User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Vendita servizi via internet - mancanza codice fiscale compratore - elenchi fornitori

  1. #1
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    1
    Ringraziamenti ricevuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Vendita servizi via internet - mancanza codice fiscale compratore - elenchi fornitori

    Buonasera

    Vorrei aprire un sito di servizi online (download contenuti) con pagamento via paypal.

    REGIME FISCALE: Regime dei minimi 2012 (imposte 5% sul fatturato)

    TIPO DI ATTIVITA': Vendita di servizi via internet (download) con pagamento automatico online
    (clicchi e paghi via paypal)

    FATTURAZIONE: Dato che si tratta di commercio elettronico diretto c'è obbligo della fatturazione
    tuttavia non dispongo dei codici fiscali degli utenti e molti sono contrari a fornirlo dato che si
    tratta di piccoli pagamenti di pochi euro (anche 1 euro).

    Tutti i dati del compratore li riesco a vedere dal paypal ma non dispongo del codice fiscale.

    Ho dei dubbi in merito la fatturazione a privati senza codice fiscale si tratta di piccoli importi.

    Potrei anche fatturare ai privati senza codice fiscale secondo alcuni ma per gli elenchi fornitori-clienti
    come mi regolo non possedendo dei codici fiscali degli utenti ?

    Leggevo su internet che questi elenchi fornitori-clienti sono stati reinstrodotti dal decreto fiscale 2012
    ''L'obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini dell'Iva per le quali e' previsto l'obbligo di emissione della fattura e' assolto con la trasmissione, per ciascun cliente e fornitore, dell'importo di tutte le operazioni attive e passive effettuate''. Lo prevede la bozza del dl fiscale.

    ''Per le operazioni per le quali non e' previsto l'obbligo di emissione della fattura la comunicazione deve essere effettuata qualora le operazioni siano di importo non inferiore ad euro 3.600, comprensivo dell'Iva''
    Che problemi e limiti posso avere fatturando ai privati senza codice fiscale ?

    Oltre gli elenchi fornitori-clienti ci sono altri adempimenti che richiedono il codice fiscale dei compratori ?

    Qual'è la scelta migliore per inquadrare questo tipo di attività ?

    Grazie delle risposte.

  2. #2
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    410
    Ringraziamenti ricevuti
    65
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Vendita servizi via internet - mancanza codice fiscale compratore - elen

    Allo stato attuale (ma non è detto che vi possano essere dei cambiamenti in corsa), bisogna avere il codice fiscale del privato per poterlo comunicare con l'elenco clienti-fornitori.
    Ultima modifica di StudioPadova; 02-03-12 alle 04:59 PM
    Studio Dott. Daniele Trolese daniele.trolese@alice.it
    Consulenza aziendale, tributaria, finanziamenti agevolati, contabilità anche on line

  3. #3
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    484
    Ringraziamenti ricevuti
    35
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Vendita servizi via internet - mancanza codice fiscale compratore - elen

    ma anche per il regime dei minimi?

  4. #4
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    1
    Ringraziamenti ricevuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: Vendita servizi via internet - mancanza codice fiscale compratore - elen

    Ciao Gaetano e Daniele,

    Mi sono appena registrato nel forum perché mi ritrovo in una situazione similissima alla tua.

    Nel 2010 ho aperto una partita iva nel regime dei minimi come ditta individuale, partita iva che ho sempre utilizzato offline (corsi, siti web, etc.). Visto che era possibile (ho appena compiuto 30 anni) sono passato al nuovo regime dei minimi (irpef 5%, no ritenuta d'acconto, etc) proprio come te.

    Ho recentemente sviluppato un programmino che intendo vendere a pochi euro (conto nella grande quantità) attraverso un sito che realizzerò a breve. L'idea è di quella di rendere disponibile una versione di prova attivabile con un seriale: quindi quello che vendo è il software con il seriale per l'attivazione.

    Purtroppo il mio commercialista - per quanto bravissima persona - non sa nulla di ecommerce, sto valutando se cambiarlo.

    Ad ogni modo, da quel che ho capito girando per Internet, quello che farò è definibile come commercio elettronico diretto: ho l'obbligo di fatturare a tutti, sia aziende che privati. C'è un capitolo IVA un po' complicato, ma poiché il nostre regime ne è esente, è un problema che non ci riguarda.

    Al tuo dubbio sulla necessità di reperire il codice fiscale, ne aggiungo altri: possono essere di stimolo per te, se non li hai ancora incontrati, e di aiuto per entrambi se qualcuno ci sa aiutare.

    Ecco la lista di domande:

    * innanzitutto la tua: si può fatturare ad un privato senza codice fiscale?

    * oltre al caso di persone che non lo vogliono fornire, e dato che le mie vendite saranno in buona parte anche all'estero, dove il codice fiscale non c'è, cosa si dovrebbe fare?

    * è necessario inoltrare la fattura al rispettivo cliente dopo ogni acquisto o basta produrla in formato digitale e archiviarla per il nostro commercialista? Insomma, si può creare la fattura ma non inoltrarla al cliente se non su sua esplicita richiesta? (tipo pulsante "richiedi fattura")

    * ci si può posare sulla fatturazione automatica di PayPal? crea delle fatture numerate?

    * si può indicare sulla fattura PayPal la digitura per noi obbligatoria su ogni fattura? Se non si può fare, corriamo qualche rischio? Ecco la dicitura:
    Operazione senza applicazione dell’IVA ai sensi dell’Art. 1, comma 100, legge n. 244/2007. Regime fiscale di vantaggio ex art. 27, commi 1 e 2 DL n. 98/2011. Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto come previsto dal provvedimento dell’agenzia delle entrate 22.12.2011, prot. 185820.
    * fiscalmente posso creare due numerazioni separate (una per le fatture online, una per quelle fatture offline) o deve essere una numerazione unica? In quest'ultimo caso sarebbe un po' un casino perché dovresti dire a PayPal di saltare - per esempio - un numero progressivo perché hai fatto la fattura offline. Oppure le fatture non le dovrebbe fare PayPal ma io, una ad una a manina.

    * la marca da bollo può essere messa solo su una fattura cartacea, quindi come si fa? non si mette la marca da bollo sulle fatture online?

    * poiché siamo ditta individuale, possiamo aprire un conto PayPal PRIVATO invece che business? (Mi sa di no, perché mancano delle funzioni.)

    * dove si trovano informazioni su questo elenco fornitori? Io non l'ho mai fatto finora... come funziona e a cosa serve?

    Speriamo di capirci di più... sono un po' spaesato..

    Un saluto intanto, ciao
    Dario

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •