125.000 euro guadagnati con i programmi di affiliazione in Italia

il | Guadagnare online | 83 commenti

Guadagnare online tramite la pubblicità è sempre stato uno dei miei principali interessi. Da qualche anno è anche il mio lavoro, per questo motivo leggo continuamente tutti i siti, blog, forum in cui se ne parla. Ho notato che c’è un’opinione diffusa: "In Italia con i programmi di affiliazione pay per sale non si può guadagnare. L’unica possibilità concreta di guadagno è Adsense!". Secondo me non è vero.

Ammetto subito di essere di parte: io faccio il tifo per i programmi di affiliazione! :D Se non condividi la mia idea, guarda l’immagine che ho riportato qui sotto. Evidenzia un guadagno di circa 125.000 euro di cui 75.000 procurati solo da affiliazioni pay per lead e pay per sale. ;)

 

guadagni con le affiliazioni by alverde.net 

 

 Quelle raffigurate sono le statistiche relative al mio account su Tradedoubler. Ho reso pubblici questi dati non per vantarmene o per fare pubblicità a Tradedoubler, ma per attirare l’attenzione verso il settore delle affiliazioni nel suo complesso. Vorrei, infatti, fare alcune riflessioni generali in modo da includere anche gli altri network di affiliazione attivi in Italia (Zanox, Sprintrade, Clickpoint, PublicIdees, ecc.) 

1) Nel settore del pay per action ci sono ancora parecchi problemi: vendite non tracciate, lead cancellati, commissioni sulle vendite troppo basse, assistenza spesso impossibile da contattare, merchant che non pagano, poca fiducia nel settore ecommerce italiano ecc. Queste sono le esperienze reali che leggo quotidianamente sul web e di cui parlerò in modo più approfondito in un altro articolo.

2) Nonostante i problemi elencati al punto 1, è possibile guadagnare molto. Le statistiche che ho riportato lo dimostrano.
Gli italiani non comprano online? Le vendite non vengono tracciate? Me ne hanno conteggiate più di 15.000 per un controvalore di quasi 1,5 milioni di euro.
I lead non vengono confermati? Me ne hanno pagati quasi 8.000.
Non si guadagna abbastanza? Ho superato i 125.000 euro di cui 100.000 nel solo biennio 2005/2006.
I merchant non pagano? E’ vero: alcuni merchant non ancora saldato delle fatture scadute tra il 2005 e il 2007, ma l’importo complessivo non ancora pagato ammonta allo 0.1% del totale dei soldi già ricevuti.

3) Gli affiliati italiani che guadagnano tanto sono pochi, ma ce ne sono! Confronto spesso i miei dati con quelli di un altro utente di alVerde, anche lui ha fatto vendere prodotti per centinaia di migliaia di euro. Altri utenti non svelano i loro guadagni, ma non mi stupirei nel sentir parlare da loro di cifre simili. Questo è importante perché dimostra che è possibile guadagnare con le affiliazioni. Non voglio far intendere che tutti i siti (grandi, piccoli, amatoriali, professionali) sono adatti a procurare dei guadagni. C’è chi riesce a fare molti soldi, chi guadagna poco, ma ci sono anche molte persone che non riescono a guadagnare nulla con le affiliazioni pur avendo dei siti/blog validi. Questo è il vero problema.

4) La situazione all’estero è diversa. Si sente parlare spesso di John Chow e di altri blogger che sono diventati famosi proprio perché guadagnano molto. Sono casi estremi, ma guardando le community (Affiliate4u, ABestWeb, WickedFireRentabilisez-francese ecc.) in cui la gente "normale" parla di guadagno online, c’è da essere fiduciosi. In altri paesi sono "più avanti" di noi, ma stiamo recuperando ed anche in Italia il mercato delle affiliazioni diventerà maturo. Non penserai mica che noi italiani non siamo in grado di fare meglio dei francesi e degli americani? :D

Ora che ti ho convinto compra il mio ebook miracoloso! :D Ovviamente sto scherzando: il mio scopo non è quello di vendere "i miei segreti". Anche perché non ne ho. Mi piacerebbe, invece, condividere e confrontare idee su come guadagnare con i programmi di affiliazione esattamente come si fa con Adsense o con le tecniche per migliorare i blog.

So di aver lasciato diversi punti in sospeso, li affronterò nei prossimi giorni riprendendo parti di questo articolo. Se ti va, puoi interagire con me e con gli altri utenti del sito iscrivendoti gratuitamente alla community di alVerde. Infine, se non sei ancora convinto della convenienza dei programmi di affiliazione, ti invito a leggere i miei prossimi articoli visitando questo blog o tramite il feed RSS.

Commenti

  1. Ciao.

    Vedo che ultimamente la tendenza è quella di risultare affiliato per guadagnare un extra mensile. Io non c'ho mai creduto ma la tua scheda riporta esattamente l'andamento di internet verso questo concetto.

    Io sono ancora sfiducioso; proverò a navigare clickpoint (che non l avevo ancora conosciuto) ma credo che siano circuiti manovrati da chi gestisce il sito o cose del genere.

    Se avete però aggiornamenti in merito, sarà felicissimo di ascoltarvi. Non sarebbe male raggiungere le cifre che hai raggiunto te lavorando da casa.
    Ho alcune affiliazioni con TD. Con una di queste ho una conversion click/sale del 25%. Per essere più chiaro, ogni 4 click ho una vendita (non un lead, ma una vendita) con un CPC medio di 0.77 euro (altissimo per il mio settore, che è il turismo)

    Naturalmente, ho studiato accuratamente la collocazione dei link e la contestualizzazione, ma il risultato resta a mio modo di vedere straordinario.

    Ho poi anche altre affiliazioni (NON con agenzie pubblicitarie tipo TD o Zanox ma dirette con l'intermediario turistiche) che mi danno risultati inferiori a questi ma comunque soddisfacenti.

    Tuttavia, putroppo, devo dire che almeno nella mia esperienza sono più che altro eccezioni che confermano la regola. Nella maggior parte delle affiliazioni che ho provato, non ho avuto risultati nemmeno lontanamente paragonabili a queste, e sicuramente inferiori a quelli che ottengo con il PPC di AdSense.

    Il banner con il numero di telefono da chiamare, come descritto da giovannifa, è un esempio lampante di quanto poco sono tutelati i publishers; e se il numero di telefono non c'è sul banner, spesso c'è sul sito, e se non c'è sul sito, sovente c'è qualche sistema di deduplica poco cristallino, e se non c'è qualche sistema di deduplica ...

    Un agenzia seria come TD o Zanox, secondo me, i banner con il numero di telefono non li dovrebbe nemmeno accettare, a meno che non siano pagati per impression. Sarebbe il minimo sindacale per guadagnare la fiducia di chi lavora seriamente con loro e non avere l'impressione di essere trattati come ragazzini stupidi che aspettano la mancetta dallo zio.
    @giovannifa

    ti ringrazio molto per l'esempio che hai portato e per i vari spunti.

    Sono convinto ormai da tempo che il modello delle affiliazioni sia forse il migliore possibile non solo per i merchant, ma soprattutto per i publisher.

    Purtroppo quasi nessun network ha un sistema perfettamente "a performance", mi riferisco al fatto che nella maggior parte dei casi ci sono fissi mensili o obiettivi minimi da raggiungere per i merchant e questo "droga" il sistema dove sia i publisher sia i merchant guadagnano solo dalle performance, ma chi è in mezzo tra loro guadagna una buona parte da un fisso.

    Sembrerebbe un dettaglio, ma se l'obiettivo principale del network è quello di mantenere il cliente, in quanto comunque paga il fisso, forse ha un atteggiamento più conciliante con il merchant che non traccia o cancella lead/sale.

    ___________

    Venendo al discorso delle conversioni, secondo me è un problema che non può essere affrontato in generale.

    Prima di tutto la conversione dipende al 99% dal prodotto e dal sito pubblicizzato.

    Puoi mettere un text-link o un banner ma se il prodotto non è interessante o fuori mercato, semplicemente non convertirai.

    Per alcuni prodotti una scheda di presentazione con link è forse meglio, ad esempio mi riferisco ai libri, dove una recensione ben fatta può aumentare la percentuale di conversione.

    Poi nessuno dice che il banner deve essere per forza grafico, si può anche scriverci se uno pensa che questo sia un vantaggio.

    Io penso che il banner dia più possibilità, ma soprattutto penso che non sia compito del publisher indurre la conversione.

    Fate un paragone con un giornale, ci sono sezioni dedicate alla presentazione di prodotti o servizi ma sono chiaramente identificate come informazioni commerciali.

    Se tutto il giornale fosse così... penso che nessuno lo acquisterebbe.

    In altre parole per certi prodotti/servizi una presentazione può essere utile, ma deve essere obiettiva presentare pregi e difetti, ne va della credibilità del sito.

    Per il resto io penso che il compito di convertire spetti a merchant, è lui che deve selezionare i banner con l'annuncio migliore, è lui che deve ottimizzare il percorso di vendita/registrazione per aumentare il tasso di conversione.

    Se non è in grado di farlo, andrebbe sostituito, e qui nasce il problema... (e finisce il mondo ideale descritto sopra :D)

    Il problema è che spesso non ci sono sostituti, perché appunto i costi del network sono spesso proibitivi per la maggior parte dei merchant a fronte di garanzie inesistenti.

    E quindi come si fa a far rendere una campagna, non potendo intervenire sul banner o sul sito di destinazione?

    L'unica attività possibile per il publisher è quella di usare link testuali (o rifarei i banner del merchant, ma va chiesta l'autorizzazione) e cercare di indurre il più possibile la conversione prima che l'utente faccia click sul link che lo porta dal merchant.

    Ritengo che non sia quest'ultima la soluzione migliore, ma probabilmente, con i sistemi attuali, è l'unica che possa aumentare i guadagni del publisher.

    Ciao

    John24
    Un banner che invita a chiamare un numero di telefono semplicemente non va utilizzato. E' assurdo che venga proposto agli affiliati.

    Di problemi nell'ambito dei programmi di affiliazione ce ne sono tanti, li abbiamo affrontati nella rubrica "affiliazioni: problemi e nostre proposte": http://www.alverde.net/forum/affiliazioni-problemi-e-nostre-proposte/136676-programmi-di-affiliazione-cambiamo-le-regole-del-gioco.html

    Non sarò di sicuro io a dirti che è tutto rosa e fiori.

    Magari le conversioni che mi hanno pagato sono solo una parte di quelle che in realtà ho procurato ai vari merchant... resta il fatto che quello che vedi nello screenshot è vero e non ho avuto trattamenti di favore.

    In generale esprimo le mie idee e racconto le mie esperienze per essere d'aiuto agli utenti che leggono questo sito, ma non ho la pretesa che vengano condivise da tutti. Se tu hai un'opinione opposta alla mia, ad esempio ritieni che nel 90% dei casi un banner fa guadagnare con le affiliazioni, ben venga. Avrai certamente tuoi dati per sostenere questa tesi.
    Probabilmente sbaglio io,

    perchè forse a Lei le commissioni le pagano, non rischiano,

    al contrario si sono beccati un bell'articolo pagando le provvigioni, non pagandole avrebbero avuto un REVERSE.

    Ribadisco che sul suo sito ho trovato tutte le risorse necessarie disponibili

    sul mercato Italiano, da parte mia solo stima.

    Io non affermo che la cosa è impossibile, anzi al contrario è possibilissima ma non accade.

    Lo vedo quando vendo i banner direttamente e vedo i miei clienti soddisfatti,

    anche senza creare pagine su misura, solo esposizione banner.

    Ricordo un banner fisso alto 738 x 90 promo Vodafone venduto ad una agenzia vodafone per 600 euro 1 mese.

    Pagina dentro mio sito personalizzata, raccoglievo direttamente io gli appuntamenti che giravo al cliente.

    950 mila impression

    400 mila unici

    9100 click

    450 richieste di attivazione

    80 sim attivate

    ogni sim attivata vodafone la paga all'agenzia circa 150 euro

    150 x 80 = 12.000 euro.

    NON E' VERO CHE LE AFFILIAZIONI NON RENDONO

    IL PROBLEMA E' SOLO UNO PAGARE !!!

    Finito il mese il cliente non ha potuto continuare la pubblicità perchè vodafone non le consentiva di chiudere contratti fuori dalla sua regione.

    ho preso da un network di affiliazioni lo stesso identico banner

    e nel mese successivo non ho guadagnato niente, generando più o meno gli stessi click.

    Come si spiega ?

    Ho capito come funzionavano le affiliazioni tutte, quando ho iniziato a ricevere decine di email di protesta per linee adsl e sim che non venivano attivate, scambiandomi per l'operatore, mentre io avevo solo creato pagine ad ok

    PIAZZATE SU GOOGLE, OLTRE IL TRAFFICO DEL SITO.

    Ho fatto anche personali acquisti per capire meglio e le commissioni non venivano calcolate, ecco come funzionano le affiliazioni.

    Li ho capito che in realtà le vendite di linee adsl dal mio sito stavano arrivando ma il mio saldo erà zero.

    Ecco un esempio

    http://ad.zanox.com/ppv/?20533532C2063930774

    il banner dice "Attiva ora o chiama il 130"

    e se chiamano io avrò le mie provvigioni ?

    poi ci sono i banner con le URL, pagine di redirect con la chat dell'operatrice e numeri verdi vari da chiamare.

    Al contrario nei circuiti ADV che pagano i click, difficilmente vengono accettati banner con tali caratteristiche.

    perchè non ci forniscono pagine html personalizzabili,

    con form di richiesta e le richieste le raccogliamo noi ?


    questa sarebbe un'ottima affiliazione

    io raccolgo 100 appuntamenti (lead) o vendite (sale), se li vuoi me li paghi un tot cadauno.

    cito

    L'avrò detto un milione di volte: con i banner dei programmi di affiliazione nel 90% dei casi non si guadagna nulla

    Non sono assolutamente d'accordo.

    Allora gli adv che ci pagano i click, che c'è li pagano a fare se poi non le ritorna niente ?

    Il fatto è semplicemente che tra errori vari, le commissioni non vengono generate, ma sulla legge dei numeri le vendite arrivano, punto.

    Preciso, non parlo di TD, parlo di affiliazioni in generale.
    Quoto questa parte di un commento postato su 3sulblog.com perchè suppongo sia stato inserito da un utente che partecipa a questa discussione. Poi rispondo anche alle altre domande.

    Mi dispiace molto che vengano fatte queste insinuazioni, evidentemente in tanti anni di attività sul web non ho ancora raggiunto il livello di credibilità che avrei desiderato. E' incredibile pensare che io possa avere inventato una "storia" così grossa, falsificando degli screenshot ed abbia dato evidenza per anni all'articolo che ne parla "solo" perchè Tradedoubler mi avrebbe pagato...

    L'avrò detto un milione di volte: con i banner dei programmi di affiliazione nel 90% dei casi non si guadagna nulla. Cercare dei banner di TD su alVerde, non trovarli e concludere che la storia dei 125.000 euro è tutta una balla è un'analisi piuttosto approssimativa.

    Il guadagno è stato fatto pubblicando alcune pagine create ad hoc su alVerde le quali si posizionavano molto bene su Google (da anni queste pagine non ci sono più). Il traffico veniva poi convertito in denaro usando i programmi di affiliazione di Tradedoubler, affiliazioni dirette, annunci sponsorizzati di Overture e quant'altro fosse disponibile in quegli anni. Anche queste cose penso di averle già raccontate diverse volte...
    Certo che li aveva... uno lo hai proprio sotto il naso.

    Poi se ricordo bene all'epoca aveva anche una sottosezione poi tolta per fare un altra cosa.... è passato un pò di tempo non ricordo perfettamente ma ci stava... rispetto la privacy di Paolo perchè vedo che nelle news non ha voluto descrivere nulla, ma cmq io me lo ricordo.

    All'epoca forse era uno dei pochi che aveva già capito come sfruttare a meglio le affiliazioni visto che anche oggi giorno nessuno le vede :p
    Dopo il ban di AdSense, da tempo sono alla disperata ricerca di una valida alternativa.

    Per ora il rapporto è che con le migliori soluzioni arrivo a fare il 20% di quello che mi rendeva AdSense.

    Ho sempre testato Sia TD che ZX,

    senza pero ottenere risultati.

    Sicuramente sbaglio qualcosa.

    Ti faccio i complimenti per le rendite ottenute con TD,

    mi chiedevo solo una cosa;

    Come mai, se ti rende tanto hai tolto i banner dal sito AlVerde ?

    Forse prima rendevano e adesso no ?

    Non vedo traccia di tag TD.

    Se non sbaglio hai detto che tali rendite le hai ottenute con questo sito (AlVerde)

    Grazie.

    la domanda è un po vecchiotta e non ha risposta, sarei curioso anche io.
    morris se la pensi così mi sa che pure te però hai molto da imparare :)

    In sintesi adwords non solo lo puoi utilizzare per sponsorizzare la tua azienda, marchio, sito, ma anche per portare traffico qualificato da convertire in guadagno, producendo chiaramente un buon ROI, se lo si sa utilizzare al meglio.

    Detto ciò preferisco twitter, anche se è molto più complesso di adwords da usare in tal senso, però è a "costo zero" e le possibilità di ROI sono ancora superiori.
    questo post mi ha aperto un mondo! (che probabilmente il 99% di chi posta nel forum conosce, ma va be c'è sempre tempo per imparare).

    ora però vediamo se riesco a fare qualcosa:)
    se parliamo di pay per click cosa si intende?

    passivo o attivo?

    adsense o adwords?

    per quanto mi riguarda

    adwords va a gonfie vele

    in Italia sono ancora in pochi a sapere

    che esiste e che puoi creare uno stipendio

    facilmente da li, in mille nicchie diverse

    dunque se adwords produce, non vedo perche

    non dovrebbe produrre anche adsense

    per chi punta al ppc inverso

    certo se pero parliamo dei soliti

    advert in tutte le solite nicchie trite e ritrite

    ormai da 5 anni a questa parte... allora è naturale che

    una certa fetta dei mercati si trovi dinanzi a una saturazione

    disumana...

    tuttavia è come se le persone non vedessero

    che i soldi sono altrove
    Morris sei un pò troppo negativo, è vero che il pay per click è calato, ma c'è ancora moltissima gente che ci guadagna e bene.

    Bisogna solo esser bravi ed innovativi nello sperimentare nuove tecniche di posizionamento degli annunci, nel variare, e allo stesso tempo nel produrre contenuti di qualità. I blog che scopiazzano i contenuti è giusto che non guadagnino.
    Secondo me i guadagni dai payperclick sono scesi e scenderanno ancora, oramai troppa gente ha scoperto questo meccanismo, i vari adsense e simili non pagano più come una volta, e aggiungiamo che il sistemino del cliccabanner lo conoscono tutti: so di gente che pur di non cliccare sul tuo adsense aprivano google e digitavano il nome dello spot visto. sono finiti quei tempi 2004-07 ragazzi. il resto sono solo bugie. secondo me in futuro guadagneranno solamente veri siti con idee innovative, e si guadagnerà con il mantenimento di un proprio adversting o la vendita del sito stesso.
    Premesso che ti auguro che non ti controllino, il tuo caso al 100% è esterovestizione. se sei residente in italia dovresti pagare tutte le tasse qui, su questo non ci sono dubbi, negli ultimi anni la esterovestizioni è salita al primo posto nella tipologia di evasione/elusione fiscale contrastata in Italia, ci sono stati numerosissimi chiarimenti ed interventi conclusisi sempre a sfavore del contribuente anche in casi molto meglio 'architettati' del tuo.
    Perchè mai? E' tutto completamente legale. Paghi le tasse in ambedue i paese. Però questo non implica che i soldi che guadagni in italia non li puoi spendere all'estero e quelli che guadagni all'estero non puoi spenderli in Italia.

    Comunque questa discussione semmai è meglio farla in altri thread in quanto qui stiamo andando OT :D

Tags: