necessità di accedere a FB.
    Io ho Adsense in un sito dove non ho nulla da vendere e solo articoli, personalmente trovo controproducente inserirlo nel mio business, principalmente perchè lavoro con prodotti miei, comunque non supero i 100 euro al mese, ma non me ne curo più di tanto

    @Kilckk

    FALSO Adwords è diventato più ostico a causa di un regolamento adesso molto più restrittivo, per ottenere buone conversioni ora devi spenderre il DOPPIO.. al contempo il PPC di FACEBOOK è ancora abbastanza ridicolo, e il funzionamento è molto diverso, soprattutto le logiche sono piu social, visto che la gente sta su facebook per "cazzare" e non per cercare in formazioni
    E tutto questo in un analisi?

    cmq apparte gli scherzi....

    sono molte le società che hanno provato a superare google sul motore di ricerca ma senza successo. :sleep:

    Vogliamo mettere adwords con quello di facebook.... ma neanche si avvicina ad un servizio del genere, vero è mirato ma adwords lo è molto di più ma molto molto molto molto molto molto molto di più e si fanno più conversioni con adwords che con facebook. :sleep:

    ma poi.... Google che trema??? non succederà mai.

    Facebook ha fatto un alleanza con Bing ma per ora ancora non si vede nulla, ha cercato di entrare nel mondo delle email ma gmail non sembra aver subito danni, ecc....... è solo un social network.
    Un sondaggio del genere non ti darà mai questa risposta. Guadagnare 1000 euro al mese, così come 10 euro al mese, è un dato irrilevante, di per sé. Motivo per cui non partecipo mai a sondaggi di questo tipo.

    L'unico dato interessante sarebbe sapere quale tipologia di sito web e con quanti unici guadagna quanto e come, ovviamente in forma anonima, con un questionario concepito ad hoc. Senza questa combinazione di dati, prendere il reddito separatamente è come vedere quelle classifiche sui cento uomini più ricchi del mondo. Bevi un caffè mentre le leggi, ti fai una sigaretta e torni alle tue cose facendo spalletta.
    Discorso interessante Vincent, ma non credo che FB abbia, adesso, i mezzi per contrastare Google. La fama sì, ma i mezzi no. Di là ci lavorano 30.000 persone, sono forse la multinazionale più grande al mondo escludendo le banche, nonchè la maggiore potenza web. FB alla fine è solamente un sito. se vorrà fare il salto di qualità dovrà investicrci parecchio (e assumere migliaia di persone). Non che i soldi non gli manchino ora come ora. Ma si deve decidere, oramai è all'apice. altrimenti fra qualche anno potrebbe fare la fine di myspace.

    edit: multinazionale come incassi netti, non come numero dipendenti.
    Ormai google adwords sta perdendo punti da una recente analisi fatta su alexa.com si è verificato che facebook ha superato google per il numero di pagine viste, google sta iniziando a tremare..se fb inserisce un motore di ricerca google è spacciato, google sa molto bene che le persone cercano di fare le loro ricerche in meno click possibili.. e il social network piu famoso del mondo possiede tutti i requisiti, inoltre possiede un programma pubblicitario superiore a "big g" in quanto è possibile creare annunci per pubblico mirato in modo da creare l'offerta perfetta, in modo da aumentare il ctr e diminuire i costi pubblicitari.

    ---Edit---
    Dipende dal tipo di business, dal tipo di rischio, ecc.

    E' troppo generale il discorso; bisogna anche capire se si hanno 9000 euro di spese FISSE, indipendentemente dai ricavi, oppure il 90% di spese (9000 euro su 10.000 euro di ricavi, ma che possono diventare 90 euro su 100 euro di ricavi oppure 90.000 euro su 100.000 euro di ricavi). E' chiaro che il discorso del rischio nelle due situazioni è molto diverso.

    Ad esempio, non vedrei nulla di strano se qualcuno vendesse prodotti di elettronica in drop shipping su Internet ricavandoci il 10%. Riterrei folle uno che invece dovesse acquistare per contratto 9.000 euro di merce al mese sapendo di venderne mediamente per 10.000 euro.

