#1 Il problema dei pagamenti: ecco le nostre proposte

il | Guadagnare online | 95 commenti

Inizia oggi la prima discussione propositiva (di una lunga serie) finalizzata a risolvere uno dei principali problemi dei programmi di affiliazione. Si parte con lo scottante tema del ritardo nei pagamenti. Su alVerde abbiamo già descritto e commentato questo problema in diverse occasioni, ma da oggi proviamo a suggerire anche delle soluzioni con il contributo di tutti gli interlocutori (affiliati, merchant e network)  che vorranno intervenire.

Il concetto alla base del problema è questo: un network di affiliazione paga gli affiliati solo dopo aver ricevuto i soldi dai merchant, quindi se un merchant paga le proprie fatture con qualche mese di ritardo, gli affiliati ricevono i soldi con qualche mese di ritardo.  Se il merchant non paga, l’affiliato non riceverà mai i soldi meritatamente guadagnati.

Sempre più spesso si verificano questi ritardi nei pagamenti ed a volte non sono solo ritardi

Ritardare il pagamento ad un publisher/affiliato può generare problemi economici e comunque genera insicurezza nel sistema. La non certezza del pagamento può produrre, inoltre, la mancanza di investimento nei siti gestiti e questo è un danno sia per il publisher, sia per il network di affiliazione.

Quali soluzioni si possono adottare?

  1. Indicare i tempi di pagamento concordati con il merchant all’interno della scheda programma
     
  2. Prevedere un termine massimo oltre il quale la campagna insolvente viene automaticamente sospesa
     
  3. Aumentare ed incentivare le campagne in pre-pagamento
     
  4. Aggiornare costantemente i publisher in maniera ufficiale in merito all’attività di recupero crediti

Ritieni queste 4 proposte utili e fattibili? Vuoi proporre qualcosa di diverso? Scrivi un commento e partecipa al dibattito. Grazie!

Autori: John24, Indiana2, paolo.moro

Commenti

  1. Io ho notato che in molti casi, nonostante scrivano quali sono i tempi di approvazione della commissione guadagnata ed i tempi di pagamento, poi questi vengono comunque spesso disattesi. Per non parlare poi delle commissioni che vengono prima approvate e poi, successivamente, rifiutate.

    Secondo me, come publishers, siamo pressoché alla mercè dei merchant, scusate il gioco di parole. Alla fine loro decidono se e quanto pagare e, fino a che non violino qualche legge del diritto italiano, possono continuare a farlo.

    L'unica arma che abbiamo in mano noi è il passaparola, per cui sono assolutamente d'accordo sul fatto che debbano essere sempre indicati il vero nome della società, il marchio di riferimento più noto o i marchi più noti e pure i nomi delle persone responsabili dell'affiliazione e i più alti dirigenti, con tanto di indirizzo email aziendale di ognuno, numeri di telefono degli uffici e indirizzo fisico dell'azienda, verso cui poter inviare le proprie lamentele!
    Verissimo, i pagamenti devono essere puntuali e le condizioni chiare. Cosi' un affiliato sa sempre come vanno le cose, e se vale la pena di continuare a promuovere un network/merchant.
    Anche io penso che i siti di affiliazioni dovrebbero avere un punteggio,pero'

    dovrebbero dimostrare la loro affidabilita',diminuendo il payout e pagando piu' volte nel mese,tipo payout 10 euro,pagando una volta lalla settimana,cosi'

    si sa che un sito di affiliazione e' affidabile,invece di come fanno certi siti

    con 100 euro pagando in 60 giorni,dopo che si sono fatti publicita' e che potrebbero chiudere e non pagare,facendo un danno
    Grazie per l'intervento Guida Di Praga!

    In merito al punto 1, io penso che se il network facesse veramente il suo lavoro e cioé fosse sia controllore sia selezionatore delle migliori campagne, il sistema per i publisher e i merchant sarebbe molto più efficiente.

    Putroppo la realtà attuale è ben diversa e parlare di affiliazioni e performance con i sistemi attuali, a mio avviso è un po' fuorviante.

    Il secondo punto "PayPerRequest" è interessante, ma non vedo la possibilità di un controllo diretto, nel senso che se io publisher ho i dati del contatto, chi mi garantisce che non ci sia stato effettivamente l'ordine? dovrei contattare il "lead" e chiedere?

    Questo punto non mi è molto chiaro della tua proposta.

    Sul punto 3, quello dei pagamenti, penso che il problema del prepagato sia relativo a due cose per i merchat:

    a. Quanto viene chiesto in prepagamento (importi)

    b. La mancanza di un rimborso

    L'esempio che hai fatto spiega bene la situazione, se ad un merchant il network richiede un anticipo di commissioni di qualche migliaio di euro, difficile che il merchant sia d'accordo, se invece la richiesta è molto più contenuta e c'è un discorso di rimborso delle commissioni non generate in tempi certi e brevi, non vedo quale sia il problema del prepagamento.

    Non credi? è chiaro che oggi la cosa è difficile, i network chiedono uno startup (5-6.000 euro) e fissi mensili attorno ai 600-700 euro, se in più vengono richieste anche le commissioni in anticipo, molte piccole realtà sono automaticamente escluse.

    Ciao

    John24
    Gentilissimi signori, mi permetto di intervenire anch'io. E lo faro dal punto di vista di un piccolo merchant nel settore turistico.

    Vedo tantissimi proprietari dei siti che vorrebbero guadagnare con l'affiliate marketing. Ma purtroppo al giorno di oggi nessuno si fida degli altri e gia dall'inizio uno si aspetta una truffa. E vi capisco perche di truffe sull'internet ce ne sono parecchie. Ma purtroppo la mancaza di fiducia minaccia di rovinare tutto il sistema.

    Ecco una mia idea come risolvere - almeno parzialmente ed in alcuni settori - il problema.

    1) Lasciar perdere gli intermediari e lavorare direttamente con i fornitori del servizio. Lo so che e un lavoro in piu ma grazie alle commissioni piu alte e condizioni stabilite direttamente con il merchant il sistema potrebbe essere molto piu reditizio.

    2) Abbandonare il sistema PayPerSale passando al PayPerRequest. Mi spiego ... sappendo che il sistema probabilmente non puo funzionare con tutti ma almeno in alcuni casi sarebbe da valutare.

    Cioe, io o qualsiasi imprenditore online riesco a sapere - grazie all'esperienza fatta col propio sito - quante richieste si realizzano veramente. La percentuale non varia molto, non e che in un mese 90% di richieste si trasforma nelle vendite ed il mese dopo la percentuale si abbassa al 10%.

    Di conseguenza un affiliato potrebbe creare una pagina dedicata al prodotto con anche un modulo di richiesta che invia i dati sia all'affiliato sia al merchant. Cosi l'affiliato ha un pieno controllo sulle richieste generate dal proprio sito ed il merchant va avanti con quello che bisogna fare per realizzare la vendita.

    Naturalmente bisogna evitare le richieste fraudolenti inviate dall'affiliato stesso, dagli amici dell'affiliato, dai ragazzini che si divertono rompendo le scatole a chi lavora seriamente, dai concorrenti, ecc. Ma qui stiamo parlando di un rapporto fra due persone che - lavorando insieme - dopo un po' si conoscono benissimo e non credo che sia un grande problema di mettersi d'accordo ... specialmente se si lavora e si guadagna bene!

    Il grande vantaggio del PayPerRequest e che l'affiliato, generando le richieste sul proprio sito, riesce ad avere il controllo assoluto e non deve fidarsi di un altro che approva o cancella le vendite. Non servono cookies, non servono i codici personali, ecc. L'affiliato si guadagna la comissione su ogni richiesta inviata ... salvo i casi di cui ho parlato prima.

    3) I pagamenti. E' una cosa da decidere fra le due parti del contratto. C'e l'affiliato che non si fida del merchant e vorrebbe essere pagato in anticipo. Ma c'e anche il merchant che non si fida dell'affiliato e vuole pagare solo per i risultati. Bisogna prendere in considerazione anche la credibilita delle due parti. Ma secondo me avendo un rapporto diretto una soluzione si trova sempre. Certo, non manderei mai 1000 euro ad un tizio sconosciuto. E non vorrei aspettare pregando Iddio che un'azienda anonima me li pagasse. Ma abbassando il PayOut? Dai, fino ad una certa cifra sono pronto a rischiare pagando il mio partner in anticipo.

    Ecco qualche idea come fare l'affiliate marketing in maniera diversa da come lo conosciamo oggi.
    anche questo argomento mi tocca molto, sono rimasto fregato piu di una volta con i pagamenti, oggi e sempre piu difficile incontrare aziende serie, in maniera particolare in questi tempi, pero come gia dicevo, ci sono aziende in maniera particolare estere con le quali si puo incominciare ad avere un rapporto di fiducia e in una settimana massimo quelle volte che dovevo essere pagato non hanno esitato a mandarmi i denaro spettante.
    comincio a pensarla anch'io in questo modo... ho un articolo scritto 6/7 mesi fa che ogni tanto rileggo, aggiorno, correggo.

    Il titolo provvisorio è "Affiliazioni: un sistema che castra il business sul web" ma forse lo intitolerò più o meno così: "Ecco perché se vuoi fare business serio sul web non devi lavorare con le affiliazioni"

    E non si parla, ovviamente, solo di ritardi nei pagamenti. Anzi, direi che è il fattore meno incisivo.

    Magari un giorno o l'altro lo pubblico... ma sono un buono e attendo di essere sconfessato... ;-)
    Totale circa 6 mesi... si riprende la discussione di aprile/maggio.

    Non si può attendere un pagamento per sei mesi perchè quando una società decide di non pagare (o non può) tu hai perso la metà del fatturato per quella posizione pubblicitaria.

    Internet, mail, paypal, messenger, etc.. stiamo parlando di un mondo che utilizza meccanismi online ed utilizza tecniche di pagamento degli anni '50.

    Io ho qualche centinaia di siti ed ho abbandonato tutte le affiliazioni, si sono molto redditizie viste singolarmente, ma c'è sempre qualche programma che non paga o non approva e fa abbassare la media a guadagni a volte ridicoli.

    Pensate a forme alternative di guadagno e tenete questa come ultima spiaggia..

    Un saluto
    E non teniamo conto della situazione più comune: tra piattaforma e merchant c'è quasi sempre un'agenzia (che è quella responsabile delle porcate con cookie competition e cancellazioni illegali) che si comporta esattamente come l'affiliazione: se non viene pagata, non paga e quando viene pagata fattura a 30/60 giorni. In pratica, due affiliazioni a catena che allungano ulteriormente i tempi.
    @indiana2

    se ci pensi sono anche stato fortunato nel senso che non c'è stato il ritardo dell'approvazione che hanno altri programmi.

    Mediamente ci sono 30 giorni di tempo per approvare una sale in questo caso dal 10 ottobre si passava al 20 novembre, la fattura sebbe stata emessa i primi di dicembre 2011, con scadenza a fine febbraio 2012 e quindi pagamento al 20 marzo 2012.

    Quindi con un ritardo complessivo che sarebbe arrivato a:

    20 giorni ad ottobre

    +30 giorni per arrivare alla data di emissione della fattura

    +90 giorni per il pagamento del merchant

    +20 giorni per il pagamento al publisher

    Totale: 160 giorni (5 mesi e 10 giorni).

    Questo per dire che il problema non è solo il tempo dato al merchant per il pagamento, ma anche tutti i tempi a "corollario" di questo.

    Ciao

    John24
    Concordo,

    e non è l'unico caso. Sono davvero molti i merchant che fanno così. Di solito, se non si è "sul pezzo" tutti i giorni, ce ne si accorge quando si cambia piattaforma al programma (ad esempio da TD a Zanox o viceversa)... dopo mesi che non tracci più vedi ancora fatture con scadenza a mesi avanti. Tutta roba vecchia. Dando un'occhiata ci si rende conto che a 3 mesi dall'ultima conversione hai ancora fatture in pagamento, non scadute che con i canonici 40 giorni (ammettiamo senza ritardi) diventano un abisso.

    Occorre tornare in carreggiata. Fatture a 30 giorni dalla conversione (che arrivano a max 60 col pagamento). Di più è puro lucro.
    Mi è salta all'occhio questa sera una fattura in TD, merchant Sisal-Matchpoint, che ha come scadenza il 31/01/2012.

    Visto che ho portato una sola sales, sono andato a vedere quando è stata tracciata quella sale, la data è 10/10/2011.

    In pratica: sale tratticata 10/10/2011, fattura in scadenza il 31/01/2012 e pagamento attorno al 20 febbraio 2012 (se non ci sono ritardi con il pagamento della fattura).

    Il merchant paga a 90 giorni, ma a questi vanno aggiunti altri 40 giorni, perché la fattura viene emessa a inizio mese successivo e il pagamento avviene il mese successivo a quello dell'incasso.

    Quindi in totale siamo a 130 giorni circa (se non ci sono ritardi).

    Non c'è nulla di irregolare, però pensare che per incassare una commissione su una vendita pagata cash dal cliente, ci vogliano 130 giorni... fa pensare, no?

    Ciao

    John24
    Io ha dal 6 giugno che attendo soldi da uno sponsor... come avete dette voi, si perde la speranza per investimenti sul sito stesso!
    Confermo che la cifra richiesta mensile si aggira su questi importi,

    ho contattato un noto network ma per aderire come merchant :

    La dimensione della mia azienda e' piccola e le loro richieste di attivazione

    account erano molto alte (qualche K euro) , anche il fisso mensile ho detto loro che era decisamente alto nonostante fossi molto interessato a fare PPS e PPL seriamente.

    La gentile signorina al telefono mi dice che forse si poteva fare qualcosa per il costo di attivazione ma poco per quanto riguarda il fisso mensile, chiedo quindi di inviarmi il contratto e mi dice che mi manderà anche della documentazione.

    Non ho mai ricevuto nulla e quando la richiamo... suona il cell e non risponde !!!

    Anche i piccoli merchant vorrebbero crescere ma vengono ignorati :bored:

    Altri che ho contattato mi propongono prima di tutto DEM che sinceramente non possono essere profilati come interessa a me.

    Io pagherei provvigioni se mi si portano clienti soprattutto paganti, qualche idea per un piccolo merchant come me?

    si potrebbe aprire un post sull'argomento.
    Sicuramente io farei quello che dici tu, ma qui il problema è un'altro... quando fai una campagna in PPS su un network di affiliazione, devi considerare TUTTI i costi (chi la gestisce, chi la controlla, chi genera i banner ecc.) e le commissioni sono solo un parte (probabilmente relativamente piccola) dell'insieme dei costi.

    Se il primo obiettivo è quello di non perdere il cliente, il network farà di tutto perché questo non accada.

    In particolare farà in modo che la campagna sia conveniente per il merchant, per cui farà in modo che i benefici siano superiori ai costi, no?

    Non potendo certo rinunciare al suo fisso, dove potrà tagliare il network per "rendere felice" il merchant?

    Vedi questo spiega perché vengono tenute attive campagne che ai publisher(sottolineo "ai publisher") non convertono/rendono, oppure perché al primo problema di tracciamento, vengono cancellate tutte le commissioni tracciate in precedenza.

    Il motivo per cui ci sono commissioni che non vengono messe in pagamento per mesi. Perché se il merchant è in ritardo con i pagamenti le campagne non vengono mai interrotte.

    Capisci? questo è il cuore di tutto a mio modo di vedere, è LA risposta.

    Il problema è che il mercato non offre alternative, non c'è reale concorrenza, fai caso al fatto che gli stessi programmi sono presenti su più di un network e guarda caso con le stesse identiche condizioni.

    Possiamo parlar male quanto vogliamo di network e merchant, ma finché non ci saranno alternative e a loro questo sistema converrà, non cambierà nulla.

    Abbiamo fatto in questa sezione decine di proposte, discusse con network e merchant, nessuna ad oggi è stata implementata, eppure le proposte erano in gran parte realizzate almeno su un network, per cui non c'erano problemi tecnici o impedimenti particolari...

    Ciao

    John24
    John va benissimo quello che dici ma se tu avessi una impresa con 10 dipendenti che ti producono 1 milione di euro di fatturato metteresti mano a quei 150 mila € per pagarli e tenerteli stretti o diresti per il momento mi tengo sti 150 mila € e chi vivrà vedrà?

    Poi, ripeto, gli accordi tra azienda e network sono cose che a me (affiliato) non interessano sono problemi loro, a me interessa il pagamento a fine mese in mancanza del quale posso aver pazienza 2, 3, 6 mesi, ma poi.....

Tags: