11 regole per creare un blog di (in)successo

il | Guadagnare online | 17 commenti

Non creare un nuovo blog se prima non hai letto i consigli contenuti in questa pagina. Ecco le 11 regole per essere certo di creare un autentico blog di insuccesso:

  1. Pensa prima al guadagno e poi a creare dei contenuti utili a qualcuno.
  2. Scegli un argomento che non conosci veramente, ma che dovrebbe rendere bene.
  3. Divaga spesso parlando di argomenti secondari.
  4. Non leggere con attenzione gli altri blog, limitati a copiare i loro contenuti. Importante: non modificare più di qualche parola se vuoi rendere i tuoi contenuti veramente originali. 
  5. Scrivi nuovi post, ma saltuariamente.
  6. Sii ermetico, i post chiari e semplici lasciali scrivere agli altri.
  7. Non rileggere i tuoi post e ricordati che l’ortografia è solo un vezzo dei web-writer.
  8. Non scrivere frasi di senso compiuto, sono sufficienti delle sequenze di keyword.
  9. Procedi solitario dritto per la tua strada, tutti gli altri blogger sono tuoi rivali.
  10. Per fare soldi in modo indiretto, ricordati che sei "un esperto di…" anzi "il maggiore esperto di…" ogni volta che vuoi vendere un ebook su tale argomento.
  11. Riempi il tuo blog di banner pubblicitari perchè sono belli, vivaci, colorati e, soprattutto, sono la via migliore per perseguire il punto 1). ;)

Commenti

  1. Sul punto 9 non sono d' accordo, ma dipende anche dai settori. Nel mio settore siamo tutti nemici.

    Ha ragione Mirko quando scrive che "sicuramente per ottenere degli introiti di un certo livello tutto dipende da un alto traffico nel blog/sito." E il traffico si ottiene posizionandosi bene nei motori di ricerca, quindi per me la prima regola per creare un blog d' insuccesso dovrebbe essere quella di non curare per niente il lato SEO (come avevo fatto io, che non sapevo neanche cos' era). SEO is the king. Poi vengono i contenuti.
    Bell'articolo. utile per far svegliare un pò di gente, che campa un pò tra le nuovle, unica cosa sulla quale mi sento di dissentire leggeremente è la prima affermzione: credo che il contenuto sia si fondamentale, ma se si inizia un prgetto web di qualsiasi tipo senza un analisi preliminare che consideri gli obbiettivi e le possibilità di raggiungerli (quindi anke possibilità di monetizzazione e stime sui vari volumi) spesso (ma non sempre) si rivela dannoso o quanto meno deludente.

    Comunque ho scritto un articolo un po di tempo fà su ciò se a qualcuno interessa: Contenuti di qualit , bastano ? | WebVivo.it :)
    Non sono pienamente d'accordo con il primo punto. Per esempio oggi i giornali nascono perchè c'è un target pubblicitario che li richiede e non il contrario. Certo in questo caso manca un elemento importante, la passione. Può comunque essere lo stesso un blog di successo.
    bene. allora posso seguire queste 11 regole poichè il mio scopo è quello di fare soldi su internet:) al massimo non seguirò la regola degli errori di ortografia.:p
    Io ribadisco il mio concetto... i blog hanno rovinato internet :D E ti ci metti pure tu Paolo a contribuire alla prolificazione :D te possino.... asd
    Quindi, oggi guadagnano, domani non si sa. Per chi vuole farlo come lavoro, è un rischio che non si può correre, basta un semplice bann per far terminare tutto.
    Pensandoci bene, i blog di cui parlo non sono dei veri blog, ma dei siti che usano wordpress come CMS per creare pagine da posizionare nei motori. L'interlocutore è googlebot ed i lettori (provenienti da google e non fidelizzati) non devono leggere i post ma cliccare su adsense. Anche questo è un modo per guadagnare...

    Secondo me, il prossimo anno gli iscritti saranno 10.409... un piccolissimo aumento. :D
    Concordo in peno con te Paolo, dalla mia esperienza personale ed ora anche professionale ;), non bisogna pensare a guadagnare immediatamente con i blog.

    Ora la concorrenza è agguerritissima e riuscire ad essere ben posizionati, ad avere molto traffico e molti click sugli sponsor è dura.

    I risultati si ottengono con sacrifici, direi un bel pò di tempo e tanto materiale di qualità.

    Molto dipende anche dagli argomenti trattati, alcuni attraggono davvero pochi inserzionisti intenti a pagare bene. Quindi anche il mercato di riferimento è basilare.

    Se si parte da questo presupposto perchè non pensare ad un guadagno con adsense, e che è peccato? ;)

    Sicuramente per ottenere degli introiti di un certo livello tutto dipende da un alto traffico nel blog/sito.

    QUindi utilizzare anche altri metodi di guadagno insieme ad adsense, credo possa essere ragionevole.
    Questo non lo metto in dubbio, però ho dei forti dubbi, sul fatto che possano guadagnare bene. Se poi questi signori, riescono ad avere un blog che riceve tante visite, con accessi costanti, e lo bruciano, è un vero peccato.

    Ah, poi, io conosco un tizio, che dichiarava 10.408 iscritti al proprio feed (sto tizio, secondo me, il prossimo anno, sarà iper-emulato) :D
    Paolo, comunque credo che questo è tutto un'atro discorso.

    Se si crea un blog , con lo scopo di guadagnare con adsense, tutto cambia....
    A parte gli scherzi, io ho fatto un post ironico. Se un blogger vuol fare un blog serio, credibile, in cui c'è un'interazione con i lettori ovviamente i consigli non sono da seguire. Spesso, però, vengono fatti dei blog di nicchia con il solo scopo di guadagnare con adsense, in questi casi molti dei consigli (incredibilmente) sono utili. Me l'ha fatto notare un amico blogger... :D

    Ad esempio:

    Pensa prima al guadagno e poi a creare dei contenuti utili a qualcuno.

    Scegli un argomento che non conosci veramente, ma che dovrebbe rendere bene.

    Ecc. :D
    Sul sito in firma, ho una misera tagboard nella pagina dei giochi, ed ogni giorno sono costretto a filtrare messaggi del tipo: "EhI rAgAzZi ViSiTaTe UnO dEi SiTi PiU' vIsTi DeL wEb www.sitosconosciuto.ext".

    :rolleyes:
    Ciao Paolo, condivido pienamente questi punti, credo che all'inizio un pò tutti facciamo questi errori e bene tenere traccia di questi 11 punti, per evitare di dimenticarsene.

    Saluti e buon lavoro

Tags: