User Tag List

Pagina 6 di 16 PrimaPrima ... 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ... UltimaUltima
Risultati da 76 a 90 di 228

Discussione: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo delle spese.

  1. #76
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    2,249
    Ringraziamenti ricevuti
    424
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    9
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    Citazione Originariamente Scritto da jaydee Visualizza Messaggio
    2.ho letto però, in un altro topic, che possono aprire ditta individuale solo coloro che hanno anche un contratto di lavoro subordinato, confermate?
    No hai letto male o solo frettolosamente.
    Tutti posssono (tranne interdetti o dichiarati falliti...) aprire una ditta individuale.

  2. #77
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    267
    Ringraziamenti ricevuti
    7
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    Ho fatto confusione scusate, ho parlato di ditta individuale, ma in realtà mi riferivo a tutto come libero professionista, da qui il misunderstanding tra quel che dicevo e le vostre risposta...Comunque ecco il passaggio a cui mi riferivo:
    Partita iva, alcune delucidazioni
    1.È possibile aprire partita iva come libero professionista (evitando di pagare i famigerati 2.800 euro annui di minimale INPS)? Sì, ma solo se hai anche un contratto di lavoro subordinato (dipendente) altrimenti, se intendi svolgere una attività professionale continuativa (cioè un lavoro come tutti gli altri) devi aprire la P.I.
    per quanto riguarda il 20% erano i contributi previdenziali, ed in effetti mi ero perso un passaggio.
    Ci riprovo con i dati che si trovano su questo sito in vari topic:
    Mio guadagno lordo-20%(contributi previdenziali)=800-20%=640€ (imponibile)
    Imponibile-tasse= 640-26.72% (dato trovato nel primo post di questo topic, non so se va a scaglioni ma in caso l'oscillazione suppongo non sarà poi così grande. Nell'ordine del 5% forse)=469€
    Ricavo netto-iscrizione camera di commercio=469€-100€(trovato qui)=369€
    Escludendo il commercialista, spesa che non mi risulta essere obbligatoria, dovrei essere in attivo, o sbaglio qualcosa?
    Ovviamente parliamo di regime di contribuente minimo dove (come indicato sempre qui) non si versano IRPEF, IRAP e IVA.
    Dove ho sbagliato? Non parlo di eventuali percentuali o valori approssimati o errati, mi riferisco a qualche omissione, insomma cosa mi manca?

    Una domanda mi sorge invece su quanto detto da uccelloalbatros poco sopra:
    Dai ricavi devi togliere il 20% di contributi previdenziali con un minimo di 3000 euro l'anno
    Minimo.. Dunque se non arrivo ai 3.000 come nell'esempio che sto riportando come funziona?
    Ultima modifica di jaydee; 04-07-10 alle 04:31 PM

  3. #78
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    166
    Ringraziamenti ricevuti
    12
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    Citazione Originariamente Scritto da jaydee Visualizza Messaggio
    Minimo.. Dunque se non arrivo ai 3.000 come nell'esempio che sto riportando come funziona?
    Che paghi comunque 3000 euro.

  4. #79
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    267
    Ringraziamenti ricevuti
    7
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    quindi tutto quel che ho scritto sopra è sbagliato?

    E conseguentemente per poter stare in attivo, o almeno pari, aprendo una partita IVA bisogna guadagnare circa 3.500 euro annui. O c'è ancora qualcosa che mi sta sfuggendo?

  5. #80
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    52
    Ringraziamenti ricevuti:
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    Forse ti sta sfuggendo che siamo in Italia

  6. #81
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Messaggi
    203
    Ringraziamenti ricevuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    mi aggiungo al caso di jaydee, quindi mi confermate che se non si raggiungono i 3500 euro annui è meglio non aprire p.iva? e se io ho un co.co.pro. i redditi non si sommano vero?grazie

  7. #82
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    40
    Ringraziamenti ricevuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    Se non raggiungi i 3500 euro annui è meglio non aprire partita IVA come ditta individuale! Al massimo, da quello che si è detto fino ad ora, potresti aprirla come libero professionista (sempre regime dei minimi): in quel caso, come tasse e contributi, andresti a pagare solo in proporzione ai tuoi guadagni!
    Oort.it ...dove la scienza stupisce e diverte!

  8. #83
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    267
    Ringraziamenti ricevuti
    7
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    Grazie mille, perfetto, è quel che intendevo dall'inizio pur avendo fatto confusione fra i due all'inizio. Da cui il mio esempio seguente che riporto nuovamente:

    Mio guadagno lordo-20%(contributi previdenziali)=800-20%=640€ (imponibile)
    Imponibile-tasse= 640-26.72% (dato trovato nel primo post di questo topic, non so se va a scaglioni ma in caso l'oscillazione suppongo non sarà poi così grande. Nell'ordine del 5% forse)=469€
    Ricavo netto-iscrizione camera di commercio=469€-100€(trovato qui)=369€
    Escludendo il commercialista, spesa che non mi risulta essere obbligatoria, dovrei essere in attivo, o sbaglio qualcosa?
    Ovviamente parliamo di regime di contribuente minimo dove (come indicato sempre qui) non si versano IRPEF, IRAP e IVA.
    Dove ho sbagliato? Non parlo di eventuali percentuali o valori approssimati o errati, mi riferisco a qualche omissione, insomma cosa mi manca?

    Però resta l'interrogativo sul fatto se tutti possono aprire la partita IVA come libero professionista:
    1.È possibile aprire partita iva come libero professionista (evitando di pagare i famigerati 2.800 euro annui di minimale INPS)? Sì, ma solo se hai anche un contratto di lavoro subordinato (dipendente) altrimenti, se intendi svolgere una attività professionale continuativa (cioè un lavoro come tutti gli altri) devi aprire la P.I.

  9. #84
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    40
    Ringraziamenti ricevuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    Nel tuo calcolo dovrebbe esserci un errore: hai invertito le tasse con i contributi. Il 20% in realtà sono le tasse mentre il 26.72% i contributi previdenziali!
    Oort.it ...dove la scienza stupisce e diverte!

  10. #85
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    267
    Ringraziamenti ricevuti
    7
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    ok, ma il risultato finale resta lo stesso. Seguendo questo ragionamento dunque aprendo una partita IVA come libero professionista (sempre se sia possibile a tutti, non l'ho ancora capito) in regime di contribuente minimo non è necessario superare i 3.500 euro di introito.
    Sbaglio?

  11. #86
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    23
    Ringraziamenti ricevuti
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    Non vorrei mettere il dito nella piaga, ma il calcolo del libero professionista nel regime del contribuente minimo ha un ordine errato (anche se il risultato finale è corretto)

    Non corretto:
    Libero professionista
    15'000 euro (guadagno lordo annuale) - 20% (contributi previdenziali) = 12'000 euro (imponibile). Ai 12.000 euro andrà tolto il 26,72% di tasse (12.000 - 26,72% = 8793 euro netti).
    Corretto:
    Libero professionista
    15'000 euro (guadagno lordo annuale) - 26,72% (contributi previdenziali) = 10992 euro (imponibile). Ai 10992 euro andrà tolto il 20% di tasse (10992 - 20% = 8793 euro netti).

  12. I seguenti utenti hanno ringraziato m4n3m per questo utile post:

    investor6 (08-07-10)

  13. #87
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    23
    Ringraziamenti ricevuti
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    Citazione Originariamente Scritto da jaydee Visualizza Messaggio
    ok, ma il risultato finale resta lo stesso. Seguendo questo ragionamento dunque aprendo una partita IVA come libero professionista (sempre se sia possibile a tutti, non l'ho ancora capito) in regime di contribuente minimo non è necessario superare i 3.500 euro di introito.
    Sbaglio?
    Nel regime del contribuente minimo, se scegli di essere un libero professionista (dove l'attività lavorativa dipende dal frutto del tuo ingegno e lavoro personale, nel quale NON rientrano il commercio di qualunque sorta esso sia, vendita software non personalizzato, Hosting, AdSense ecc), puoi iscriverti alla gestione separata dell'inps come libero professionista senza cassa dove paghi il 26,72% del reddito lordo annuo.

    Se invece vuoi aprire un'attività commerciale (o artigianale per esempio), sempre sotto il regime del contribuente minimo, pagherai come nel caso precedente il 20% dell'imponibile (già detratto dei versamenti previdenziali quindi) annuo di tassazione al fisco MA non potendoti iscrivere alla gestione separata dell'inps, dovrai farlo a quella ordinaria come commerciante (o artigiano) dove paghi il minimale di 2.887,14€ fino a 14.334€ di reddito lordo ecc.

    Fonti
    --------------------
    Gestione separata, libero professionista senza cassa:
    INPS - Canale Informazioni

    Aliquote gestione separata:
    INPS - Canale Informazioni

    Gestione ordinaria, commerciante, con relative aliquote e limiti minimali:
    INPS - Canale Informazioni
    Ultima modifica di m4n3m; 08-07-10 alle 02:48 PM Motivo: Typo

  14. #88
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    166
    Ringraziamenti ricevuti
    12
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da jaydee Visualizza Messaggio
    E conseguentemente per poter stare in attivo, o almeno pari, aprendo una partita IVA bisogna guadagnare circa 3.500 euro annui. O c'è ancora qualcosa che mi sta sfuggendo?
    Circa sì.

    Citazione Originariamente Scritto da aeliath Visualizza Messaggio
    fino ad ora, potresti aprirla come libero professionista (sempre regime dei minimi): in quel caso, come tasse e contributi, andresti a pagare solo in proporzione ai tuoi guadagni!
    Non si sceglie se inquadrarsi come imprenditori o come lavoratori autonomi!

    E' l'attività che svolgi che ti classifica come imprenditore o lavoratore autonomo e che ti obbliga ad inquadrarti come tale!

    Citazione Originariamente Scritto da jaydee Visualizza Messaggio
    questo ragionamento dunque aprendo una partita IVA come libero professionista (sempre se sia possibile a tutti, non l'ho ancora capito) in regime di contribuente minimo non è necessario superare i 3.500
    Non si sceglie se inquadrarsi come imprenditori o come lavoratori autonomi!

    E' l'attività che svolgi che ti classifica come imprenditore o lavoratore autonomo e che ti obbliga ad inquadrarti come tale!
    Ultima modifica di DonClaudissimo; 08-07-10 alle 06:22 PM Motivo: Merge 3 post

  15. #89
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    2,249
    Ringraziamenti ricevuti
    424
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    9
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    @m4n3m: ogni segnalazione di errore è ben accetta.
    Il post iniziale è stato modificato.
    Mi stupisce che un errore del genere non sia stato visto prima.
    Grazie di nuovo.

  16. #90
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    8
    Ringraziamenti ricevuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Downloads
    0
    Uploads
    0

    Predefinito Riferimento: P.IVA: ditta individuale o libero professionista. Esempio di calcolo del

    Scusate, ma questi conti si devono fare anche se i guadagni vengono tramite siti tipo megaupload, rapidshare e simili?

    E se vi sono guadagni che arrivano in parte da adsense ed in parte dai siti sopra citati, va bene aprire la partita iva come libero professionista per risolvere la situazione fiscale di entrambe le questioni? ( parlo comunque di guadagni bassi )

    Grazie

Pagina 6 di 16 PrimaPrima ... 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 25-07-12, 01:38 PM
  2. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 16-04-10, 04:54 PM
  3. ditta individuale
    Di art nel forum FISCO, TASSE e LEGGI
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-04-08, 04:57 PM
  4. Ditta individuale
    Di zorrozoba nel forum FISCO, TASSE e LEGGI
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 05-11-06, 02:25 PM
  5. ditta individuale
    Di magma nel forum FISCO, TASSE e LEGGI
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 17-01-05, 01:54 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •