Contenuti di qualità: da dove partire e come farli emergere?

il | Guadagnare online | 0 commenti

Un tempo bastava essere uno dei pochi business online: era più che sufficiente per farsi notare. Oggi la situazione si è decisamente complicata e il web è diventato l’ennesimo campo di battaglia contro la concorrenza. Assieme alle evoluzioni tecnologiche, cambiano continuamente le regole del gioco dettate in primis da Google. Sarete ormai stufi di sentirvi dire “Content is King”, che la qualità dei contenuti deve essere predominante rispetto al volume generato dagli stessi.

Ma cosa vuol dire “contenuti di qualità” nel 2014? Vuol dire passare attraverso un iter per nulla banale, che fa capire – tra l’altro – come il web copywriter sia un lavoro serio e come sia assolutamente indispensabile una funzione web marketing. Per perseguire una qualità dei contenuti si può partire da tre premesse:

  • Ricerca e selezione dei contenuti, affinché siano a tema con la vostra mission e che possano interessare i vostri lettori. Da dove partire? Volendo, anche da una “minestra riscaldata” e approfondendo argomenti che avete già affrontato con successo e che sono stati apprezzati.
  • Fate si che il vostro contenuto emerga dagli altri esistenti: sicuramente altre persone hanno scritto sul tema che avete scelto e ne scriveranno ancora. Cercate di trovare un taglio personale, una prospettiva che vi contraddistingua. Insomma, portate valore aggiunto in maniera totalmente personale!
  • Siate coerenti con i vostri argomenti affinché il vostro lettore possa riconoscervi ma non solo: cercate sempre di avere un occhio di riguardo per Google. Quale query di ricerca avete scelto per il vostro articolo o per la vostra pagina web?

Ok, ma per fare engagement ed emergere dalla massa? Ecco qualche consiglio…

6 consigli per far emergere i vostri contenuti

  1. Scegliete un capo (o siatelo voi) delle comunicazioni via web, che possa tenere il filo di quanto detto fino a quel momento e che progetti il futuro, inseguendo degli obiettivi che devono essere misurati costantemente.
  2. Pensate in maniera editoriale, avendo sempre i vostri lettori al centro dei vostri pensieri. Dove li state portando? Ricaveranno qualche informazione utile dal vostro contenuto? E’ un contenuto di facile condivisione?
  3. Fate ricerca. Ciò farà si che possiate mettere assieme diverse nozioni ed esperienze, creando valore aggiunto per gli internauti ma anche per voi stessi, poiché rimarrete sempre aggiornati sulle tendenze e novità del vostro settore di competenza. Questo è un modo per portare valore aggiunto.
  4. Storytelling: le emozioni vi legano con i lettori, che apprezzano e condividono qualcosa che dia loro non solo strumenti pratici ma illuminazioni e “calore”. A proposito: quali emozioni stimolare nel web marketing?
  5. Prendetevi una pausa, piuttosto che riempire i vostri siti di contenuti inutili e generici. Semmai, cercate di andare in direzione opposta: verticalizzate determinati argomenti, scendendo in profondità e magari rendendoli esclusivi e disponibili solo per gli utenti registrati (alla newsletter magari).
  6. Non abbiate paura di sbagliare: provate e riprovate, alcuni contenuti funzioneranno alla grande, altri – sui quali avrete speso ore e aspettative – falliranno. Bene, annotate la lezione e ripartite.

Vi sentite di suggerire qualche altro consiglio per dare il giusto credito ai vostri contenuti online?