Scrivere per il "lettore mobile": 4 modi per attirare la sua attenzione

il | Guadagnare online | 0 commenti

Mancano pochi mesi, per Google: già, perché nel 2015, secondo le stime del colosso del web le ricerche tramite dispositivi mobile supereranno le ricerche effettuate tramite desktop.

Nel solo 2013, la spesa in pubblicità tramite mobile è cresciuta del 120% rispetto all’anno precedente (contro un +2,3% della pubblicità online standard). Fonte: http://www.entrepreneur.com/article/234623

Non è tutto: il passaggio da browser ad app diventa sempre più graduale e inarrestabile, con un 85% di preferenze verso l’uso delle app rispetto a webapp o siti responsive: da questo punto di vista, Facebook regna incontrastato con oltre 1 miliardo di utenti attivi via mobile mensilmente e diventando la chiave d’accesso preferita (45%) per altre applicazioni, grazie al Social Login. Fonte: http://socialmediatoday.com/irfan-ahmad/2536576/15-fascinating-facebook-mobile-and-app-stats-infographic

Per questo motivo, è bene considerare per ogni strategia di web marketing il contesto in cui si muoverà il lettore: in tal caso, il contesto è quello dei dispositivi mobile. Ecco alcuni consigli di copywriting per comunicare correttamente a lettori “mobile”:

  1. Newsletter: le e-mail sono vitali in un dispositivo mobile, poiché sono di fatto il fulcro su cui si innestano le varie app nonché lo strumento principe di lavoro. Lo scarso tempo a disposizione e la connessione non sempre stabile rendono necessari: testi rapidi, call to action molto evidenti e immagini che si visualizzino facilmente (in bassa qualità).
  2. Visuale: come nelle newsletter è bene inserire elementi visuali, così in generale è bene sfruttare l’attrattività di tutto ciò che è visivo, di impatto, per permettere rapide condivisioni  (le condivisioni via mobile sono il doppio rispetto al desktop). Non sapete come farle? Ecco alcuni strumenti utili per realizzare immagini vincenti online.
  3. Rapidità: l’utente mobile è di corsa e, come detto, non sempre ha a disposizione una connessione stabile. Che fare dunque? I contenuti che leggerà volentieri sono brevi, con spaziature frequenti e grassetti che possano guidare la lettura. Arrivate rapidamente al punto centrale, al succo del discorso: cercate di posizionarlo più in alto possibile nel testo. L’utente mobile, viceversa, salterà a piè pari testi lunghi e compatti o video, se troppo lunghi.
  4. Layout del testo: come anticipato, il layout del testo ha un ruolo chiave. Ecco che grassetti, corsivi, spaziature frequenti e punti elenco o punti numerati favoriscono la permanenza sulla pagina del lettore, che troverà rapidamente le informazioni principali, senza stancarsi. In particolare, i punti elenco permettono una lettura veloce e un’acquisizione delle informazioni principali senza annoiare il lettore.

Queste 4 semplicissime considerazioni fanno a pugni con una situazione strutturale di alcuni siti web decisamente sorpassata: visti i dati riportati ad inizio articolo, è un peccato mortale non avere siti web responsive per tablet e smartphone.

Detto questo, le considerazioni fin qui fatte sono per la verità valide per qualunque contenuto online, anche se non viene pensato direttamente per il mobile.

Osservando i dati di inizio articolo, però, queste considerazioni sono ancora più valide: ancora pochi mesi e sarà sorpasso del mobile. Siete pronti?

Tags: