10 modi per NON promuovere il tuo blog

il | Guadagnare online | 46 commenti

Traffico e conversioni sono i 2 elementi fondamentali per chi vuole guadagnare online. Ci sono tanti modi, buoni e meno buoni, per ottimizzare questi elementi. In questo contesto, segnalo un interessante post scritto da Kevin Geary e tradotto su alVerde da Catchme, il nuovo moderatore della sezione "Risorse per blogger" del nostro forum, eccolo: le 10 peggiori strategie per promuovere il blog.

Commenti

  1. Interessante! La mia valutazione si avvicina a quella di Catchme, preferendo post concisi, completi e veloci da leggere e sopratutto scritti in un linguaggio chiaro e senza troppe articolazioni.

    Io guardo molto anche il design, nel senso dell'impaginazione, troppi gadget che appesantiscono la pagina non li sopporto.
    Si direi che dipende molto dai gusti personali.

    Personalmente prediligo i blog con:



    • design semplice senza tanti fronzoli;

    • post di lunghezza media o medio-breve quindi veloci da leggere e che arrivano subito dritti al sodo;

    • costanza nel ritmo di pubblicazione;

    • scrittura fluente e linguaggio informale che permette di prendere subito una certa confidenza;

    • originalità dei contenuti;

    • opinioni personali
    e per il momento non mi viene in mente altro ma sicuramente ci sono altri aspetti che mi sfuggono.

    Ad ogni modo l'originalità accompagnata da un buon mix di inventiva e capacità nel copywriting sono le 3 caratteristiche che più contraddistinguono i blog di successo rispetto agli altri.
    Io personalmente reputo un blog di qualità se:

    - è scritto bene (buona impaginazione, facilmente leggibile e comprensibile)

    - il blogger esprime la propria opinione e prende una posizione

    - ci sono delle fonti di supporto alle tesi esposte (esperienze e test personali anzichè fonti citate da altri blog)

    - gli argomenti dei topic trattati sono abbastanza approfonditi da essere comprensibili anche ad una persona totalmente inesperta dell'argomento.

    A me personalmente piace molto uno stile di scrittura molto dilungato (come Yaro Starak, ad esempio): pochi post settimanali, ma molto approfonditi di una lunghezza media superiori alle 1000 battute.

    Ciò non toglie che questo è un mio gusto personale, lo stesso post lungo potrebbe essere suddiviso in due o tre puntate senza per questo togliere qualità al contentuto.

    A mio giudizio ci sono tanti modi per bloggare ed ognuno ha un proprio stile , ma alla fine quello che conta sono contenuti e "confezione".

    Anche nella letteratura "ordinaria" o nel giornalismo ci sono copiature: alla fine si tratta di farlo "bene". Non dev'esserci una copia pedissequa, ma uno spunto dal quale sviluppare una propria idea.

    Da poco ho letto in un blog: "se copi da uno è plagio, se copi da molti è arte"

    In fin dei conti è vero: nella storia del mondo i geni innovatori rivoluzionari sono stati veramente pochi , ma tanti altri hanno fatto progredire l'umanità con piccoli passi in avanti, ottenuti sviluppando gli studi e le conoscenze già esistenti.
    Ma allora quali sono i principi su cui basare una valutazione, per poter definire un blog di qualità?...

    -Contenuti freschi ed inediti?

    -Aggiornamenti frequenti?

    -Immagini glamour?

    -Video di spiegazione?

    -Post lunghissimi e completi che analizzano ogni sfacettatura dell'argomento?

    Voi come definite se un blog è di qualità?
    Sono d'accordo con Enrico, chi copia non arriva molto lontano. L'originalità è uno dei pochi punti cardine su cui si dovrebbe basare un blog di successo; se viene a mancare questo requisito è facile immaginare a quale sorte andrà incontro un blog..
    Se devo dir la verità io leggendo blog italiani vedo solo un tam tam di notizie tradotte da siti in inglese, dove i blogger italiani fanno a gara a chi pubblica le news, o le recensioni tradotte (e magari nemmeno testate) di nuove web applications per primi, non vedo molti link a blog italiani, i link sono sempre diretti verso quelli stranieri, quasi a pensare che se linko un blog italiano mio concorrente perdo la metà dei miei visitatori...

    Ripeto la gente spesso non indica nemmeno che usa wordpress per paura che gli copiano il sito (quando basta fare mela+u per leggere il codice e scoprire l'arcano mistero) infrangendo le licenze del CMS :(

    Poi ovviamente sono daccordo con voi sul fatto che i contenuti la fanno da padrone, ma il problema resta sempre la link popularity, sopratutto per un sito/blog alle prime

    armi non ancora conosciuto.

    Ho visto ottime applicazioni italiane snobbate, da blogger italiani, perchè nessuno ne aveva parlato, ed appena furono recensite da blogger d'oltreoceano vennero riprese soltanto perchè giudicate valide dai nostri concorrenti che scrivono in inglese e quindi giudicati più autorevoli.

    A me sembra che sia più facile per molti di noi blogger ita, scopiazzare i contenuti di altri blogger, che cercare di scoprire noi stessi nuovi orizzonti. E questo è molto triste, perchè anche in Italia ci sono ottime conoscenze e competenze.
    Perfettamente esplicato, da Enrico Vignali, quanto dicevo io in una riga. Un contenuto di qualità vince sempre. E' come l'amore: omnia vincit amor...
    Sicuramente esistono blog come quelli che descrivi, ma non credo, nè mi sembra, che facciano poi tanta strada.

    In Italia ci sono i furbi, così come ci sono nel resto del mondo (prova a guardare un po' di siti in inglese e guarda quanto copiano). Io leggo tanti blog e ti posso garantire che tantissimi blog italiani citano sempre le fonti e le foto utilizzate.

    Magari per il blog piccolo il problema è più che altro la visibilità: avendo pochi visitatori magari i post più difficilmente vengono letti.

    Senza contare che un blogger alle prime armi difficilmente scrive da subito post "indimenticabili".

    Ricordiamoci anche che i link in uscita, se validi e di approfondimento, possono aiutare ad un miglior posizionamento (e del PR chi se ne frega se si è primi per la parola chiave scelta ;))
    Io non sono così convinto che buoni contenuti, generino buoni link in entrata e quindi buon posizionamento in serp...

    Io vedo sempre più spesso, sopratutto in Italia, buoni contenuti, uguale, contenuti copiati o "aggregati" senza consenso e citazione da parte del furbetto di turno, nei confronti dell'autore originario ^_^

    Provate a pensare a quanti blog leggiamo quotidianamente che non espongono nemmeno un link al formidabile wordpress! Che tristezza....

    E vi illudete che questi furbacchioni mettano un link al vostro blogghettino magari appena nato, con la paura di perdere mezzo punto di "pierre" nella barretta verde ormai diventata inutile?... Apriamo gli occhi l'Italia è un paese di ladroni :(
    Sul punto 10) buoni contenuti creano buoni link in entrata. Che valgono molto di più dei link dalle directories. Ergo...
    Scusate, sono alle prime armi:se segnalo il mio blog a alcune directory devo sempre cambiare il titolo e la descrizione del blog?Questo non valeva per l'article marketing?
    Si è vero, scusa ma tra log in e risposte purtroppo ho incasinato un po' con i messaggi...:o:o:o

    Sono d'accordo con quanto dici, l'unica cosa che mi metteva un po' in dubbio è il fatto che molti di questi argomenti sono stati gia trattati qui. Ma, effettivamente, c'e' sempre comunque qualche nuovo iscritto che merita tutta l'attenzione. Ribadisco che la grande utilità dei forum come questo è proprio lo scambio di idee tra utenti.
    Hai fatto un po' di confusione con i post koolrider, ho eliminato due duplicati e unito gli ultimi due messaggi e ora sembra tutto apposto ;)

    Arrivando al dunque è normale che alcuni thread come questo risulteranno più utili a blogger con meno esperienza, ricordiamoci però che ognuno di noi è passato da quello stadio all'inizio della propria attività sul web e penso sia molto utile fornire un supporto anche ai "beginners" o a chi (anche se più esperto) può aver tralasciato l'approfondimento di alcuni argomenti.

    Ad ogni modo questa sezione si impegnerà ad affrontare tematiche su diversi livelli di difficoltà proprio per non deludere nessuno (sia chi ancora di blogging ne sa poco, sia chi gestisce un blog già da diversi anni).

    Inoltre come hai sottolineato tu giustamente, uno degli aspetti principali di queste discussioni è proprio lo scambio di opinioni dei lettori stessi che, attraverso le loro risposte al post, condividono e dibattono su pareri e vedute differenti.
    Scusate il tono polemico, ma secondo il mio personalissimo parere questo post è un po' ridondante e in contraddizione con cio' che dice. Tutte queste "regolette" dovrebbero essere chiare e impresse a fuoco nella mente dei vari blogger professionisti e non...

    Questi argomenti sono stati gia trattati in altre sezioni del sito... A dire il vero mi aspetterei qualcosa di più dopo aver letto un titolo di un post come questo. Ma... alla fine il succo è sempre lo stesso, ossia le linee guida di Google: qualità dei contenuti, buoni titoli, uso di netiquette... etc... etc...

    Tant'è... almeno le risposte dei lettori al post sono interessanti:D

    Comunque quello che ho precedentemente scritto non esclude la validità dei consigli :)
    Sul fatto che con le directory danni non se ne fanno io ci andrei cauto.

    Non sono un esperto SEO, ma tra le mie letture di Black SEO viene consigliato proprio l'attività di iscrivere il sito "nemico" a tutte le directory di infima categoria .
    Ciao, ottimo articolo. E bello anche il sito in generale, credo che userò anche io questo stile.

    Avete visto il mio blog?visitatelo e votatelo, trovate un articolo su come inserire il vostro blog in 568.243 directory con un click. (Magari poteste linkarlo qui)

    Volevo chiedervi, inoltre, se volete inserire il mio link trai vostri siti preferiti e io farò altrettanto, fatemi sapere tanto mi trovate anche su Twitter o Facebook.

    Cmq ottimi consigli veramente io li seguo già tutti. :P

    A parte gli scherzi, credo che siano consigli abbastanza comprensibili anche per me che sono un novellino, anche perchè alla fine si possono accomunare a quello che potrebbe essere un comportamento "educato" che potrebbe valere nella vita in generale anche fuori dal web. Gli unci due "errori" che posso aver commesso sono quelli delle directory e dei social media, cmq leggo che con le directory al massimo si perde tempo ma danni non se ne fanno; per quanto riguarda i social media ho inserito tutti i pulsanti per metterli a disposizione degli utenti che magari ne usano uno e non l altro e quindi ogniuno avrebbe trovato il suo.....ne togliero alcuni lasciando quelli che mi portano più traffico. ps - a voi quali sono che portano più traffico, a me diggita in assoluto...ciao
    In effetti è leggermente Off Topic, il mio consiglio è quello di aprire direttamente una nuova discussione nella sezione "POSIZIONAMENTO SUI MOTORI DI RICERCA", gli esperti di quella sezione ti sapranno essere sicuramente d'aiuto ed eviteremo l'accavallare di troppi argomenti su un unico post.
    C'è una domanda che vorrei farvi, fuori tema, e me ne scuso. La mia home ha page rank 4

    mentre non mi sembra sia visibile il page delle pagine interne, mi hanno detto che questo abbassa ulteriormente il page del sito, non ho trovato in merito spiegazioni, qualcuno mi sa dire?
    Giusta osservazione Enrico, prossimamente mi ripropongo di analizzare insieme a tutti voi oltre all'aspetto backlink (come già detto qualche post sopra), anche l'argomento directory cercando se possibile di citare qualche fonte autorevole a riguardo dato che vi sono molte idee discordi.