    Poiché nel thread si sta parlando di AdSense, si potrebbe pensare a formule di Paid to Write, con suddivisione degli introiti nella proporzione di 10/90 (non ho la minima idea se sia realistico, poiché non mi sono mai occupato di queste cose). Se invece si tratta di avere 9.000 euro di spese fisse, con la prospettiva di guadagnare mediamente 10.000 euro al mese e senza avere altri ricavi, condivido che si tratta di un business a rischio.
    Francywww ripassa i libri di economia aziendale :p un ritorno del genere è folle in qualunque campo. tu rischieresti 100 per guadagnare 10? di solito il rapporto spese guadagno è 1:2 oppure 1:3. ovviamente all'aumentare dei numeri tende ad assotigliarsi, ma mai fino a quel punto.
    30.000euro al mese per 3.000 euro??? che non sono neanche netti. Basta un mese negativo per fare una brutta fine. Sfido una qualsiasi società a dimostrare che non ha mai avuto un momento di crisi, in x anni capiterà è una società del genere è destinata a chiudere al primo problema.

    E vero che in alcuni settori si guadagna così poco.... ma quello dei siti internet non può essere quel settore visto che una penalizzazione può durare anche più mesi o una scesa nella serp per un concorrente più bravo, ecc... te lo dice uno che per un periodo ha lavorato per un settore che dovevi investire 1.000euro per 50euro che dopo dovevano essere fatturate e tassate, nessuno ti permetteva di andare oltre i 60euro MAX.

    x francywww:

    guarda il guadagno netto di una società è completamente sbagliato perchè quella società guadagna sempre 10.000€ al mese che lo porta ad avere un certo valore e gli permette di fare movimenti che una società di 1.000€ al mese non potrà mai fare.

    cmq ha 9.000€ di movimenti al mese che non è poco, ti permettono di creare una struttura, di pagare le tasse, di avere liquidità per invenstimenti, ecc.... il discorso sarebbe troppo lungo per un solo post.

    Anche twitter ha avuto per X anni un utile negativo ma mica per questo era una società che veniva valutata per questo.
    Ciao francywww,

    a mio avviso un margine del 10% è veramente troppo poco per progetti di questo tipo, anche perché le spese sono praticamente certe mentre i guadagni sono aleatori.

    Con un 10% di margine rischi che ti va bene per un mese o due e poi per 3-4 mesi sei in perdita, perché calano i CTR e/o i CPC, oppure vieni bannato da google adsense.

    Discorso diverso se hai contratti di affitto delle aree pubblicitarie sul medio-lungo termine, in quel caso anche con un 10% mensile puoi stare tranquillo e pianificare investimenti a medio lungo termine.

    Ciao

    John24
    Ma stai scherzando???

    Spendere 9.000 euro per ricavare 10.000 euro cioè guadagnare 1.000 euro al mese è un guadagno DA PAURA! E' il 10% netto mensile!

    Farei la firma per avere un sito del genere! E poi me ne compro un altro. E poi un altro ancora. E magari spendo 30.000 euro/mese per mantenerli ma ricavo 33.000 euro/mese.

    E mi porto a casa 3.000 euro netti al mese!

    Certo tutto va considerato alla luce di TUTTE le spese, non solo pubblicitarie. Quindi anche le imposte, tanto per cominciare. Ma un sito che investendoci 10.000 euro/mese porta a casa anche solo 500 euro al netto di tutto è comunque una piccola gallina dalle uova d'oro, perché bisogna pensare in grande e immaginare di avere (anche comprando, mica è disdicevole!) varie piccole galline dalle uova d'oro per portare a casa un uovo d'oro gigante!
    E' presto fatto, detto in termini terra terra, il 10% del n' di visitatori giornalieri e avete un dato mensile di guadagno da payperclick. Viene suddivisa a fasce. è una mia formula, da me inventata e ottimizzata.
    Concordo con John24. Anche se però 1100 euro con adsense non vuol dire che guadagna solo con quello, ci sono le affiliazioni e altri metodi che sommati potrebbero far vivere il web master.

    A me fan pensare la fascia che dichiara meno di 10 euro al mese...

Tags: