Keystone e BuonoEdEconomico: 2 modelli di Affiliate molto diversi...

il | Articoli, Guadagnare online | 0 commenti

Keystone e BuonoEdEconomico 2 modelli di Affiliate molto diversi

Dopo il caso di affiliate marketing di successo “benrasato”, di cui abbiamo parlato qualche settimana fa (qui l’articolo completo –> www.alverde.net/blog/benrasato-caso-successo-affiliate-marketing/2870/), voglio dirigermi su altri due progetti meritevoli di analisi.

Si tratta di progetti sicuramente molto diversi per quanto riguarda l’argomento, ma con notevoli differenze anche nelle scelte che sono state fatte per farli funzionare. Mi riferisco a:

Si tratta di due modelli molto diversi…

BuonoedEconomico – quando il contenuto vince sulla forma

A differenza dei siti di keystoneacademic, buonoedeconomico.it è un sito molto semplice, alla portata di tutti, che si può costruire senza l’apporto di un web developer. E’ sufficiente seguire una delle tantissime guide online (gratuite) per aprire un sito con WordPress e caricare un template.

La vera forza di questo progetto, semmai, risiede in altri aspetti:

  1. Semplicità fa rima con velocità del sito: è un sito senza fronzoli, spartano, con una grafica praticamente inesistente. Questo facilità sicuramente gli spider dei motori di ricerca che scansionano rapidamente il sito, così come gli utenti (anche quelli meno evoluti), che non si perdono nel sito. La funzione “Cerca” è ben evidente in alto a destra in ciascuna pagina e in home page, dando indicazione immediata di come funziona il sito: “cerca un prodotto di cui vuoi sapere l’opinione e leggi l’articolo”.
  2. Punti di conversione ben camuffati (per i non addetti), il che rende questo progetto di Affiliate ancora più cinicamente efficace. Non c’è spazio per i banner, ma solo per i link affiliati, ripetuti nel testo e nei bottoni arancioni (unico stacco molto visibile rispetto al “bianco-nero” del testo), che reclamano prezzi scontati su Amazon.
  3. Grande rilevanza agli articoli-recensioni – l’unica tipologia di contenuto vero presente nel sito – esibiti in posizione principale nella sidebar destra. Si tratta di un modo per incentivare la lettura di altre recensioni, con conseguente miglioramento dei numeri di pagine medie per visita e del tempo di permanenza nel sito.
  4. Contenuti SEO-oriented al centro di tutto, i canali Social non servono: si contano circa 6 contenuti al giorno. Nei tuoi progetti riesci a tenere questo ritmo? Quando parlo di cura dei dettagli e applicazione mi riferisco a questo. Ciascun contenuto è strutturato e disposto nella pagina in maniera chiara, con tutti gli headings al suo posto. E’ evidente anche un’ottima ricerca sulle keyword da usare; credo anche che siano scritti con notevole perizia. A differenza di altri siti, i post sono piuttosto brevi: il rischio “thin content” è comunque scongiurato; inoltre si sopperisce alla brevità dei contenuti con l’incredibile frequenza di pubblicazione.
  5. User Generated Content. L’aggiornamento dei contenuti pubblicati è importante, ma diventa un lavoro estremamente gravoso su una tale mole di contenuti. Ecco che è possibile farsi aiutare dai lettori: in home page, infatti, appare il seguente annuncio…

user generated content

Il Network Keystone Academy: si tratta davvero di Affiliate Marketing?

Con lo stesso impianto grafico si trovano diversi siti web con argomento simile ma non identico: bachelorstudies.it; master-abroad.it; lawstudies.it; mbastudies.it; etc. Tutti corsi e master di eccellenza da tutto il mondo. Il target, quindi, è quello di studenti di alto livello che cercano una formazione internazionale.

L’argomento, come detto, è la formazione di alto livello: certi Master internazionali possono costare senza problemi 80 mila euro l’anno (e anche di più), perciò si intuisce facilmente il valore intrinseco anche di un solo lead per questi enti formativi – per per Keystone Academy che questi lead li raccoglie.

Questi siti hanno adottato una modalità di presentazione delle informazioni identica: operano un confronto molto dettagliato – supportato da numerosi filtri e tag – per identificare le migliori opportunità informative.

In un colpo d’occhio, in pochi secondi, un utente può capire cosa offre il mondo della formazione di eccellenza su una determinata tematica, risparmiando ore e ore di scouting online. A questo punto, l’utente chiede maggiori informazioni: la richiesta (= il lead) non va alla scuola direttamente, ma a Keystone Academy, che potrà girarlo ai singoli enti formativi, facendosi pagare la propria commissione.

Keystone funziona come la Grande Distribuzione: ha il controllo del canale, costruisce con un sito super efficiente e con customer care rapido la propria autorevolezza (anche tramite i Social Media) e decide a chi dare visibilità. Gli enti formativi che non hanno stretto un accordo con Keystone semplicemente non appaiono nei risultati e perdono potenziali clienti.

Ma quindi si tratta di Marketing di Affiliazione oppure no?

Di fatto anche il loro business rientra nelle Affiliazioni, e in quelle più ricercate. Hanno rovesciato il classico paradigma “cerco un programma di Affiliazione facile e sicuro come Amazon e parlo di determinati prodotti“, puntando su una dinamica tipo “divento il riferimento online in un settore molto ricco e poi, grazie alla mia posizione dominante e al servizio che offro agli utenti, busso alla porta degli enti formativi siglando accordi ad hoc“.

Questo è un progetto molto ambizioso, che richiede molto investimento (anche lato web development), oltre che una gestione puntuale e continuativa con i vari enti formativi.


Sono modelli facilmente replicabili?

Buonoedeconomico è più semplice, e può essere replicato e adattato da chiunque; il network di Keystone invece, a mio avviso, è molto più ambizioso e stimolante (nonché complesso), perché non dipende da un’unica affiliazione (Amazon, ad esempio), ma si rivolge a moltissimi enti formativi. Se uno di essi dovesse ritirarsi, il business non sarebbe intaccato.

Inoltre si tratta di un puro modello “pay per lead”, uno dei modelli con il maggiore value for money. Pensaci: in fin dei conti, l’utente che cerca il proprio master internazionale sarà propenso a richiedere info per diversi corsi. Ogni richiesta è gratuita per l’utente (e rappresenta uno sforzo minimo), mentre ciascuna singola richiesta ha grande valore per Keystone…

Tags: